Intervista al dott. Giacinto Franco, ex primario dell’Ospedale di Augusta (SR), che ha osservato sin dall’inizio degli anni ’80 un aumento notevole di patologie tumorali, soprattutto al polmone, di malformazioni e di aborti spontanei. Nell’area di Augusta, Priolo e Melilli (denominata tristemente anche “triangolo della morte”) c’è una concentrazione di impianti petrolchimici, industria chimica e dell’energia che hanno riversato nelle acque reflue e nel mare tonnellate di sostanze inquinanti, tra cui metalli pesanti come mercurio e piombo che sono elementi tipicamente responsabili delle malformazioni che si osservano negli esseri umani, ma anche nei pesci. Una tragedia paragonabile solo a quella di Minamata, avvenuta negli ’50 in Giappone, per colpa di un’industria che sversava nel mare mercurio. Nella città nipponica, però, c’è stata una grande presa di responsabilità da parte delle istituzioni e una forte sensibilizzazione dell’opinione pubblica. Oggi il Giappone è in prima linea nella promozione di un trattato vincolante che riduca notevolmente le emissioni di mercurio nell’ambiente a cui sta lavorando il programma Ambientale delle Nazioni Unite. Il prossimo incontro dell’UNEP per dibattere sul mercurio si terrà proprio vicino a Tokyo alla fine di gennaio. L’Italia ha molta strada da fare.
Intervista di Francesca Romana Orlando per A.M.I.C.A. Associazione Malattie da Intossicazione Cronica e/o Ambientale www.infoamica.it

Annunci