Esposizione all’arsenico dall’acqua potabile e la mortalità per malattie cardiovascolari in Bangladesh: studio prospettico di equipe

Abstract
Obiettivo: valutare l’associazione tra l’esposizione all’arsenico e la mortalità per  malattie cardiovascolari e valutare se il fumo di sigaretta influenza questa associazione.
Progetto: studio prospettico d’equipe con l’esposizione all’arsenico
misurato nell’acqua potabile dei pozzi e nelle urine.
Impostazione: popolazione comune in Araihazar, Bangladesh.
Partecipanti: 11.746 uomini e donne che hanno fornito campioni di urine nel 2000 e sono stati seguiti per una media di 6 anni.
Principale misurazione dell’esito: morte per malattia cardiovascolare.
Risultati: 198 persone sono morte a causa di malattie del sistema circolatorio, che rappresenta il 43% della mortalità totale della popolazione. Il tasso di mortalità per malattia cardiovascolare era di 214,3 casi per 100.000 persone all’anno per individui che bevono acqua contenente <12,0 μg / L di arsenico, rispetto ai 271,1 casi ogni 100.000 persone all’anno nei soggetti che bevono acqua potabile contenente ≥ 12,0 μg / L di arsenico. C’è stata una relazione dose-risposta tra l’esposizione all’arsenico nell’acqua e la mortalità per cardiopatia ischemica e altre malattie cardiache; i rapporti di rischio in aumento delle concentrazione di arsenico in acqua di pozzo (0,1-12,0, 12,1-62,0, 62,1-148,0, e 148,1-864,0 μg / L) sono stati 1,00 (di riferimento), 1,22 (0,65-2,32), 1,35 (0,71-2,57), e 1,92 (1,07-3,43) (P per trend = 0,0019), rispettivamente, dopo aggiustamento per potenziali fattori confondenti quali l’età, il sesso, l’abitudine al fumo, il livello di istruzione, l’indice di massa corporea (BMI), e le variazioni nella concentrazione di arsenico urinario basale. Associazioni simili sono state osservate quando l’arsenico urinario totale basale è stato utilizzato come esposizione variabile e specificamente per la mortalità per cardiopatia ischemica. I dati evidenziano una significativa sinergia di interazione tra l’esposizione all’arsenico e il fumo di sigaretta nella mortalità da malattie ischemiche del cuore e altre malattie cardiache. In particolare, l’indice di rischio per l’effetto congiunto di un moderato livello di esposizione all’arsenico (Terzo medio della concentrazione di arsenico ben 25,3- 114,0 μg / L, media 63,5 μg / L) e il fumo di sigaretta sulla mortalità per malattie cardiache è stato superiore alla somma dei rapporti di rischio associati con il loro effetto individuale (Rischio relativo eccesso di interazione 1,56, 0,05-3,14; P = 0,010).

Conclusioni: L’esposizione all’arsenico nell’acqua potabile è associato con la mortalità per malattie cardiache; questi dati peggiorano nei soggetti fumatori.
Link all’articolo originale: http://www.bmj.com/content/342/bmj.d2431.full?sid=df845ab6-992f-4210-85ec-5ecce0a0fcfa

Annunci