OMS/Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro (IARC) ha classificato i campi elettromagnetici (telefoni cellulari) a radiofrequenza come possibili cancerogeni per l’uomo
La IARC classifica i campi elettromagnetici a radiofrequenza come possibili cancerogeni per l’uomo

Lione, in Francia, 31 maggio 2011 – L’OMS / Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro (IARC) ha classificato i campi elettromagnetici a radiofrequenza come possibili cancerogeni per l’uomo (Gruppo 2B), sulla base di un aumentato rischio di glioma, un tipo di cancro maligno del cervello associato con l’uso del telefono senza fili. (237.913 nuovi casi di tumori cerebrali (tutti i tipi combinati) si sono verificati in tutto il mondo nel 2008 (i gliomi rappresentano i 2 / 3 di questi). Fonte: Globocan 2008)

BACKGROUND
Nel corso degli ultimi anni, c’è stata una crescente preoccupazione per la possibilità di effetti negativi sulla salute derivanti dall’esposizione a campi elettromagnetici a radiofrequenza, come quelle emesse da dispositivi di comunicazione wireless. Il numero di abbonamenti cellulari è stimato in 5 miliardi a livello globale.
Dal 24-31 Maggio 2011, un gruppo di lavoro di 31 scienziati di 14 paesi si riunisce nell’ IARC a Lione, in Francia, per valutare i pericoli potenziali cancerogeni di esposizione a campi elettromagnetici a radiofrequenza. Queste valutazioni saranno pubblicate come Volume 102 delle Monografie IARC, che sarà il quinto volume di questa serie concentrata sugli agenti fisici, dopo il Volume 55 (radiazione solare), il Volume 75 e il 78 sulle radiazioni ionizzanti (raggi X, gamma raggi, i neutroni, radio-nuclidi) e il Volume 80 sulle radiazioni non ionizzanti (campi a frequenza estremamente bassa elettromagnetico).
Il gruppo di lavoro della monografia IARC ha discusso la possibilità che queste esposizioni rischiano di produrre effetti sulla salute a lungo termine, in particolare un aumento del rischio per il cancro. Ciò ha rilevanza per la salute pubblica, in particolare per gli utenti di telefoni cellulari, che è grande e in crescita, soprattutto tra i giovani adulti e bambini.
Il gruppo di lavoro della monografia IARC ha discusso e valutato la letteratura disponibile sui seguenti categorie di esposizione che coinvolgono campi elettromagnetici a radiofrequenza:
– esposizioni professionali a radar e alle microonde;
– esposizioni ambientali associati alla trasmissione di segnali per radio, televisione e delle      telecomunicazioni wireless ed esposizioni personali associati con l’uso di telefoni senza fili.
Esperti internazionali hanno condiviso il complesso compito di affrontare i dati di esposizione, gli studi sul cancro negli esseri umani, gli studi sul cancro negli animali da esperimento, i dati meccanicistici ed altri dati rilevanti. 237.913 nuovi casi di tumori cerebrali (tutti i tipi combinati) si sono verificati in tutto il mondo nel 2008 (i gliomi rappresentano i 2 / 3 di questi). Fonte: Globocan 2008

RISULTATI
Le evidenze sono state riviste criticamente, e in generale valutate come “limitate” tra gli utilizzatori di telefoni wireless per glioma e neuroma acustico ed “inadeguate” per trarre conclusioni per altri tipi di tumori. Le prove dalle esposizioni occupazionali e ambientali di cui sopra sono state giudicate “insufficienti” allo stesso modo. Il gruppo di lavoro non ha quantificato il rischio, tuttavia, uno studio sull’utilizzo passato del telefono cellulare (fino all’anno 2004), ha mostrato un 40% di aumento del rischio di gliomi nella categoria più elevata di consumatori pesanti (media riportata: 30 minuti al giorno per un periodo di 10 anni).
CONCLUSIONI
Dr. Jonathan Samet (University of Southern California, USA), presidente generale del gruppo di lavoro, ha indicato che le prove, che si stanno cumulando, sono forti abbastanza per sostenere una conclusione e la classificazione in 2B. La conclusione significa che ci potrebbe essere qualche rischio e quindi abbiamo bisogno di tenere sotto controllo il collegamento tra cellulari e rischio di cancro.
“Date le potenziali conseguenze per la salute pubblica di questa classificazione e dei risultati,” ha detto il Direttore IARC Christopher Wild, “è importante che siano condotte ricerche supplementari a lungo termine. In attesa della disponibilità di tali informazioni, è importante adottare misure pragmatiche per ridurre l’esposizione, come i dispositivi viva voce o sms. ”
Il Gruppo ha esaminato centinaia di articoli scientifici; l’elenco completo sarà pubblicato nella monografia. Vale la pena di ricordare che alcuni recenti articoli scientifici in stampa che provengono dalla studio Interphone sono stati messi a disposizione del gruppo di lavoro poco prima che si riunisse, ed includono il loro consenso per la pubblicazione in quel momento, e quindi sono stati inclusi nella valutazione.
Una relazione sintetica che riassume le principali conclusioni del Gruppo di Lavoro IARC e le valutazioni del rischio cancerogeno da campi elettromagnetici a radiofrequenza (compreso l’uso dei telefoni cellulari) sarà pubblicato sul fascicolo The Lancet Oncology del luglio 1, e in pochi giorni online.

Documento originale in pdf 11 IARC CLASSIFIES EMF AS POSSIBLY CARCINOGENIC

Lettera aperta al direttore della IARC sul tema della monografia per la valutazione dei rischio cancerogeno per l’uomo ( Volume 102 – Radiazioni non ionizzanti, parte II: radiofrequenza campi elettromagnetici [comprende i telefoni cellulari, forni a microonde e radar]) al Dott. Christopher Wild, Direttore dell’ International Agency for Research on Cancer.

Caro Wild,

nel momento in cui ho deciso di scrivere questa lettera, ho saputo che avete preso la decisione di allontanare il dottor Alhbom dal gruppo di lavoro per sospetto conflitto di interesse. I temi trattati nella riunione Monografie IARC per la valutazione del rischio per l’uomo a lungo termine dei campi elettromagnetici e delle radiazioni ionizzanti, hanno un grande potenziale. La classificazione che si tradurrà dall’incontro per la cancerogenicità delle radiofrequenze campi elettromagnetici è: gruppo 1 (dimostrato cancerogeno per l’uomo), 2A (cancerogeno probabile) o 2B (Cancerogeno possibile). L’esistenza di un rischio, anche ad un basso livello, per la popolazione proprietaria di un telefono cellulare, ha un impatto significativo in termini di numero complessivo di tumori indotti. Alcuni di questi tumori, come i glioblastomi che sono fortunatamente ancora rari, hanno una prognosi infausta con una bassa sopravvivenza dei pazienti. Sono diverse le cose che mi preoccupano per quanto riguarda il programma Monografia. Sono sorpreso che la IARC abbia deciso di organizzare questo incontro anche se i maggiori studi scientifici, la comunità scientifica, la comunità medica ed epidemiologica, non abbiano ancora messo in evidenza tutti i risultati, compreso lo studio Interphone che la stessa IARC conduce e che non è stato ancora pubblicato nonostante i risultati relativi a neuromi acustici e tumori della ghiandola parotide correlati alle onde elettromagnetiche dei dispositivi senza fili (cellulari, cordless, reti wireless, ecc…). Molti documenti della IARC, riguardanti le radiofrequenze, non sono stati pubblicati, magari per conflitto di interessi. Il principio di precauzione non è stato preso in considerazione molte volte da studiosi considerati esperti nel campo delle radiazioni elettromagnetiche. Nel mese di aprile 2011, l’Ispettorato generale francese per gli affari sociali (IGAS) ha pubblicato un rapporto sulla sul tema delle competenze sanitarie. Questo rapporto sottolinea l’importanza di esperti indipendenti, come “essenziale condizione della sua qualità, l’imparzialità e la legittimità “. Per quanto riguarda gli osservatori del settore, la relazione afferma che, “Come rappresentanti degli organi economici, la loro presenza nella comunità di esperti è considerata troppo ambigua per essere sostenuta. Si suggerisce che essi vengano ascoltati ed eseguano le loro osservazioni “. Che cosa dobbiamo dunque pensare della presenza di osservatori come Joe Elder (Produttori Mobili), Jack Rowley (Associazione GSM) e Mays Swicord (CTIA – Associazione per il Wireless)? Questi sono argomenti seri da prendere in considerazione. La posta in gioco è la salute di innumerevoli persone, soprattutto quelle più giovani, nei paesi sia del nord che del sud.

Sinceramente
Donne in Europa per un futuro comune (WECF-fr)
Dr. Annie J. Sasco, MD, DrPH, membro della WECF Expert-es, Medico Epidemiologo

Cancro, Direttore Ricerca e ex direttore della Inserm unità presso IARC, Membro della Collegium Ramazzini, Bordeaux, Francia

Documento originale in pdf IARC Director Letter EMF Monograph

Al seguente link, l’intervento di Ernesto Burgio presidente del comitato scientifico ISDE Internazionale

http://www.terranews.it/news/2011/06/%C2%ABsi-e-vero-il-cellulare-fa-male%C2%BB-anche-i-medici-lo-confermano

Annunci