Ambiente e non solo genetica in gioco nell’autismo.

I fattori ambientali possono giocare un ruolo maggiore nell’autismo
di quanto si pensasse, ribaltando la convinzione che puntava sulla causa
genetica; due studi pubblicati su Monday lo suggeriscono.

In uno studio, un team della Stanford University
ha confrontato i casi di autismo nei gemelli identici e fraterni, e ha scoperto
che i gemelli fraterni, che condividono solo la metà dei geni stessi, hanno
tassi insolitamente alti di autismo, suggerendo che altri fattori oltre la
genetica possono innescare la malattia.

In un altro, i ricercatori per
la sicurezza della salute Kaiser Permanente, ha trovato che nelle madri di
bambini con autismo, la probabilità che sia stato prescritto un antidepressivo
è doppia, durante l’anno precedente la gravidanza, rispetto alle madri di
bambini sani. E il rischio è ancora maggiore, trattasi di un triplice aumento,
quando il farmaco è stato somministrato nel primo trimestre di gravidanza.

I risultati, rilasciati negli Archives of General
Psychiatry, suggeriscono che qualcosa nel luogo di nascita, farmaci, prodotti
chimici o infezioni, possono innescare l’autismo nei bambini che sono già
geneticamente predisposti a sviluppare la malattia.

“E ‘stato ben stabilito che i fattori genetici
contribuiscono all’aumento di rischio per l’autismo”, Clara Lajonchere, un
coautore dello studio e vicepresidente di programmi clinici di Autism Speaks,
ha detto in un comunicato. “Ora abbiamo prove
evidenti che, in cima alla ereditarietà genetica, un ambiente prenatale condiviso
con altri bambini, può avere un maggiore ruolo nello sviluppo di autismo.”

L’autismo è uno spettro di disturbi che vanno da una
profonda incapacità di comunicare e ritardo mentale a sintomi relativamente
lievi, come con la sindrome di Asperger. Colpisce
uno ogni 150 bambini che nascono oggi negli Stati Uniti, circa l’1% della
popolazione.

Ambiente Condiviso

Lo studio di Stanford ha coinvolto 54 coppie di gemelli identici (monozigoti),
che condividono il 100% dei geni, e 138 coppie di gemelli fraterni (dizigoti),
che condividono la metà dei geni. In ogni coppia, almeno ad uno dei gemelli era stata
diagnosticato l’autismo.

I ricercatori hanno scoperto che le probabilità che due fratelli
abbiano disturbi dello spettro autistico era più alta tra i gemelli monozigoti
che tra i gemelli dizigoti, ma questi ultimi avevano molte più probabilità di
sviluppare l’autismo rispetto ai bambini che hanno un fratello con l’autismo.

Secondo lo studio, i fattori ambientali comuni ai gemelli possono
spiegare circa il 55% dei casi di autismo, mentre i fattori genetici hanno un
ruolo molto meno importante di quello osservato in altri studi sui gemelli e
l’autismo.

“I fattori ambientali giocano un ruolo più importante
di quanto si pensasse”, ha affermato Joachim Hallmayer della Stanford
University School of Medicine in California, che ha condotto lo studio.

Ha anche detto in una intervista telefonica che recenti
studi hanno suggerito che la genetica ha giocato il ruolo più importante nell’autismo,
ma le sue scoperte suggeriscono qualcosa di diverso.

“Dobbiamo studiare sia la genetica che
l’ambiente”, ha detto Hallmayer. “Se guardiamo solo un lato, non
credo che ci porterà alla risposta giusta.”

Potrebbero essere gli antidepressivi?

In uno studio separato sulla stessa rivista, un team
guidato da Lisa Croen, direttore del Programma di Ricerca Autismo presso la
Divisione di Ricerca Kaiser Permanente di Oakland, in California, si occupò di
valutare se gli antidepressivi conosciuti come inibitori selettivi della
ricaptazione della serotonina (o SSRI), abbiano contribuito all’aumento del
rischio di autismo.

Il team ha studiato quasi 300 bambini con autismo e 1.500
bambini selezionati in modo casuale e poi controllato le cartelle cliniche
delle loro madri.

Hanno trovato che le madri dei bambini con autismo hanno
una probabilità doppia di aver assunto un antidepressivo nell’anno precedente il
parto rispetto ai bambini del gruppo di controllo. E l’effetto era più forte, tre volte superiore, quando
i farmaci sono stati assunti nel primo trimestre di gravidanza.

“I nostri risultati suggeriscono un possibile, anche
se piccolo, rischio per il nascituro associato all’esposizione in utero a
farmaci SSRI”, Croen ha detto in un comunicato.

Questo rischio deve essere bilanciato con il rischio per
la madre, che non abbia assunto farmaci, di sviluppare la depressione.

Il team ha ammonito che lo studio preliminare SSRI ha necessitato
molto lavoro per capire il legame tra gli antidepressivi e l’autismo.

“Ci sono rischi reali nel non trattamento di
una grave malattia come la depressione. Bisogna valutare tutte le
opzioni”, ha detto il dottor Thomas Insel, direttore del National
Institute of Mental Health.

“Un triplice aumento del rischio non è
insignificante. Bisogna valutare tutti i fattori”, Insel ha detto in
un’intervista telefonica. Insel, la cui agenzia ha
finanziato lo studio sui gemelli, ha detto che non è ancora chiaro quali
fattori ambientali possano innescare l’autismo. “Potrebbe
essere una serie di fattori dall’infezione alle esposizioni chimiche.
Semplicemente non lo sappiamo”. Quello che sta
diventando chiaro, ha detto, è che è probabile che l’esposizione si verifichi
prima del parto. “Da tutti gli studi finora portati
a termine, viene messo in evidenza questo,” ha detto.

Link
al documento originale: http://www.reuters.com/article/2011/07/04/us-autism-environment-idUSTRE7634Y220110704

Link
al primo studio originale: http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/21727249

Link
al secondo studio originale: http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed?term=lisa%20croen%20antidepressant

Annunci