Seconda parte

Livelli tossici di mercurio in vitro e in vivo

Livelli di mercurio inorganico di 0,02 ng Hg / g
(2Il di 0,1 IMolar Hg in 2 ml

di substrato) ha portato alla distruzione totale dei mircrotubuli intracellulari e alla degenerazione degli assoni [32]. In
altri esperimenti, i livelli di mercurio inorganico di 36 ng Hg / g (0,18 IMol
Hg) ha portato ad un aumento dello stress ossidativo come preambolo di
ulteriori danni alle cellule [33,34]. L’inalazione dei vapori di mercurio alle
dosi a cui sono esposti anche gli esseri umani con molte otturazioni di amalgama
e l’azione della masticazione ha portato a cambiamenti patologici nel cervello
degli animali dopo 14 giorni [35,36].

Nessun  livello tossico di mercurio negli esseri umani proveniente dall’amalgama
dentale?

In uno studio recente riguardante un’autopsia, si è  constatato che gli individui con più di 12 otturazioni di amalgama hanno più di
10 volte i livelli di mercurio in diversi tessuti compreso il cervello,
rispetto agli individui con solo 0-3 otturazioni di amalgama [11]. Il livello
medio di mercurio nel cervello dei cittadini europei con più di 12 otturazioni
in amalgama è di 300 ng Hg / g nel tessuto cerebrale [11], che è ben al di
sopra dei livelli di mercurio dimostrati di essere tossici sui neuroni in vitro
(0,02 -36 ng Hg / g) (vedi sopra). In un’altra autopsia, gli individui con più
di 10 amalgame hanno 504 ng Hg /g nei loro tessuti renali (0-2 amalgame: 54 ng
Hg / g) e 83,3 ng Hg / g nel fegato (0-2 amalgame: 17,68 ng Hg / g) [5]. I livelli
di mercurio nelle ghiandole della tiroide e nell’ipofisi sono di 55 ng Hg / g e
di 200 ng Hg / g, rispettivamente, e di nuovo, questi livelli sono correlati
significativamente con il numero di otturazioni di amalgama [37]. Dato che i
livelli riportati in questi studi sono nella media, una parte significativa degli
individui con amalgame dentali hanno più del doppio (deviazione standard) di questi
livelli tossici di mercurio nei loro tessuti corporei. È importante notare che i
livelli di mercurio trovati nelle frazioni subcellulari come i microsomi, che
sono compartimenti cellulari dei mitocondri, e altri, possono addirittura
superare i livelli medi dei campioni di cervello analizzati in questi studi
[38].

Livelli di  mercurio tossico nella malattia di Alzheimer

Il carico medio di mercurio nei tessuti del cervello  in individui con malattia di Alzheimer è stato di 20-178 ng Hg / g; in alcuni
casi anche di 236-698 ng Hg / g. Nel 15% dei campioni di cervello umano il
carico di mercurio è stato superiore a 100 ng Hg / g [39-41]. Il carico medio
di mercurio nella ghiandola pituitaria era di 400 ng Hg / g [42]. Questi
livelli sono ancora ben al di sopra dei livelli tossici stabiliti (vedi sopra).

Le alterazioni patologiche, causate dal mercurio, in molti
cervelli di persone che vivono in Germania?

Circa il 20% degli individui nella fascia di età dei 20 anni,
il 50% degli individui nella fascia di età dei 50 anni e il 90% delle persone
nella fascia di età di 85 anni che vivono in Germania, mostrano alterazioni
patologiche nel cervello che sono tipici del morbo di Alzheimer [43] e della
tossicità del mercurio. Queste alterazioni patologiche cerebrali sono causate
da livelli molto bassi di mercurio negli esperimenti e da livelli più alti di
altri metalli (come piombo, ferro, alluminio, rame, manganese, cromo, cadmio)
[32,36] che sono simili alla percentuale di presenza dell’amalgama dentale
impiantate negli esseri umani: circa l’80-90% delle persone che vivono in
Germania hanno amalgami dentali da più decenni. Si deve notare che circa il
30-50% della popolazione tedesca di età superiore ai 85 anni ha la malattia di
Alzheimer (AD) e ci sono molti indizi che fanno pensare che il mercurio svolge
un ruolo di primo piano come patogenetico nell’AD [44].

L’amalgama materno come principale fonte di mercurio nei
tessuti del neonato

Le otturazioni di amalgama materne portano ad  un aumento significativo dei livelli di mercurio nei tessuti del corpo del feto
e del neonato compreso il cervello [6]. Inoltre, la placenta, il feto e il
neonato, hanno un carico di mercurio correlato al numero di amalgami delle
madri [6, 45-52]. I livelli di mercurio nel liquido amniotico [53] e nel latte materno
[54-56] sono significativamente correlati con il numero di otturazioni di
amalgama materne.

Mercurio nei tessuti dei bambini: aumento del rischio di sviluppo di disturbi neurologici?

Drasch et al. i livelli di mercurio trovati fino a 20 ng Hg / g nei tessuti del cervello degli infanti tedeschi, sono stati
principalmente determinati da otturazioni dentali di amalgama delle loro madri [6].
Come descritto sopra, i livelli di mercurio di 0,02 ng Hg / g ha portato alla
degenerazione del assoni [32]. Inoltre, i livelli di mercurio nel cervello dei
neonati le cui madri erano portatori di amalgama dentale, sono sufficienti per
inibire la funzione dell’importante enzima metionina sintetasi [57,58]. La metionina
sintetasi è cruciale per la metilazione, un passaggio centrale per le più
importanti reazioni metaboliche del corpo, compreso lo sviluppo del cervello, la maturazione delle cellule nervose e la produzione
di neurotrasmettitori. Le otturazioni in amalgama materne possono anche
aumentare in modo significativo i livelli di mercurio nel sangue del cordone ombelicale
[59, 60]. Il rischio di ritardo dello sviluppo neurologico dei bambini è stato di
3,58 volte maggiore quando i livelli di mercurio nel sangue del cordone
ombelicale sono stati superiori a 0,8 ng Hg / ml [61]. È importante notare che
i livelli di mercurio di 0,2 – 5 ng Hg / ml nel sangue del cordone ombelicale
sono considerati “normali” in Germania [62], lasciando così molti neonati
con livelli di mercurio che possono causare deficit dello sviluppo neurologico.

Nessuna correlazione tra il mercurio nelle urine o nel sangue
e quello nei tessuti del corpo.

Il rapporto SCENIHR si basa su studi che hanno misurato i livelli di mercurio nei
biomarcatori come l’urina per la valutazione dei sintomi clinici e il carico
corporeo di mercurio. Tuttavia, gli Stati WHO (1991) hanno detto che “il
mercurio è caratterizzato da una “ritenzione” della tossicità e la maggior
parte del mercurio assunto, nel corpo viene assorbito dai tessuti solidi. La
quantità nelle urine, rappresenta il mercurio escreto. Tuttavia, la questione
principale è come viene trattenuto nei diversi tessuti del corpo”. È stato dimostrato negli esperimenti con gli
animali e con gli uomini che, livelli normali o bassi di mercurio nel sangue, e
alti livelli nei capelli e nelle urine, si trovano nei tessuti critici come il cervello
e i reni [7, 13, 20, 22, 25, 28, 46, 63, 64]. Un recente studio su individui
deceduti conferma che non esiste alcuna correlazione tra i livelli di mercurio
inorganico nelle urine o nel sangue e i livelli di mercurio nei tessuti cerebrali
[37]. Drasch e i co-autori hanno dimostrato che il 64% degli individui
professionalmente esposti a vapori di mercurio e con tipici segni clinici di intossicazione
da mercurio, avevano livelli di questo metallo nelle urine inferiore a 5 μg/l,
che rappresenta il NOAEL, cioè il livello massimo a cui non si osservano
effetti avversi. Gli stessi risultati sono stati trovati per i livelli di
mercurio nel sangue e nei capelli [65-67].

Paradossale associazione  tra i livelli di mercurio nelle urine e i sintomi clinici

Vi è anche una paradossale correlazione tra i livelli di mercurio nelle urine, sangue o capelli e i sintomi clinici: i soggetti con più
alti livelli di mercurio nelle urine hanno mostrato migliori tassi di recupero da
disturbi neuropsicologici dopo aver rimosso loro otturazioni di amalgama [68].
Anche i bambini con più alti livelli di mercurio nei capelli hanno mostrato risultati
migliori nei test sullo sviluppo [69]. Un altro studio indica che, a dispetto
di un’esposizione significativamente più alta di mercurio nelle madri, i
bambini autistici avevano livelli di mercurio fino a 15 volte inferiori
rispetto ai bambini sani [46]. Inoltre, minore è il livello di mercurio nei
capelli dei bambini e più alta è la severità dell’autismo [46]. Nonostante il carico
di mercurio sia superiore nel corpo, il gruppo “ipersensibilità all’amalgama”
ha mostrato livelli leggermente più bassi di mercurio nella loro saliva, nel sangue
e nelle urine [70]. Anche dopo l’uso con il chelante del mercurio DMPS, il
gruppo “ipersensibilità all’amalgama” ha escreto solo 7,77 μg Hg
attraverso le urine in 24 ore mentre i portatori sani di amalgama hanno escreto
12,69 μg Hg in 24 ore [70]. Inoltre, gli studi confermano che il rapporto di
escrezione fecale di urina è di 12 a 1 [13]. Questo dimostra che la maggior via
di escrezione del mercurio, tramite il sistema biliare, è la via fecale. La via
urinaria rappresenta una via minore di escrezione, meno dell’8% di mercurio
viene escreto. Inoltre, il mercurio delle urine è una misura del mercurio che viene
escreto per via renale e non una misura del peso totale nel corpo di mercurio.

I livelli di sicurezza per il mercurio?

In considerazione dei dati di cui sopra, è  impossibile determinare eventuali livelli di sicurezza al di sotto dei quali non
si verificano effetti negativi [71]. SCENIHR ha utilizzato limiti di sicurezza che
sono stati dedotti da studi con lavoratori professionalmente esposti al mercurio.
Tuttavia, questi limiti non possono essere applicati ad individui con amalgami e
devono essere valutati attentamente i seguenti punti:

a) Spesso, l’esposizione al mercurio dei lavoratori
delle industrie che operano con i cloro-alcali è utilizzato per il confronto
anche se l’esposizione simultanea ai cloruri

diminuisce notevolmente l’assorbimento di mercurio
nei tessuti del corpo

degli animali del 50-100% [72].

b) I lavoratori esposti al mercurio rappresentano
in genere un gruppo la cui esposizione al mercurio inizia solo con l’età adulta
(per circa 8 ore al giorno, 5 giorni

settimana), mentre i portatori di amalgama possono
essere esposti al mercurio nel grembo materno attraverso le otturazioni di
amalgama della madre durante la loro infanzia e fino alla morte al ritmo di 24
ore al giorno, 7 giorni alla settimana.

c) I lavoratori sono un gruppo selezionato sano,
mentre le donne incinte, i neonati,

i bambini e le persone con malattie (come la
sclerosi multipla, autoimmunità, cancro, malattie psichiatriche) non lavorano a
causa delle norme di sicurezza industriali o per problemi di salute durante l’attività
lavorativa.

d) Nonostante l’esposizione al mercurio al di sotto
dei “limiti di sicurezza”, significativi effetti avversi sulla salute
sono stati trovati nella maggior parte degli studi in lavoratori esposti professionalmente
al mercurio, anche parecchi anni dopo che l’esposizione era cessata [73-81].

Emivita nell’organismo del mercurio.

SCENIHR afferma che il tempo di dimezzamento del
mercurio nel corpo umano è di “20-90 giorni”. In particolare nel
cervello, il mercurio ha un tempo di dimezzamento di più di 17 anni [63, 64,
82-87].

La tossicità del mercurio

SCENIHR
non ha menzionato che la tossicità specifica dei vapori di mercurio proviene
dalle otturazioni di amalgama dentale. Questo dovrebbe essere menzionato in una
analisi del rischio: il mercurio ha dimostrato di essere 10 volte più tossico
del piombo (Pb) in vitro [88 – 90]. Il mercurio è il più tossico elemento non
radioattivo. I vapori di mercurio sono una delle forme più tossiche di mercurio
insieme ad alcuni dei composti organici del mercurio. Questa tossicità
straordinaria è anche determinata dalle seguenti proprietà:

a) Il mercurio è l’unico metallo che rappresenta un
gas volatile a temperatura ambiente temperatura, che viene prontamente
assorbito (80%) da parte del sistema respiratorio.

b) I vapori di mercurio da amalgama penetrano nei
tessuti con grande facilità, a causa della sua configurazione monopolare
atomica.

c) Una volta all’interno delle cellule, i vapori di
mercurio sono ossidati a Hg 2+, la forma molto tossica del mercurio
si lega covalentemente ai gruppi tiolo delle proteine

inibendo la loro attività biologica.

d) Hg 2+ è più tossico del Pb 2+,
del Cadmio (Cd 2+) e di altri metalli perché ha una maggiore
affinità a causa della sua capacità di formare “legami covalenti” con
i gruppi tiolici (cisteine ​​di proteine), provocando la loro inibizione
irreversibile. Altri metalli formano legami reversibili con le proteine ​​e
sono quindi meno tossici.

e) Hg 2+ non si lega abbastanza
fortemente con i gruppi carbossilato di acidi organici naturali (chelanti
naturali come il citrato) e la sua tossicità può essere impedita.

f) Gli agenti chelanti come l’EDTA, che
normalmente inibiscono l’effetto tossico dei

metalli pesanti come il piombo, non hanno alcun
effetto inibitorio sulla tossicità del

mercurio e addirittura essa può aumentare [91, 92].
Altri agenti chelanti (DMPS

e DMSA) inibiscono l’effetto tossico del Cd 2+
e del Pb 2+, ma non del Hg 2+ [93].

DMPS, DMSA o chelanti naturali come la vitamina C, il
glutatione o l’acido alfalipoico non sono in grado di rimuovere il mercurio dai
tessuti nervosi [94].

Il DMPS o il DMSA possono anche aumentare
l’attività inibitoria del Hg 2+ e del Cd 2+ sugli enzimi,
ma non del Pb 2+ [95]. Inoltre, il DMPS negli animali ha portato

ad un aumento delle concentrazioni di mercurio nel
midollo spinale [96]. La tossicità del metilmercurio, rivolta alla cisteina nei
pesci, sembra essere di gran lunga inferiore (approssimativamente un ventesimo)
dei composti di metilmercurio di solito utilizzati negli esperimenti [97]. Inoltre,
i pesci marini rappresentano una significativa fonte di selenio, omega-3 e
acidi grassi essenziali, che sono noti per la loro efficacia protettiva contro tossicità
del mercurio. Tuttavia, il cloruro di etilmercurio, che si è rivelato più
tossico del metilmercurio nel pesce, ha mostrato meno neurotossicità per la crescita
del sistema nervoso in vivo rispetto ai vapori di mercurio [98]. Le indagini da
Drasch et al. mostrano correlazioni simili: la popolazione di una zona in cui è
presente una miniera d’oro, che è stato esposto ai vapori di mercurio, ha
mostrato in modo significativo sintomi neurologici di intossicazione di
mercurio mentre un gruppo di controllo, che principalmente è stato esposto al metilmercurio
proveniente dal consumo di pesce, aveva livelli di mercurio nei capelli e nel
plasma superiori rispetto agli individui esposti ai vapori di mercurio [65,
66]. Un altro studio evidenzia anche una minore neurotossicità del metilmercurio
del pesce rispetto a fonti iatrogene di mercurio (amalgama e thimerosal) [46];
non è stata evidenziata nessuna correlazione tra il consumo di pesce delle
madri incinte e il rischio di autismo per i loro feti. In sintesi, il vapore di
mercurio proveniente dall’amalgama dentale o il metilmercurio derivato dall’
amalgama nel tratto gastrointestinale non ha reagito con nulla e possiede il
pieno potenziale tossico. D’altra parte, il metilmercurio nel pesce ha già
reagito con le proteine ​​del pesce e altre molecole o atomi di protezione nei
tessuti del pesce come il glutatione e il selenio. Inoltre, studi recenti
confermano che la maggior parte degli individui con otturazioni in amalgama
dentale sono esposti a livelli tossici di mercurio [99, 100].

Tossicità
sinergica del mercurio con il piombo (Pb)

Alcuni scienziati cercano di
sostenere che i risultati ottenuti da test animali o cellulari sono sovrastimati
e non paragonabili alla situazione del corpo umano. Tuttavia, a differenza dei
test sugli animali negli esperimenti, gli esseri umani sono esposti a

molte altre tossine
contemporaneamente, quindi gli effetti si sommano o sono addirittura sinergici
[101, 102]. Per esempio, è stato dimostrato che la combinazione

di una dose letale (DL) di mercurio all’1%  insieme ad una DL di piombo provoca la morte
di tutti gli animali, quindi la corrispondente equazione tossicologica sarebbe:
DL (Hg) + DL (Pb) = DL 100 [101]. In questo contesto, occorre considerare che
gli esseri umani più moderni hanno più mercurio e quantità di piombo tra le 10
e le 1000 volte superiore rispetto all’uomo primitivo [103-107]. In altri
esperimenti, l’aggiunta dell’ idrossido di alluminio (spesso nei vaccini), antibiotici,
thimerosal (a volte nei vaccini) e testosterone ha aumentato la tossicità del
mercurio [108, 109]. La tossicità sinergica del testosterone spiega il fatto
che molti più maschi rispetto alle femmine soffrono di autismo o di sclerosi
laterale amiotrofica.

Nessun
effetto negativo dall’amalgama dentale?

Afferma SCENIHR che “è generalmente riconosciuto
che un aumento del rischio di effetti sistemici avversi esiste” e “non
consideriamo che l’attuale utilizzo di protesi dentarie amalgama comporti un
rischio di sviluppare una malattia sistemica“ e “….alcuni effetti avversi sono
occasionalmente presenti a causa delle otturazioni con amalgama dentale, ma
l’incidenza è bassa e i casi possono essere gestiti facilmente”. SCENIHR ha
trascurato numerosi studi scientifici che evidenziano significativi effetti
negativi sulla salute da amalgama dentale.

Citotossicità dell’amalgama rispetto ai compositi

SCENIHR ha confrontato la tossicità
dell’amalgama con i materiali compositi. Tuttavia, nella maggior parte degli esperimenti,
anche per il mercurio inorganico, che è molto meno tossico dei vapori di mercurio
(dato che il mercurio inorganico non è in grado di penetrare facilmente
all’interno delle cellule), è stata dimostrata la sua tossicità molto maggiore
di qualsiasi materiale composito: il mercurio ha dimostrato di essere dalle 100
alle 800 volte più tossico dei componenti in composito per le cellule umane
[110-114].

Genotossicità,
stress ossidativo e cancro

Le otturazioni in amalgama dentale sono state
identificate come la causa dei danni al DNA umano nelle cellule del sangue.
[115]. Anche bassi livelli di mercurio inorganico provocano danni significativi
al DNA nelle cellule dei tessuti umani e dei linfociti [116]. Questo effetto,
che può innescare il cancro, è stato trovato a livelli di mercurio inferiori a
quelli che normalmente causano citotossicità e la morte cellulare. Inoltre, le aberrazioni
dei cromosomi avvengono per azione dell’amalgama nelle colture cellulari [117].
Portatori di amalgama mostrano significativo aumento dello stress ossidativo
nella saliva [118, 119] e nel sangue [120, 121]. L’aumento dello stress
ossidativo è correlato con il numero di otturazioni di amalgama. I livelli di
mercurio normalmente osservati nei tessuti delle persone fisiche con le otturazioni
di amalgama portano ad un aumento dello stress ossidativo ed alla riduzione dei
livelli di glutatione, inducendo danno cellulare [33, 34]. Livelli di mercurio significativamente
elevati, sono stati osservati anche nei tessuti cancerosi della mammella [122].
Il mercurio depositato nel tessuto era in gran parte legato al selenio, il che
significa che questo selenio non era più disponibile per il corpo. Pertanto, gli
amalgami possono aggravare una carenza latente di selenio, soprattutto nei
paesi dove l’assunzione di selenio risulta essere subottimale (ad esempio in
Europa centrale) [123124].

La
resistenza agli antibiotici

È stato dimostrato che il mercurio degli amalgami
dentali può indurre mercurio resistenza nei batteri [125-127]. Questo porta ad
una generale antibiotico resistenza dei batteri orali e in altre sedi [127]; questo
è particolarmente vero quando i geni della antibiotico resistenza sono
contenuti all’interno dello stesso operone della resistenza al mercurio [128, 129].
La resistenza al mercurio è comune nei batteri presenti nel cavo orale umano [130,
131]. Le scimmie con amalgama dentale hanno mostrato un aumento di batteri
antibiotico-resistenti nelle feci [127, 132].

Penetrazione dell’amalgama nei denti e nelle ossa della
mascella

Gli esperimenti sulle scimmie e sulle pecore
hanno dimostrato che il mercurio delle amalgame penetra con facilità nelle
radici della dentina e nell’osso della mascella [25, 26]. Questo fatto è stato
dimostrato anche per gli esseri umani [133] come conferma di una alternativa via
di esposizione al mercurio causata dall’amalgama.

Annunci