La terapia chelante per il trattamento di una esposizione acuta di una alta dose di metalli pesanti è una pratica medica accettata . Tuttavia, un uso molto più ampio di chelanti per metalli è utilizzato da medici di medicina alternativa per la cosiddetta “terapia chelante”. Dato questo uso di chelanti diffuso e in gran parte non regolamentato, è importante capire le azioni di questi composti. Abbiamo testato gli effetti di quattro chelanti comunemente utilizzati, calcio disodico ethylenediaminotetraacetato (CaNa2EDTA), D-penicillamina (DPA), 2,3 dimercaptopropane-1-sulfonato (DMPS) e acido dimercaptosuccinico (DMSA) per i loro effetti sulla neurotossicità da metalli pesanti in colture corticali primarie. Abbiamo studiato la tossicità di tre forme di mercurio, mercurio inorganico (HgCl2), metilmercurio (MeHg) ed etilmercurio (thimerosal), così come piombo (PbCl2) e ferro (Fe-citrato). Il DPA ha avuto il peggior profilo di efficacia, non fornisce alcuna protezione mentre causa potenziamento della tossicità di HgCl2, thimerosal, e Fe-citrato. DMPS e DMSA, entrambi hanno attenuato la tossicità del HgCl2 e potenziato la tossicità del thimerosal e Fe, mentre il DMPS ha anche potenziato la tossicità del PbCl2. Il CaNa2EDTA ha attenuato la tossicità del HgCl2, ma ha causato un grave potenziamento della tossicità del Fe-citrato. La capacità di questi chelanti di attenuare la tossicità di vari metalli è piuttosto limitata ed il potenziamento della tossicità è un problema serio. In particolare, la protezione è fornita solo contro il mercurio inorganico, mentre è assente contro la forma comune di mercurio riscontrato negli alimenti, il MeHg, e la forma trovata nei vaccini, thimerosal. Il potenziamento della tossicità Fe-citrato è preoccupante a causa del ruolo del ferro nello stress ossidativo nell’organismo. Il potenziamento della tossicità del ferro potrebbe avere gravi conseguenze per la salute quando si utilizza la terapia chelante.

Link all’articolo originale:

http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/19027035

 

Annunci