Obiettivi: L’aumento dell’incidenza del diabete di tipo 1 (DT1) in Europa è solo in parte dovuto a fattori genetici e la possibilità che possa essere influenzato dalla quantità di emissioni inquinanti non è stata, fino ad ora, verificata. Metodologia: sono stati raccolti i dati di incidenza di DT1 nei bambini di 16 Paesi europei (1990-2010) (revisione della letteratura) e analizzati in base alla quantità a livello nazionale delle emissioni inquinanti (Agenzia europea per l’ambiente: particolato <10 micron (PM10), ossidi di azoto,(NOx); composti organici volatili non metanici, VOCs, ossidi di zolfo, SOx, ammoniaca) nelle varie Nazioni e stessi periodi. Gli inquinanti sono stati classificati in base ai terzili di emissioni, e sono stati calcolati odds ratio (OR) di incidenza del DT1. Risultati: l’incidenza DT1 è aumentata nel tempo in tutte le popolazioni, ed è stata positivamente correlata con le emissioni a livello nazionale di PM10 (P = 0,03), NOx (P = 0,0004), VOCs (P = 0,009). Nei Paesi con alto terzile di PM10, NOx e VOCs, le emissioni avevano OR elevati di incidenza del DT1 rispetto a quelli del basso terzile, e indicano che l’incidenza del DT1 è stata maggiore nei Paesi con alto rispetto a quelli a medio o basso terzile di emissioni di PM10, NOx e VOCs. L’incidenza del DT1 era due volte più alta se due o più inquinanti coesistevano nel terzile superiore di emissioni. Conclusioni: Il carico di inquinanti specifici potrebbe influenzare il grado di incidenza del diabete di tipo 1 tra i bambini europei, forse innescando lo sviluppo della malattia da meccanismi epigenetici in individui geneticamente suscettibili. Quindi, il DT1 potrebbe essere considerato, almeno in parte, una condizione prevenibile. Sono necessari ulteriori studi che puntino ad esplorare a fondo questa ipotesi, anche in considerazione che politiche di prevenzione primaria che agiscano attraverso un marcato abbattimento delle emissioni di inquinanti potrebbero fortemente attenuare l'incidenza del DT1 in tutta Europa.

Link all’articolo originale:
http://www.sciencedomain.org/abstract.php?iid=507&id=31&aid=4426

Annunci