“L’ipotesi di un ruolo importante della flora intestinale nel mantenimento dello stato fisiologico del sistema gastrointestinale (GI) è supportato da diversi studi che hanno dimostrato una alterazione qualitativa e quantitativa della flora intestinale in un certo numero di malattie gastrointestinali ed extra-gastrointestinali. Negli ultimi anni è stata sollevata l’importanza della compromissione della flora intestinale nella patogenesi di patologie come autismo, demenza e disturbi dell’umore,.
La prova di alterazioni dello stato infiammatorio, evidenziate in disturbi come la schizofrenia, disturbo depressivo maggiore e disturbo bipolare, richiama fortemente l’alterazione del microbiota, suggerendo altrettanto fortemente un ruolo importante dell’alterazione del sistema gastrointestinale anche nei disturbi neuropsichiatrici. Fino ad ora, le evidenze disponibili mostrano che la compromissione della flora intestinale svolge un ruolo chiave nello sviluppo di autismo e nei disturbi dell’umore. L’applicazione di modulatori terapeutici della flora intestinale ai disturbi autismo e disturbi dell’umore è stato sperimentato fino ad oggi solo in contesti sperimentali, con pochi ma promettenti risultati. Una valutazione più approfondita del ruolo del microbiota intestinale nello sviluppo del disturbo dello spettro autistico (ASD), così come l’avanzamento dell’armamentarium terapeutico per la modulazione della flora intestinale sono necessari per una migliore gestione dei ASD e dei disturbi dell’umore.”

Link all’articolo originale:

http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/26755882

 

Annunci