Il monitoraggio dei metalli pesanti nelle aree industrializzate per studiare la loro associazione con fattori occupazionali e ambientali avviene in modi diversi. In questo studio, l’analisi dei capelli è stata utilizzata per la valutazione dell’esposizione a questi metalli nella città industriale di Taranto, caratterizzata da un grave inquinamento ambientale. Sono stati osservati i valori medi più elevati per alluminio, bario, cadmio, piombo, mercurio e uranio. Inoltre, nella zona industriale di Taranto, si sono riscontrati elevati livelli di bario, cadmio, piombo, mercurio, nickel e argento in confronto con altre zone della Puglia. Gli odds ratio (OR) di rischio per l’osservazione dei valori al di sopra del 50 ° percentile sono stati elevati per mercurio e consumo di pesce, uranio e consumo di latte, piombo e sesso femminile e, infine, consumo di alluminio e acqua minerale. Nessun significativo aumento del rischio è stato osservato per le attività professionali. In un dendrogramma di un cluster analysis, sono stati osservati tre gruppi per le diverse aree di Taranto (Borgo, San Vito, e Statte). Una diagramma sottolinea la presenza di due componenti principali: la prima in materia di antimonio, piombo, stagno, alluminio e argento; la seconda per quanto riguarda il mercurio e l’uranio. I cluster osservati (Borgo, San Vito e Statte) hanno dimostrato che piombo, antimonio, stagno, alluminio e argento erano le componenti principali. I valori più elevati al di sopra del 50° percentile di questi minerali, in particolare piombo, sono stati osservati nella zona di Borgo. La concentrazione di metallo osservata nella zona di Borgo è compatibile con la presenza a Taranto di un arsenale militare e registra un incrementato rischio di cancro del polmone tra i residenti di quella zona.

Link all’articolo originale:

http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/27165601

 

Annunci