You are currently browsing the tag archive for the ‘amalgama’ tag.

Riepilogo

Tutti i tipi di amalgami dentali contengono mercurio, che in parte viene emesso sotto forma di vapore di mercurio. Tutti i tipi di amalgami dentali si corrodono dopo essere stati posti nella cavità orale. I moderni amalgami con alti livelli di rame mostrano due nuove caratteristiche di maggiore instabilità. In primo luogo, quando sottoposti ad usura/lucidatura, si formano sulla superficie  goccioline ricche di mercurio, dimostrando che il mercurio non viene fortemente legato dalla base o dalla lega metallica. In secondo luogo, gli amalgami con alti livelli di rame emettono sostanzialmente maggiori quantità di vapori di mercurio rispetto agli amalgami con bassi livelli di rame utilizzati prima del 1970. L’amalgama con alto livello di rame è stato sviluppato con particolare attenzione alla resistenza meccanica e resistenza alla corrosione, ma è stato sub-ottimizzato in altri aspetti, con conseguente maggiore instabilità e maggiore emissione di vapori di mercurio. Questo fatto non è stato prospettato ai responsabili politici ed agli scienziati. Gli amalgami, sia con alte che basse percentuali di rame, subiscono un processo di trasformazione per diversi anni dopo il posizionamento, con una conseguente riduzione sostanziale del contenuto di mercurio, ma non esiste un limite massimo consentito per la emissione di mercurio dagli amalgami dentali. Questi moderni amalgami con alta percentuale di rame, oggi stanno totalmente dominando la scena europea, Stati Uniti e altri mercati, con conseguente emissione di significative quantità di mercurio, non considerate nel giudicare la loro idoneità per restauro dentale.

Link all’articolo originale:

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/28220332

https://link.springer.com/article/10.1007%2Fs10534-017-0004-3

Annunci

Abstract

L’eziologia della maggior parte dei casi di  malattia di Alzheimer (AD) è ancora sconosciuta. Studi epidemiologici suggeriscono che i fattori ambientali possono essere coinvolti a fianco di fattori di rischio genetici. Alcuni studi hanno dimostrato alte concentrazioni di mercurio  nel cervello di defunti e nel sangue di pazienti viventi affetti da malattia di Alzheimer. Studi sperimentali hanno scoperto che anche quantità minime di mercurio, ma non di altri metalli a basse concentrazioni, sono stati in grado di causare tutti i cambiamenti delle cellule nervose che sono tipici per la malattia di Alzheimer. Il più importante dei fattori di rischio genetico,  nei casi sporadici di malattia di Alzheimer, è la presenza dell’allele della apolipoproteina Ee4 mentre l’allele della apolipoproteina Ee2 riduce il rischio di sviluppare la malattia di Alzheimer. Alcuni ricercatori hanno suggerito che l’apolipoproteina Ee4 ha una ridotta capacità di legare metalli come il mercurio e quindi questo può spiegare l’elevato rischio per la malattia di Alzheimer. Approcci terapeutici adottano prodotti farmaceutici che legano i metalli nel cervello dei pazienti con  AD. In sintesi, i risultati di entrambi gli studi epidemiologici e demografici, la frequenza di applicazione dell’amalgama nei paesi industrializzati, studi clinici, studi sperimentali e lo stato dentale dei pazienti con AD rispetto ai controlli, suggeriscono un ruolo decisivo per il mercurio inorganico nell’eziologia della malattia di Alzheimer.

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/?term=Alzheimer+Disease%3A+Mercury+as+pathogenetic+factor+and+apolipoprotein+E+as+a+moderator

Obiettivo

L’obiettivo di questo studio è stato quello di quantificare il rapporto tra il numero di superfici di amalgama dentale e i livelli di mercurio nelle urine.

Metodi

Questo studio utilizza i dati dei partecipanti ad un ampio programma filantropico di prevenzione delle malattie croniche a Calgary, Alberta, Canada. I campioni di urina sono stati analizzati per i livelli di mercurio (misurati in µg/g di creatinina). Sono stati utilizzati T-test  per determinare se le differenze di  mercurio nelle urine erano statisticamente significative tra le persone senza alcuna superficie dentale amalgamata e soggetti con una o più superfici dentali in amalgama. E’ stata utilizzata la regressione lineare per stimare la variazione di mercurio nelle urine per superficie di amalgama.

Risultati

I livelli di mercurio nelle urine erano più alti in misura statisticamente significativa nei soggetti con superfici di amalgama, con una differenza media di 0,55 µg/g di creatinina. Per ogni superficie di amalgama, abbiamo stimato un aumento previsto di 0,04 µg/g di creatinina. Abbiamo misurato i livelli di mercurio nelle urine dopo la somministrazione orale di 2,3-dimercaptopropane-l-sulfonato (DMPS) e meso-2,3-dimercaptosuccinic acido (DMSA) che sono utilizzati per mobilizzare il mercurio dal sangue e tessuti, ed erano anche questi  più alti, in maniera  statisticamente significativa, nei soggetti con superfici dentali in amalgama.

Discussione

Le nostre stime indicano che un individuo con sette o più superfici dentali in amalgama ha livelli di mercurio nelle urine  dal 30% al 50% più elevati di un individuo senza amalgama. Questo è coerente con la letteratura del passato, che ha identificato sette superfici in amalgama come un livello pericoloso di esposizione al vapore di mercurio. La nostra analisi suggerisce che l’uso continuato di otturazioni dentali in amalgama  per l’odontoiatria restaurativa è una non trascurabile e inutile fonte  di esposizione al mercurio, considerando la disponibilità di alternative in resina composita.

Link all’articolo originale:

http://occup-med.biomedcentral.com/articles/10.1186/1745-6673-8-22

 

 

Lo scopo di questa revisione è quello di esaminare le prove di una relazione tra l’esposizione al mercurio (Hg) dalle amalgame dentali e alcune malattie croniche idiopatiche – sindrome da stanchezza cronica (CFS), fibromialgia (FM), depressione, ansia e il suicidio. L’amalgama dentale è un materiale da restauro dentale comunemente usato che contiene circa il 50% mercurio elementare (Hg0) in peso e rilascia vapore Hg0. Gli studi hanno dimostrato che l’esposizione cronica al Hg da varie fonti, tra cui gli amalgami dentali, è associata a numerosi problemi di salute, tra cui la stanchezza, ansia e depressione – e questi sono tra i principali sintomi che sono associati con CFS e FM. Inoltre, diversi studi hanno dimostrato che la rimozione di amalgame è associata ad un miglioramento di questi sintomi. Anche se il tema della sicurezza dell’amalgama è ancora in discussione, la preponderanza di evidenza suggerisce che l’esposizione al mercurio dalle amalgame dentali può causare o contribuire a causare molte malattie croniche. Pertanto, la considerazione della tossicità Hg può essere fondamentale per l’indagine clinica efficace di molte malattie croniche, in particolare quelle che coinvolgono la stanchezza e la depressione.

Link all’articolo originale:
http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/25617876

I vapori di mercurio costituiscono un noto rischio per la salute con un livello sicuro di esposizione non chiaramente stabilito. Di conseguenza, non vi è dibattito se il livello di esposizione prolungata a vapori di mercurio dalle otturazioni dentali in amalgama, che unisce circa il 50% di mercurio con altri metalli, è sufficientemente alto da costituire un rischio per la salute. L’obiettivo del nostro studio è quello di determinare se l’esposizione al mercurio dalle otturazioni in amalgama è associato al rischio di effetti negativi sulla salute.

Metodi
In un grande campione longitudinale non cieco di partecipanti ad un programma di prevenzione sanitaria in Calgary, Canada, abbiamo confrontato il numero di otturazioni in amalgama, misurato il mercurio urinario e i cambiamenti di 14 sintomi auto-riferiti, proposti come dipendenti dal mercurio, misure sub-cliniche di salute mentale e fisica. La probabilità di cambiamento in un anno in un campione di persone che hanno rimosso le loro otturazioni è stata confrontata con un campione di persone che non hanno rimosso le otturazioni. Abbiamo usato test statistici non parametrici per determinare se le differenze di mercurio nelle urine erano statisticamente significative tra i due gruppi di campioni. Modelli di regressione logistica sono stati usati per stimare la probabilità di osservare miglioramento o peggioramento dei sintomi nei gruppi campione.

Risultati

In condizioni basali, i soggetti con otturazioni dentali in amalgama hanno misurato il doppio del mercurio urinario rispetto ad un gruppo di persone di controllo che non hanno mai avuto otturazioni in amalgama. La rimozione delle otturazioni in amalgama diminuisce il mercurio urinario ai livelli misurati in persone senza otturazioni in amalgama. Anche se i livelli di mercurio nelle urine nel nostro campione sono considerati da Health Canada essere troppo bassi per rappresentare rischi per la salute, la rimozione delle otturazioni in amalgama ha ridotto il rischio di deterioramento dei sintomi auto-riferiti e ha aumentato la probabilità di miglioramento dei sintomi rispetto alle persone che hanno conservato le loro amalgame .

Conclusioni
I nostri risultati suggeriscono che l’esposizione al mercurio delle otturazioni in amalgama ha impatto negativo sulla salute e quindi sono un rischio per la salute. L’uso di materiali alternativi più sicuri per le otturazioni dentali dovrebbe essere incoraggiato per evitare l’aumento del rischio di deterioramento della salute associato con una inutile esposizione al mercurio.
(I 14 sintomi riportati sono: mal di testa o emicrania; perdita di memoria; depressione; stanchezza o disturbi del sonno; ansia; modificazione del carattere; confusione; disturbi gastrici; esperienze di perdita del senso dell’olfatto o del gusto; tremore delle mani; parestesia; lasciar cadere involontariamente le cose; problemi di coordinamento e debolezza muscolare.)
Link all’articolo originale:
http://www.ehjournal.net/content/13/1/95/abstract#

Le principali fonti di  esposizione al mercurio (Hg), nella popolazione generale, sono metilmercurio (MeHg) dal pesce, mercurio inorganico (I-Hg) dal cibo e vapori di mercurio (HgO) da otturazioni in amalgama dentale. Mentre la distribuzione del MeHg nel corpo è descritto da un modello compartimentale, la distribuzione di I-Hg dopo esposizione al mercurio elementare è più complessa e non c’è biomarker per I-Hg nel cervello. Lo scopo di questo studio è stato quello di chiarire i rapporti tra il MeHg da un lato e I-Hg nel cervello umano e in altri tessuti, compreso il sangue, e sulla loro esposizione Hg  tramite l’amalgama dentale in una popolazione con alto consumo di pesce. Inoltre, è stato valutato l’uso del sangue e delle unghie dei piedi come indicatori biologici per il mercurio inorganico e organico (MeHg) nei tessuti.

Metodi

I campioni di sangue, del cervello (lobo occipitale della corteccia), ghiandola pituitaria, tiroide,  muscolo addominale e unghie dei piedi sono stati raccolti durante l’autopsia di 30 persone decedute, di età 47-91 anni. Concentrazioni di totale-Hg e I-Hg nel sangue e nella corteccia cerebrale sono stati determinati mediante spettrometria freddo vapore atomico fluorescenza e totale-Hg in altri tessuti con spettrometria di massa (ICP-SFMS).

Risultati
Le concentrazioni mediane di MeHg (totale-Hg meno I-Hg) e I-Hg nel sangue erano 2,2 e 1,0 microg / L e nel lobo occipitale della corteccia 4 e 5 microg / kg, rispettivamente. Vi era una correlazione significativa tra MeHg nel sangue e corteccia occipitale. Inoltre, il totale-Hg nelle unghie era correlato con MeHg sia nel sangue che nel lobo occipitale. I-Hg sia nel sangue che nella corteccia occipitale, così come il totale-Hg dell’ipofisi e della tiroide, sono stati fortemente associati con il numero di superfici di amalgama dentale presenti al momento della morte.

Conclusione
In una popolazione con alto consumo di pesce, l’assunzione di MeHg con la dieta ha un forte impatto sulla concentrazione MeHg nel cervello, mentre l’esposizione alle otturazioni dentali in amalgama aumenta le concentrazioni di I-Hg nel cervello. La discriminazione tra le specie di mercurio è necessaria per valutare l’impatto del Hg nel cervello da varie fonti di esposizione, in particolare l’esposizione da amalgama dentale.
Link all’articolo originale:

http://www.ehjournal.net/content/6/1/30

 

Obiettivi: Abbiamo effettuato uno studio trasversale, su dentisti della Scozia occidentale e gruppo di controllo, per individuare effetti  sulla salute e lo stato cognitivo causati dall’esposizione cronica al mercurio.

Metodi: a 180 dentisti è stato chiesto di compilare un questionario che comprendeva voci sulla manipolazione di amalgama, sintomi accusati, possibili influenze sulla funzione psicomotoria e domande di salute generale. Ai dentisti è stato chiesto di compilare una propria tabella dentale e di dare campioni di urine, capelli e unghie per l’analisi del mercurio.  Sono state fatte misurazioni ambientali di mercurio negli studi dentistici e i partecipanti hanno intrapreso una serie di test psicomotori informatici. 180 soggetti di controllo hanno subito una procedura simile, compilazione di un questionario, contate le otturazioni di amalgama, fornito campioni di urina,  capelli e unghie e sottoposti al test psicomotorio.

Risultati: I dentisti avevano, in media,  concentrazioni di mercurio nelle urine oltre quattro volte superiori a quelle dei soggetti di controllo, ma tutti, tranne un dentista, avevano il  mercurio urinario al di sotto del valore soglia della Health and Safety Executive. Nei dentisti vi erano significativamente più probabilità, rispetto ai soggetti di controllo, di avere disturbi renali e disturbi della memoria. Questi sintomi non erano significativamente associati con la concentrazione di mercurio urinario. Sono state riscontrate differenze tra la performance psicomotoria dei dentisti e dei controlli dopo aggiustamento per età e sesso, ma non c’era alcuna associazione significativa tra le variazioni della risposta psicomotoria e le concentrazioni di mercurio nelle urine, capelli o unghie.

Conclusioni: sono state trovate molte differenze in materia di salute e dello stato cognitivo tra dentisti ed i controlli. Queste differenze non possono essere direttamente attribuite alla loro esposizione al mercurio. Tuttavia, siccome effetti simili sulla salute sono noti per essere associati con l’esposizione al mercurio, sarebbe opportuno prendere in considerazione un sistema di sorveglianza sanitaria del personale odontoiatrico con particolare attenzione ai sintomi associati alla tossicità del mercurio in cui vi sia evidenza di alti livelli di esposizione al mercurio ambientale .

….. Per i dentisti, rispetto al gruppo di controllo, la media geometrica della concentrazione di mercurio nei capelli era 1,82 volte maggiore …..

….. E’ stata trovata una correlazione altamente significativa tra il numero di otturazioni in amalgama posizionate e rimosse in una settimana e la concentrazione di mercurio urinario (r = 0,38, p <0,001, e r = 0,29, p <0,001, rispettivamente)…….

….. L’Health and Safety Executive ha fissato lo standard per l’esposizione professionale (OES) per vapori di mercurio a 25 μg/m3 per 8 ore al giorno, 40 ore settimanali. I risultati da 180 ambulatori hanno mostrato che nel 68% (n = 122) degli studi dentistici lo strumento lettura diretta ha evidenziato concentrazioni di mercurio sopra quello dello standard di esposizione professionale, in una o più aree separate……

…. Le concentrazioni di mercurio urinario trovata negli dentisti inclusi in questo studio erano simili a quelli riportati in altri studi degli ultimi anni e molto vicini a quelli riportati da Langworth et al. ….

….. C’era, tuttavia, una grande differenza e altamente significativa tra le concentrazioni di mercurio nelle urine dei dentisti e dei controlli, che hanno una concentrazione media di mercurio urinario di 4,17 volte superiore a quello dei controlli……

…… Oltre a segnalare una alta incidenza di disturbi renali, i dentisti nel nostro studio ha anche evidenziato un’incidenza significativamente più alta di disturbi della memoria di quella dei soggetti di controllo. Come nel caso di problemi renali segnalati, la segnalazione di disturbi della memoria non era correlata alle concentrazioni di mercurio urinario……

Link all’articolo originale:

http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC1740287/pdf/v059p00287.pdf

CALENDARIO ARTICOLI

settembre: 2017
L M M G V S D
« Ago    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930  

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

Segui assieme ad altri 88 follower

Blog Stats

  • 164,767 hits