You are currently browsing the tag archive for the ‘autismo’ tag.

Dati dall’analisi minerale dei capelli della Mineral Test ®
Grafici a confronto, bambini sani e bambini con diagnosi di “Disturbo dello Spettro Autistico”.

Una delle caratteristiche principali nei bambini con autismo è l’assenza di mercurio all’analisi minerale dei capelli. Mercurio peraltro sempre presente abbondantemente nelle analisi dei bambini sani. I capelli concentrano il mercurio fino a trecento volte di più rispetto al sangue; la scarsa presenza di mercurio nei capelli è sinonimo di accumulo organico, dovuto all’incapacità di espulsione propria dei bambini con autismo.

Notare inoltre il notevole carico tossico nei bambini con diagnosi di autismo. Particolarmente elevato il livello di alluminio.

Infine, il calcio ionizzato intracellulare (Ca2+) risulta costantemente in eccesso nei bambini con diagnosi di autismo.

 

Annunci

“ConAutismo-Alluminio-fluorclusioni: Abbiamo misurato per la prima volta l’alluminio nel tessuto cerebrale dei bambini con Disturbo dello Spettro Autistico e abbiamo dimostrato che il CONTENUTO di ALLUMINIO nel CERVELLO è STRAORDINARIAMENTE ALTO

Abstract

“Il disturbo dello spettro autistico è un disordine dello sviluppo neurologico ad eziologia sconosciuta. È suggerito il coinvolgimento sia di una suscettibilità genetica sia di fattori ambientali, tra cui le tossine ambientali di quest’ultimo. L’esposizione umana alla tossina ambientale alluminio è stata collegata, seppur provvisoriamente, al disturbo dello spettro autistico. In questa ricerca abbiamo usato la <spettrometria ad assorbimento atomico a fornetto di grafite riscaldato trasversalmente> per misurare, per la prima volta, il contenuto di alluminio nel tessuto cerebrale di donatori con una diagnosi di autismo. Abbiamo anche usato la fluorescenza selettiva per l’alluminio per identificare l’alluminio nel tessuto cerebrale mediante microscopia a fluorescenza. Il contenuto di alluminio del tessuto cerebrale nell’autismo era costantemente alto. Il contenuto di alluminio medio (deviazione standard) in tutti i 5 individui per ciascun lobo era 3,82 (5,42), 2,30 (2,00), 2,79 (4,05) e 3,82 (5,17) μg/g di peso secco, rispettivamente per i lobi occipitale, frontale, temporale e parietale. Questi sono alcuni dei valori più alti per l’alluminio nel tessuto cerebrale umano finora registrati e bisogna chiedersi perché, per esempio, il contenuto di alluminio del lobo occipitale di un bambino di 15 anni sarebbe di 8,74 (11,59) μg/g di peso secco? La microscopia a fluorescenza alluminio-selettiva è stata utilizzata per identificare l’alluminio nel tessuto cerebrale in 10 donatori. Mentre l’alluminio si immagina associato con i neuroni, sembrava essere presente intracellularmente in cellule microglia-simili ed in altre cellule infiammatorie non neuronali nelle meningi, sistema vascolare, materia grigia e bianca. La preminenza dell’alluminio intracellulare associata a cellule non neuronali è un’osservazione eccezionale nel tessuto cerebrale autistico e può offrire indizi sia sull’origine dell’alluminio nel cervello sia su un presunto ruolo nel disturbo dello spettro autistico.”

Link all’articolo originale:

http://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S0946672X17308763

L’obiettivo primario del presente studio è l’analisi dei contenuti dei minerali in tracce nei capelli di bambini con disordine di comunicazione (CD) e disturbi dello spettro autistico (ASD). Sono stati esaminati 99 bambini provenienti da gruppo di controllo, CD e ASD (n = 33). Tutti i bambini sono stati inoltre suddivisi in due sottogruppi in base all’età. I livelli di elementi traccia nei capelli sono stati valutati utilizzando la spettrometria di massa induttivamente accoppiata al plasma. La differenza è stata considerata significativa a p <0.01. I dati ottenuti dimostrano che i bambini con CD sono caratterizzati da un significativo aumento nei capelli del litio (Li) (96%, p = 0,008), selenio (Se) (66%, p <0,001), arsenico (As) (96% 0,005), berillio (Be) (150%; p <0,001) e cadmio (Cd) (72%; p = 0,007), essendo superiori ai rispettivi valori di controllo. Nel gruppo ASD, i livelli nei capelli di rame (Cu), iodio (I) e Be tendevano ad essere inferiori ai valori di controllo. A sua volta, il contenuto di Se ha superato significativamente i valori di controllo (33%, p = 0.004), mentre il livello di ferro (Fe) e alluminio (Al) tendono ad aumentare. Dopo la gradazione per l’età, le differenze più rilevanti nei bambini con CD sono state rilevate nel gruppo anziano (5-8 anni), mentre nel caso di ASD nel gruppo più giovane (3-4 anni). Tenuto conto del ruolo dei capelli come meccanismo di escrezione per alcuni elementi compresi quelli tossici, si può proporre che i bambini affetti da ASD siano caratterizzati da una più profonda alterazione della mobilizzazione e dell’escrezione del metallo rispetto ai bambini CD.
Link all’articolo originale:

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/27785740

L’obiettivo dello studio era quello di indagare i contenuti degli elementi traccia nei capelli dei bambini affetti da disturbo dello spettro autistico (ASD). Sono stati studiati 74 bambini ASD e 74 controlli, appaiati per sesso e per età, suddivisi in due gruppi di età (2-4 e 5-9 anni). Il contenuto degli elementi traccia nei capelli è stato valutato utilizzando la spettrometria di massa induttivamente accoppiata al plasma. La coorte generale di bambini ASD è stata caratterizzata dal 29%, 41% e 24% di bassi livelli nei capelli di, rispettivamente, cromo (Cr), iodio (I) e vanadio (V), mentre il livello di selenio (Se) ha superato i rispettivi valori del gruppo di controllo del 31%. Nei bambini ASD di età compresa tra 2-4 anni i valori di Cr, I e V nei capelli erano del 68%, 36% e 41% inferiori ai controlli. I bambini ASD più anziani sono stati caratterizzati da un aumento del 45% del livello di selenio nei capelli. Nella coorte generale di bambini ASD, i livelli di berillio (Be) e di stagno (Sn) nei capelli erano inferiori, rispettivamente, del  50% e 34% rispetto ai valori del gruppo di controllo. Nel primo gruppo dei bambini ASD, di età (2-4 anni), sono stati rilevati nel 34%, 42% e 73% bassi livelli di arsenico (As), boro (B) e berillio (Be). Nel secondo gruppo di età dei bambini ASD è stata rilevata solo una diminuzione appena significativa del 25% di piombo (Pb). Sorprendentemente, non è stata rilevata alcuna differenza significativa tra i gruppi per il mercurio (Hg), zinco (Zn) e rame (Cu) nei capelli . In generale, i risultati del presente studio dimostrano che i bambini con ASD sono caratterizzati da valori inferiori nei capelli di elementi non solo essenziali ma anche tossici.

Link all’articolo originale:

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/27581303

La chiarificazione della patogenesi e del trattamento dei disturbi dello spettro autistico è una delle sfide odierne. In questo studio esaminiamo le concentrazioni di 26 elementi traccia nei capelli di 1.967 bambini con disordine autistico (1.553 maschi e 414 femmine). Sono stati osservati 584 (29,7%), 347 (17,6%) e 114 (5,8%) soggetti con bassi livelli di, rispettivamente, zinco, magnesio e calcio e nel 2,0% o meno per gli altri metalli essenziali. Il tasso di incidenza della carenza di minerali è stato osservato soprattutto nei bambini di età compresa tra 0 e 3 anni. Al contrario, 339 (17,2%), 168 (8,5%) e 94 (4,8%) soggetti mostravano un elevato carico, rispettivamente, di alluminio, cadmio e piombo e 2,8% o meno, di mercurio e arsenico. Questi risultati suggeriscono che la carenza di zinco e di magnesio e/o la presenza di elevati livelli di metallici tossici nella prima infanzia possono  giocare un ruolo epigenetico principale come fattori ambientali nei disturbi autistici e che l’approccio alla metallomica può portare ad uno screening precoce e alla prevenzione dei disordini del neurosviluppo.

Link all’articolo originale:
https://www.nature.com/articles/srep01199

Abstract:

I disturbi dello spettro autistico (ASD) sono disturbi neurobiologici complessi che compromettono le interazioni sociali e la comunicazione e portano a limitati, ripetitivi, stereotipati modelli di comportamento, interessi e attività. Le cause di questi disturbi sono ancora poco chiare, ma la flora intestinale, i 1013 batteri nell’intestino umano, sono stati implicati perché i bambini con ASD soffrono spesso di problemi gastrointestinali (GI) che correlano con la gravità del ASD. Diversi studi precedenti hanno riportato batteri intestinali anomali nei bambini con ASD.

Il collegamento microbioma intestinale-ASD è stato testato in un modello murino di ASD, dove il microbioma è stato meccanicamente collegato a metaboliti e comportamenti anomali. Allo stesso modo, uno studio di bambini con ASD ha rilevato che il trattamento antibiotico non assorbibile per via orale migliora i sintomi gastrointestinali e ASD, anche se temporaneamente.

Qui, un piccolo trial clinico open-label ha valutato l’impatto della Terapia di Trasferimento del Microbiota (MTT) sulla composizione del microbiota intestinale e dei sintomi  GI e ASD di 18 bambini diagnosticati come ASD.

Risultati: MTT coinvolti un trattamento di 2 settimane di antibiotici, una pulizia del colon, e poi un trapianto di microbiota fecale esteso (FMT) con una dose iniziale elevata, seguita da dosi inferiori  quotidiane di mantenimento per 7-8 settimane. La Symptom Rating Scale gastrointestinale ha rilevato, alla fine del trattamento, una riduzione di circa l’80% dei sintomi gastrointestinali, compresi miglioramenti significativi nei sintomi come costipazione, diarrea, indigestione e dolori addominali. I miglioramenti persistevano per 8 settimane dopo la fine del trattamento. Allo stesso modo, le valutazioni cliniche hanno dimostrato che le anomalie comportamentali  dei ASD erano migliorate in modo significativo ed il miglioramento è perdurato per 8 settimane dopo la conclusione del trattamento.

Le analisi di sequenziamento batterico  hanno rivelato l’avvenuto attecchimento parziale del microbiota donatore e cambiamenti positivi nell’ambiente intestinale. In particolare, la diversità batterica totale e l’abbondanza di Bifidobacterium, Prevotella e Desulfovibrio tra altri taxa, sono aumentate a seguito del MTT, e questi cambiamenti persistevano dopo l’interruzione del trattamento (seguiti per 8 settimane).

Conclusioni: Questo esplorativo protocollo con trattamento di durata prolungata risulta quindi essere un approccio promettente per modificare il microbioma ed il viroma intestinale, e migliorare i sintomi GI e comportamentali di ASD. I miglioramenti dei sintomi gastrointestinali, dei sintomi ASD e del microbioma sono  tutti persistiti  per almeno 8 settimane dopo la conclusione del trattamento, suggerendo un impatto a lungo termine.

Link all’articolo originale:

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC5264285/

BLOG___[2]

“ …. Mentre l’associazione tra inquinanti atmosferici, pesticidi e altre sostanze chimiche agenti sul sistema endocrino e il rischio di disturbi dello spettro autistico sta ricevendo ulteriori conferme, l’ipotesi di una vera e propria relazione causale tra di loro ha bisogno di ulteriori dati. I possibili meccanismi patogenetici attraverso cui i fattori ambientali possono portare a disturbi dello spettro autistico in individui geneticamente predisposti sono stati riassunti, dando particolare enfasi al ruolo sempre più importante dell’epigenetica. …

La ricerca futura dovrebbe indagare se vi è una differenza significativa nella prevalenza di ASD fra le nazioni con livelli alti e bassi dei vari tipi di inquinamento. ….

Finora, la stragrande maggioranza degli studi che hanno cercato una correlazione tra inquinanti e l’autismo sono stati condotti negli Stati Uniti. Questo può essere un fattore limitante dal punto di vista epidemiologico, soprattutto perché la maggior parte dei pochi studi condotti altrove non hanno confermato i risultati ottenuti negli USA. Non è chiaro se ciò sia dovuto a problemi metodologici o reali differenze tra le aree geografiche considerate. Secondo Shelton et al. un obiettivo molto importante della ricerca riguardante le interazioni tra genetica e ambiente è l’identificazione delle popolazioni vulnerabili, anche in vista di una corretta prevenzione. Infine, un altro aspetto che gli autori considerano molto importante per la ricerca in questo campo è l’uniformità di criteri diagnostici e strumenti di valutazione per ASD, al fine di rendere i risultati degli studi effettuati in tutto il mondo comparabili. …..

È tuttavia da rilevare che, secondo l’osservazione di Turville e Golden, la meta-analisi di Taylor et al.  ha confermato studi precedenti dimostrando  che L’INCIDENZA  DI ASD È SIMILE IN GRUPPI DI BAMBINI CHE SONO STATI VACCINATI IN MODO DIVERSO, MA NON HA CONFRONTATO L’INCIDENZA DI ASD NEI BAMBINI VACCINATI E NON VACCINATI. Pertanto,  vi è ancora qualche incertezza riguardo a questa materia e, in accordo con Sealey et al., questo argomento dovrebbe essere studiato ulteriormente e la comunità scientifica deve ancora essere vigile per quanto riguarda la possibile associazione tra vaccini e ASD. Tuttavia, per quanto detto sopra, LE VACCINAZIONI SEMBRANO ESSERE UNA SCELTA INGIUSTIFICATA E PERICOLOSA PER LA SALUTE PUBBLICA. ….

Inoltre, PIOMBO, MERCURIO E ARSENICO sono NOTE SOSTANZE NEUROTOSSICHE che possono ATTRAVERSARE LA BARRIERA EMATO-ENCEFALICA E COMPROMETTERE LO SVILUPPO NEUROLOGICO. Meccanismi epigenetici si possono ipotizzare sulla base dei risultati dello studio sperimentale sugli animali effettuati da Hill et al …. ”

Abstract

Obiettivo:  i disturbi dello spettro autistico sono condizioni persistenti  per tutta la vita e spesso devastanti che colpiscono gravemente il funzionamento sociale e l’autosufficienza. L’eziopatogenesi è presumibilmente multifattoriale, risultante da un’interazione molto complessa tra fattori genetici e ambientali. Il drammatico aumento della prevalenza  del disturbo dello spettro autistico osservata nel corso degli ultimi decenni ha portato a porre l’accento sul ruolo dei fattori ambientali nell’eziopatogenesi. L’obiettivo di questa revisione biomedica  è stato quello di riassumere e discutere i risultati dei più recenti e rilevanti studi sui fattori ambientali ipoteticamente coinvolti nell’ eziopatogenesi dei disturbi dello spettro autistico. Fonti: La ricerca è stata eseguita in PubMed (National Library of Medicine) sui fattori ambientali ipoteticamente coinvolti nella eziopatogenesi  non sindromica del disturbo dello spettro autistico, tra cui: inquinanti atmosferici, pesticidi e altre sostanze chimiche agenti  sul sistema endocrino, inquinamento elettromagnetico, vaccinazioni e modifiche dietetiche. Sintesi dei risultati: mentre l’associazione tra inquinanti atmosferici, pesticidi e altre sostanze chimiche sul sistema endocrino e il rischio di disturbi dello spettro autistico sta ricevendo conferme in aumento, l’ipotesi di una vera e propria relazione causale tra di loro ha bisogno di ulteriori dati. I possibili meccanismi patogenetici attraverso cui i fattori ambientali possono portare a disturbi dello spettro autistico in individui geneticamente predisposti sono stati riassunti, dando particolare enfasi al ruolo sempre più importante dell’epigenetica. Conclusioni: La ricerca futura dovrebbe indagare se vi è una differenza significativa nella prevalenza di disturbi dello spettro autistico fra le nazioni con livelli alti e bassi dei  vari tipi di inquinamento. Un obiettivo molto importante della ricerca riguardante le interazioni tra fattori genetici e ambientali nella eziopatogenesi dei  disturbi dello spettro autistico è l’identificazione delle popolazioni vulnerabili, anche in vista di una corretta prevenzione.

Link all’articolo originale:

Autism in 2016: the need for answers

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/27837654

 

Le Tachichinine (sostanza P, neurochinina A e neurochinina B) sono neuropeptidi pro-infiammatori che possono svolgere un ruolo importante in alcune malattie neuroinfiammatorie  autoimmuni, tra cui il disturbo dello spettro autistico (ASD). Il Mercurio (Hg) è un neurotossico e potenzialmente uno dei principali fattori ambientali per ASD in quanto induce neuro infiammazione  con conseguente rilascio di neuropeptidi. Questo è il primo studio che esplora il rapporto potenzialmente causale tra i livelli sierici di neurochinina A e mercurio nel sangue (BHG) nei bambini con ASD. I livelli sierici di neurochinina A e BHG sono stati misurati in 84 bambini con ASD, di età compresa tra i 3 ei 10 anni, e 84 bambini sani. C’è stata una relazione lineare positiva tra la Childhood Autism Rating Scale (CARS) e neurochinina A e BHG sierici. I bambini ASD avevano livelli sierici significativamente più elevati di neurochinina A rispetto ai controlli sani (p <0.001). L’aumento dei livelli sierici di neurochinina A e BHG sono stati trovati rispettivamente  nel 54,8% e 42,9% dei due gruppi. C’era significativa e positiva relazione lineare tra i livelli sierici di neurochinina A e Mercurio nel sangue  nei bambini con ASD moderata e grave, ma non nei bambini sani di controllo. Si è riscontrato che il 78,3% dei pazienti ASD con un aumento dei livelli sierici di neurochinina A aveva elevati livelli di Mercurio nel sangue (P <0,001). Una neuro infiammazione, con aumento dei livelli di neurochinina A, è riscontrata in alcuni bambini con ASD, e può  essere causata da livelli elevati di BHG. Ulteriori ricerche si raccomandano per determinare il ruolo patogenetico di un aumento dei livelli sierici di neurochinina A e Mercurio nel sangue in ASD. Il ruolo terapeutico di antagonisti dei recettori delle tachichinine, una potenziale nuova classe di farmaci anti-infiammatori, e chelanti del Hg, dovrebbe essere studiato nei casi di ASD.

Link all’articolo originale:

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/m/pubmed/26738726/?i=12&from=autism+and+mercury

 

http://www.vetrinaservizi.it/pagina2446_ouverture.html#

 

Autori:

Valentina F. Domingues 1,†, Cinzia Nasuti 2,†, Marco Piangerelli 3, Luísa Correia-Sá 1, Alessandro Ghezzo 4, Marina Marini 4, Provvidenza M. Abruzzo 4, Paola Visconti 5, Marcello Giustozzi 6, Gerardo Rossi 6 and Rosita Gabbianelli 2,*

Abstract: Il numero di bambini affetti da disturbi dello spettro autistico (ASD) è drammaticamente in aumento, così come in aumento sono gli studi volti a comprendere i fattori di rischio associati allo sviluppo di ASD. Poiché l’eziologia dell’ ASD è in parte genetica e in parte ambientale, fattori (come metalli pesanti, pesticidi) e stile di vita sembrano avere un ruolo chiave nello sviluppo della malattia. Sono stati confrontati  bambini con ASD e bambini sani come controllo (CTR), di età compresa tra 5-12 anni. La “gas-chromatography coupled with trap mass detector”  è stata utilizzata per misurare il livello di 3-PBA, il principale metabolita dei piretroidi nelle urine in un gruppo di pazienti  ASD, mentre è stata impiegata la “spettrometria ottica  ad  emissione atomica accoppiata induttivamente al plasma di argon” (ICP-OES) per valutare il livello di metalli e microelementi nei capelli di un diverso gruppo di bambini ASD e CTR. La presenza di 3-PBA nelle urine sembra essere indipendente dall’età nei bambini ASD, mentre una correlazione positiva tra 3 PBA ed età è stata osservata nel gruppo di controllo con lo stesso range di età. La concentrazione di 3-BPA nelle urine dei bambini ASD aveva valori superiori rispetto al gruppo di controllo, con risultati marginalmente significativi (p = 0,054). I livelli di Magnesio risultavano  significativamente diminuiti in ASD rispetto ai controlli, mentre Vanadio, Zolfo, Zinco ed il rapporto Ca/Mg sono stati marginalmente più alti, senza raggiungere la significatività statistica. I risultati di analisi delle componenti principali (PC) di metalli e microelementi nei capelli non avevano associazione  con l’età o lo stato di salute.  In conclusione, il 3-PBA nelle urine ed il Magnesio nei capelli presentano alterazioni  nei bambini ASD rispetto a quelli di controllo.

Link all’articolo originale:

http://www.mdpi.com/1660-4601/13/4/388/htm

 

CALENDARIO ARTICOLI

febbraio: 2018
L M M G V S D
« Gen    
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728  

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

Segui assieme ad altri 92 follower

Blog Stats

  • 179,707 hits
Annunci