You are currently browsing the tag archive for the ‘selenio’ tag.

“… il numero di pazienti con febbre da fieno in Giappone sta aumentando, causando un aumento delle spese mediche nazionali. In questa ricerca abbiamo studiato il rapporto tra “febbre da fieno” e concentrazioni minerali nei capelli per ottenere risultati sul rischio di sviluppare allergie al polline. È stato condotto un questionario su 275 uomini e 977 donne sulle loro abitudini di vita e sono state misurate dieci tipi di concentrazioni minerali presenti nei loro capelli con analisi successive utilizzando analisi di regressione logistica nominale. I risultati indicano che la metà dei pazienti di ogni gruppo di età ha avuto febbre da fieno, senza alcuna differenza significativa tra febbre da fieno e invecchiamento, esercizio fisico, ritmi del sonno e dietetici. D’altra parte, c’è stata una significativa differenza tra la febbre da fieno e le concentrazioni di minerali nei capelli, e negli uomini con febbre da fieno, il ferro (rapporto odds: 0,55, p <0,05) era basso, mentre nelle donne il calcio (rapporto di disprezzo: 0,67 , P <0,05), il cromo (odds ratio: 0,46, p <0,001), il cadmio (rapporto odds: 0,68, p <0,01) erano bassi e il selenio (rapporto odds: 1,78, p <0,01) era alto. Questi risultati suggeriscono che le concentrazioni minerali nei capelli sono indicatori di rischio di febbre da fieno.

Link all’articolo originale:

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/28768942

Annunci

L’obiettivo primario del presente studio è l’analisi dei contenuti dei minerali in tracce nei capelli di bambini con disordine di comunicazione (CD) e disturbi dello spettro autistico (ASD). Sono stati esaminati 99 bambini provenienti da gruppo di controllo, CD e ASD (n = 33). Tutti i bambini sono stati inoltre suddivisi in due sottogruppi in base all’età. I livelli di elementi traccia nei capelli sono stati valutati utilizzando la spettrometria di massa induttivamente accoppiata al plasma. La differenza è stata considerata significativa a p <0.01. I dati ottenuti dimostrano che i bambini con CD sono caratterizzati da un significativo aumento nei capelli del litio (Li) (96%, p = 0,008), selenio (Se) (66%, p <0,001), arsenico (As) (96% 0,005), berillio (Be) (150%; p <0,001) e cadmio (Cd) (72%; p = 0,007), essendo superiori ai rispettivi valori di controllo. Nel gruppo ASD, i livelli nei capelli di rame (Cu), iodio (I) e Be tendevano ad essere inferiori ai valori di controllo. A sua volta, il contenuto di Se ha superato significativamente i valori di controllo (33%, p = 0.004), mentre il livello di ferro (Fe) e alluminio (Al) tendono ad aumentare. Dopo la gradazione per l’età, le differenze più rilevanti nei bambini con CD sono state rilevate nel gruppo anziano (5-8 anni), mentre nel caso di ASD nel gruppo più giovane (3-4 anni). Tenuto conto del ruolo dei capelli come meccanismo di escrezione per alcuni elementi compresi quelli tossici, si può proporre che i bambini affetti da ASD siano caratterizzati da una più profonda alterazione della mobilizzazione e dell’escrezione del metallo rispetto ai bambini CD.
Link all’articolo originale:

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/27785740

L’obiettivo dello studio era quello di indagare i contenuti degli elementi traccia nei capelli dei bambini affetti da disturbo dello spettro autistico (ASD). Sono stati studiati 74 bambini ASD e 74 controlli, appaiati per sesso e per età, suddivisi in due gruppi di età (2-4 e 5-9 anni). Il contenuto degli elementi traccia nei capelli è stato valutato utilizzando la spettrometria di massa induttivamente accoppiata al plasma. La coorte generale di bambini ASD è stata caratterizzata dal 29%, 41% e 24% di bassi livelli nei capelli di, rispettivamente, cromo (Cr), iodio (I) e vanadio (V), mentre il livello di selenio (Se) ha superato i rispettivi valori del gruppo di controllo del 31%. Nei bambini ASD di età compresa tra 2-4 anni i valori di Cr, I e V nei capelli erano del 68%, 36% e 41% inferiori ai controlli. I bambini ASD più anziani sono stati caratterizzati da un aumento del 45% del livello di selenio nei capelli. Nella coorte generale di bambini ASD, i livelli di berillio (Be) e di stagno (Sn) nei capelli erano inferiori, rispettivamente, del  50% e 34% rispetto ai valori del gruppo di controllo. Nel primo gruppo dei bambini ASD, di età (2-4 anni), sono stati rilevati nel 34%, 42% e 73% bassi livelli di arsenico (As), boro (B) e berillio (Be). Nel secondo gruppo di età dei bambini ASD è stata rilevata solo una diminuzione appena significativa del 25% di piombo (Pb). Sorprendentemente, non è stata rilevata alcuna differenza significativa tra i gruppi per il mercurio (Hg), zinco (Zn) e rame (Cu) nei capelli . In generale, i risultati del presente studio dimostrano che i bambini con ASD sono caratterizzati da valori inferiori nei capelli di elementi non solo essenziali ma anche tossici.

Link all’articolo originale:

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/27581303

Abstract

BACKGROUND/AIM: Lo studio è stato effettuato per determinare se ci fosse una differenza tra le concentrazioni, sieriche e nei capelli,  degli elementi traccia nei pazienti con malattia di Alzheimer (AD) a confronto con soggetti sani.

MATERIALI E METODI: Nel siero e nei capelli sono stati misurati i livelli di rame, selenio, zinco, magnesio, manganese e ferro mediante spettrometria di massa induttivamente accoppiata al plasma, in pazienti con AD e partecipanti sani, ed i risultati ottenuti sono stati confrontati statisticamente.

RISULTATI: La media dei livelli di selenio e zinco nei capelli di pazienti con AD era significativamente inferiore ai livelli trovati nel gruppo di controllo (P <0,05). Nei pazienti con AD era significativamente più alta la media dei livelli di rame e manganese nei capelli rispetto ai controlli. Non ci sono state differenze significative tra pazienti con AD e controlli sani in rapporto ai livelli di ferro e magnesio nei capelli (p> 0.05). I livelli degli elementi traccia nei capelli e nel siero (rame, selenio, zinco, magnesio, manganese e ferro) in pazienti con AD non hanno mostrato differenze significative secondo il “mini mental test scores” o il sesso (P> 0,05).

CONCLUSIONE: Alcuni livelli degli elementi in traccia possono cambiare nei pazienti con AD. Dato il carattere più permanente, l’analisi dei livelli di questi elementi nei capelli può essere superiore alle analisi del sangue.

“ … In conclusione, i nostri risultati dimostrano che alcuni degli elementi traccia, in particolare i livelli nei capelli di Cu, Se, Mn e Zn, possono cambiare nei pazienti con AD. Queste alterazioni possono suggerire un potenziale ruolo degli oligoelementi nella eziopatogenesi dell’AD. I risultati di precedenti studi hanno mostrato variazioni dei livelli di elementi traccia nel siero in pazienti con AD, e  noi abbiamo trovato alcune  differenze nelle concentrazioni di elementi in traccia dei capelli e del siero tra i pazienti con AD e gruppo dei sani. Questi risultati suggeriscono che i livelli di oligoelementi nei capelli potrebbero fornire più accurate informazioni sul livello degli oligoelementi in pazienti con AD. La normalizzazione di questi elementi può essere critica per lo sviluppo di strategie preventive e terapeutiche per l’AD. Valutazioni successive saranno utili nella comprensione dei ruoli esatti degli oligoelementi nella eziopatogenesi di AD. ….”

Link all’articolo originale:

http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/26738344

 

L’autismo è una patologia multifattoriale osservati in bambini con livelli alterati di elementi essenziali ed elevati livelli di elementi tossici. Ci sono anche studi che riportano un decremento di oligoelementi nutrizionali nei capelli e unghie dei bambini autistici rispetto ai controlli sani; inoltre, i bioelementi hanno dimostrato di giocare un ruolo importante nel sistema nervoso centrale. Pertanto, lo scopo di questo studio era quello di valutare i livelli di oligoelementi, come rame (Cu), zinco (Zn), magnesio (Mg), selenio (Se) ed elementi tossici, come mercurio (Hg) e piombo (Pb ), nei campioni di capelli e unghie dei bambini autistici e valutare se il livello di questi elementi può essere correlato con la gravità dell’autismo. I soggetti dello studio sono stati 45 bambini autistici con diversi gradi di gravità (autismo a basso (LFA), medio (MFA) e alto (HFA) funzionamento) in base al Childhood Autism Rating Scale, n = 15 bambini in ogni gruppo, e 50 bambini sani (età e sesso combinati). Il rapporto di maschi e femmine coinvolti in questo studio è stato di 4: 1, età dai 4 ai 12 anni. Lo studio ha osservato una valida indicazione del carico corporeo di Cu nei bambini autistici. I bambini con diversi gradi di autismo hanno mostrato elevata significatività (p <0.001) del livello di rame nei loro campioni di capelli e unghie, rispetto ai controlli sani. Il livello di Cu nei bambini autistici potrebbe essere correlato con il loro grado di gravità (più carico di Cu, più grave è l'autismo). Lo studio ha mostrato un aumento significativo (p <0.001) dei livelli di metalli tossici, piombo e mercurio, in entrambi i campioni di capelli e unghie di bambini autistici rispetto al gruppo di controllo sano. L'elevazione è stata molto pronunciata nei soggetti del gruppo LFA rispetto tra i gruppi autistici MAE e HFA. I livelli di oligoelementi Mg e Se sono diminuiti significativamente (p <0,001) nei bambini autistici rispetto al gruppo di controllo. L'oligoelemento Zn ha mostrato variazioni significative sia in capelli che unghie dei bambini del gruppo LFA rispetto al gruppo di controllo ed agli altri gruppi di studio. L'aumento significativo nella concentrazione di Cu, Pb e Hg e la significativa diminuzione della concentrazione di Mg e Se osservata nei campioni di capelli e unghie di soggetti autistici potrebbero essere ben correlati con i loro gradi di gravità.

Link all’articolo originale:
http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/20625937

Sebbene l’associazione tra minerali in tracce, metalli pesanti e cancro alla prostata sia ancora in discussione, questi sono stati considerati come fattori di rischio per il cancro alla prostata. Pertanto, questo studio mirava a individuare eventuali legami tra cancro alla prostata e alcuni minerali e metalli pesanti, tra cui Se, Zn, Cu, Mn e Fe. Uno studio caso-controllo è stato condotto tra 100 soggetti (casi n = 50, controllo n = 50), abbinati per età ed etnia. Livello di metalli pesanti e oligoelementi in campioni di capelli e unghie sono stati determinati con ICP-MS. I livelli medi di selenio nei capelli e unghie dei casi con cancro erano significativamente più bassi rispetto ai controlli. Un trend simile è stato osservato per lo zinco in entrambi i campioni di capelli e unghie, mentre il livello medio del rame era significativamente più alto nei casi rispetto ai controlli. Elevazione simile è stato osservata per il ferro e manganese (p <0,05 per tutti i parametri). Bassi livelli di selenio e zinco con alti livelli di rame, ferro e manganese, sembrano essere associati con il rischio di cancro della prostata. Sono necessari ulteriori studi per chiarire i meccanismi causali e le adeguate misure di chemio-prevenzione.
Link all'articolo originale:
http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/23167323

L’adiposità viscerale è associata allo sviluppo di insulino-resistenza, questa condizione può contribuire allo sviluppo di anormalità metaboliche e malattie cardiovascolari. Diversi minerali giocano un ruolo essenziale nelle diverse funzioni metaboliche del corpo. Di conseguenza, in questo studio trasversale sono state analizzate le relazioni tra le concentrazioni minerali nei capelli e la resistenza all’insulina in 144 adulti coreani (71 soggetti con obesità viscerale e 73 soggetti sani come gruppo di controllo). L’obesità viscerale è stata valutata utilizzando l’analisi d’impedenza bioelettrica (BIA), mentre i livelli di resistenza all’insulina sono stati misurati utilizzando il modello omeostatico dell’indice di valutazione della resistenza all’insulina (HOMA-IR).  Il gruppo dei soggetti con obesità viscerale ha mostrato livelli di glucosio sierico (96.5 vs 91.0 mg/dL, P = 0.023), di concentrazione dell’insulina (4.78 vs 2.98 μIU/mL, P = 0.003),  e dell’indice HOMA-IR   (1.18 vs 0.64, P = 0.003) significativamente più elevati rispetto al gruppo di controllo di sani. Dopo aver aggiustato il risultato per l’età ed il sesso, si è riscontrata nel gruppo dei soggetti obesi una positiva correlazione tra i livelli di rame nei capelli e l’indice HOMA-IR (r = 0.241, P = 0.046), mentre vi è una negativa correlazione tra i livelli di cromo e selenio nei capelli e l’indice HOMA-IR (rispettivamente, r = -0.256, P = 0.034, and r = -0.251, P = 0.038). Pertanto, i livelli di cromo e selenio nei capelli dei soggetti con obesità viscerale sono inversamente associati con la resistenza all’insulina, mentre i livelli di rame  nei capelli sono positivamente associati con la resistenza all’insulina. Ciò ci suggerisce come il quadro dei minerali negli adulti con obesità viscerale può incidere nello sviluppo della resistenza all’insulina.

Link all’articolo originale:

http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/24643468

 

 C’è una crescente preoccupazione che le sostanze chimiche ambientali abbiano un effetto diretto sulla fertilità. I metalli pesanti come il mercurio hanno dimostrato di influenzare diversi sistemi di organi negli esseri umani tra cui il sistema nervoso e la pelle, ma potrebbero anche agire come interferenti endocrini che influenzano negativamente la fertilità. I metalli come lo zinco e il selenio sono micronutrienti essenziali con diverse funzioni che possono essere importanti per gli esiti riproduttivi. Abbiamo misurato i livelli di mercurio, zinco e selenio nei capelli, che rispecchiano in maniera attendibile l’esposizione ambientale a lungo termine e lo stato nutrizionale, e li abbiamo correlati con il risultato del trattamento di iperstimolazione ovarica per la fecondazione in vitro (IVF). METODI: Abbiamo analizzato i capelli di 30 donne subfertili per il mercurio, zinco e selenio, mediante spettrometria di massa ad accoppiamento induttivo. Ogni donna ha subito un ciclo di fecondazione in vitro. E’ stata studiata la correlazione tra i livelli di questi metalli in tracce e risultati del trattamento. RISULTATI: Trenta donne sono state reclutate con media (± DS) di 32,7 (4,4) anni e BMI di 25,4 (5,0) kg / m (2). La concentrazione di mercurio nei capelli ha mostrato una correlazione negativa con la resa degli ovociti (p <0.05, β coefficient 0,38) e il numero di follicoli (p = 0.03, β coefficient0.19) dopo stimolazione ovarica. I livelli di zinco e selenio nei capelli era correlata positivamente con la resa degli ovociti dopo la stimolazione ovarica (p <0,05, β coefficient0.15) e (p = 0.03, β coefficient0.21) rispettivamente. I livelli di selenio nei capelli erano correlati significativamente con il numero di follicoli in seguito a stimolazione (p = 0.04, βcoefficient0.22). Non c’era alcuna correlazione tra mercurio, zinco e selenio nei capelli e i loro corrispondenti livelli sierici. CONCLUSIONE: Questi dati suggeriscono che il mercurio ha avuto un effetto deleterio, mentre c’è stato un effetto positivo per lo zinco e selenio nella risposta ovarica alla terapia con gonadotropine per la IVF. L’analisi dei capelli offre un nuovo metodo di indagine dell’impatto sugli esiti riproduttivi dell’esposizione a lungo termine a interferenti endocrini e dello stato nutrizionale.

Link all’articolo originale:

Abbiamo detto che alcuni oligoelementi sono essenziali per la vita e per la funzione cellulare. Segue quindi un elenco di esempi, a dimostrazione di quanto affermato.

CROMO

«Il CROMO (Cr) è un oligoelemento essenziale per il metabolismo del glucosio e svolge un ruolo fisiologico per una corretta attività insulinica …. il dosaggio di Cr nei capelli è considerato il più indicativo dello stato nutrizionale e corrisponde al pool corporeo dell’oligoelemento e all’entità dei depositi. Recentemente al Cr è stato attribuito un ruolo di protezione nei confronti delle malattie cardiovascolari. Nell’animale in carenza esse sembrano molto frequenti. Nell’uomo la somministrazione di Cr ha ottenuto miglioramento dell’assetto lipidico plasmatico (riduzione del colesterolo e delle LDL con aumento delle HDL). In due studi epidemiologici è stata riscontrata correlazione inversa tra i livelli di Cr e incidenza di malattie cardiovascolari. In uno di questi, condotto in Finlandia dove il contenuto di Cr nel suolo è basso, il Cr sembra correlato anche con la mortalità.»

RAME

«Il Rame (Cu) è uno degli oligoelementi più conosciuti la cui essenzialità per l’uomo è stata da tempo dimostrata. Il Cu è essenziale per numerose funzioni dell’organismo: crescita, ematopoiesi, pigmentazione, cheratinizzazione, mielinizzazione, riproduzione, attività del miocardio, maturazione del collagene, mantenimento della struttura del tessuto osseo, integrità vascolare. Numerosi metalloenzimi cruciali per il metabolismo cellulare contengono Cu (monoaminossidasi, citocromossidasi, tirosinasi, superossaldismutasi, …). Il quadro clinico completo della carenza di Cu nell’uomo è riscontrabile nella malattia di Menkes rara patologia ereditaria con esito infausto: anemia microcitica insensibile al trattamento marziale e spesso associata a neutropenia; perdita della pigmentazione cutanea, dermatite tipo seborroide, capelli depigmentati e ritorti, osteoporosi e fratture patologiche, ritardo mentale, atrofia del nervo ottico, emorragie cerebrali, ipotermia, ipotonia, apnea, aneurismi e tortuosità arteriose, diverticoli vescicali, enfisema polmonare, infezioni recidivanti, ritardo di crescita, ipercolesterolemia.»

MANGANESE

«Del MANGANESE (Mn) è stata dimostrata l’essenzialità per diverse specie animali. Di particolare interesse sono gli effetti della carenza indotta in gravidanza: ridotta fertilità, aborto, morte del feto; alterazioni persistenti della progenie: scarsa crescita, atassia, discondroplasia scheletrica, scoliosi, cifosi, curvatura della tibia, anomalie del cranio. Il Mn è costituente e soprattutto attivatore di numerosi enzimi, anche mitocondriali, tra cui le glicosiltransferasi necessarie per la sintesi delle glicoproteine e la superossidismutasi.»

SELENIO

«Il Selenio (Se) è sicuramente essenziale per la nutrizione dell’uomo; in precedenza era conosciuto per gli effetti tossici. Il Se è costituente di diversi enzimi tra i quali l’unico di accertata importanza per i mammiferi è la GLUTATIONE-PEROSSIDASI (G-P), enzima citosolico e mitocondriale, in cui il Se è legato alla cisteina. Il più importante ruolo biologico del Se è di protezione della cellula contro il danno ossidativi. L’enzima G-P catalizza la reazione di conversione di lipidi idroperossidati e H2O2 a idrossiacidi e acqua. È contrastata quindi la formazione di radicali liberi e la perossidazione degli acidi grassi polinsaturi, con mantenimento della integrità strutturale delle membrane cellulari. Nell’uomo varie patologie sono risultate associate a bassi livelli di Se ed in alcune è stato dimostrato il ruolo eziologico della carenza dell’oligoelemento. Tra gli effetti clinici del Se predominano quelli sulla cellula muscolare e in particolare sul miocardio (effetto di stabilizzazione delle membrane ed effetto positivo sugli ubichinoni) (vedi “Keshan Disease”). In numerose patologie sono state riscontrare evidenze di una carenza di Se senza però sicura relazione causale: neoplasie, ipertensioni, epatopatie, cirrosi alcolica, artrite, distrofia muscolare miotonica, fibrosi cistica, malassorbimento, sterilità, aterosclerosi, retinopatia diabetica, cataratta, degenerazione maculare, carie, osteopatie, morte improvvisa del lattante. Il rischio di neoplasia dei pazienti celiaci è stato attribuito ad una carenza di Se secondaria al malassorbimento.»

MOLIBDENO

«Il MOLIBDENO (Mb) è componente di enzimi (xantina-ossidasi, aldeide-ossidasi, sulfito-ossidasi) attraverso i quali influenza il metabolismo del ferro e l’attività del citocromo C. Non sono conosciuti stati di carenza sicuri dell’uomo.»

ZINCO

«Lo ZINCO (Zn) è uno degli oligoelementi più studiati e di cui si sia accertata l’esistenza di uno stato di carenza nell’uomo. È parte di metallo enzimi, 24 finora identificati nell’uomo ed oltre 200 negli animali, in cui lo Zn svolge un ruolo non solo catalitico ma anche di regolazione e strutturale. Le attività enzimatiche Zn-dipendenti sono coinvolte nei principali aspetti del metabolismo cellulare, specie nella sintesi proteica e nella replicazione e trascrizione del DNA. Lo Zn è quindi fondamentale per la crescita e il trofismo cellulare. Gli effetti di uno stato di carenza sono sistemici con principale coinvolgimento dei tessuti a più alto ritmo replicativo (es. sistema immunitario). Degli enzimi Zn-dipendenti fanno parte aldolasi, deidrogenasi, peptidasi, fosfatasi, etc… Gli elementi descritti nel quadro clinico nella carenza di Zn sono: anoressia, ritardo nell’accrescimento staturo-ponderale, ipogonadismo, dermatite, alopecia, frequenti infezioni (Candida), ritardata guarigione delle ferite, diarrea, anemia, cecità crepuscolare, irritabilità, disturbi emozionali, tremori, atassia cerebellare, letargia, epato-splenomegalia.

La carenza di Zn in gravidanza è causa di maggior rischio ostetrico e fetale ed ha un possibile ruolo teratogeno, soprattutto a carico del SNC (morte dell’embrione e del feto; morte del neonato; basso peso alla nascita; malformazione congenita; depressa sintesi del DNA; depressione immunitaria; aberrazioni cromosomiche; turbe del comportamento)».

MAGNESIO

«Il MAGNESIO (Mg) è il quarto dei cationi più diffusi all’interno dell’organismo; possiede molteplici funzioni, solo parzialmente sovrapponibili a quelle del Calcio, da cui si differenzia per la compartimentazione prevalentemente intracellulare. Partecipa alla formazione delle ossa, regola numerose attività enzimatiche inerenti al metabolismo degli acidi nucleici, grassi, proteine e soprattutto carboidrati, interviene nella regolazione della pressione osmotica e dell’equilibrio acido-base ed è essenziale per la conduzione dello stimolo nervoso e la contrattilità muscolare. Una ipomagnesiemia marcata può comportare di per se una diminuzione del potassio cellulare ed ipocalcemia, che contribuiscono notevolmente al manifestarsi dei sintomi: aumento dell’eccitabilità neuromuscolare, fino a vere e proprie convulsioni, anoressia, nausea, confusione mentale, tachicardia ed alterazioni dell’ECG.  Una cronica ipomagnesiemia può comportare anche ritardo nella crescita ed alterazioni comportamentali. L’ipermagnesiemia, piuttosto rara, comporta sintomi quali: ipotensione, sonnolenza, bradicardia, diminuzione dei riflessi osteotendinei e paralisi flaccida, coma, depressione respiratoria ed infine arresto cardiaco.»

1) G. GIBERTI et AL., Appunti di Fisiopatologia della nutrizione, 1990.

I Metalli Tossici

ALLUMINIO

Fonti di Alluminio:

Pentole di alluminio; lattine di alluminio, antiacidi (idrossido di alluminio); antitraspiranti; agenti essiccanti (per mantenere secchi il cacao, sale, lieviti per dolci); cosmetici; emulsionante nella lavorazione dei formaggi; allume di potassio per sbiancare la farina.

Effetti metabolici e sintomi:

Disturbi comportamentali; alterazione dei neurotrasmettitori; cefalea; coliche; bruciori di stomaco; avversione per la carne; tendenza a soffrire il freddo; confusione mentale; perdita della memoria; paralisi muscolare.

CADMIO

Fonti di Cadmio:

Riso e grano contaminati (fanghi di depurazione; fertilizzanti; acque di irrigazione); pesci come tonno e merluzzo; dieta ad alto contenuto di cibi raffinati; amalgama dentario (alcuni tipi di otturazioni); industrie (batterie; semiconduttori); alimenti in scatola (la saldatura delle lattine); fumo di sigaretta (1 pacchetto = tra i 2 ed i 4 mcg. di Cadmio); lubrificanti per motori; fumi di scarico; inceneritori (gomma, vernici, plastica).

Effetti metabolici e sintomi:

Inibitore della glutatione reduttasi e degli enzimi del ciclo di Krebs; antagonista dello Zinco; inibizione del rilascio di neurotrasmettitori (acetilcolina, MAO); inibizione del riassorbimento a livello sinaptico di colina, GABA, acido glutammico e catecolamine; necrosi delle cellule nervose; osteoporosi; osteomalacia; ipertensione arteriosa; arteriosclerosi; impotenza; necrosi tubulare renale, iperattività e disturbi dell’apprendimento; alopecia (perdita dei capelli); anemia; malattie cardiovascolari; fertilità.

PIOMBO

Fonti di Piombo:

Benzina contenente piombo; industrie; fumo di sigarette; lattine contenenti cibo sigillate con piombo; insetticidi; vernici; acqua potabile (tubature; saldature sulle giunzioni); trasmissione dalla madre al feto.

Effetti metabolici e sintomi:

Il piombo viene incorporato nelle ossa in sostituzione del calcio; inibizione di numerosi enzimi (ferrochelatasi, Acido d-aminolevulinico) e di tutti i metallo enzimi; alopecia; surrenalismo; arterio ed aterosclerosi; indebolimento delle funzioni cerebrali; cecità; sordità; depressione.

MERCURIO

Fonti di Mercurio:

Amalgama per otturazioni (pareri discordanti); pesci di grosse dimensioni (tonno, pesce spada, … ); acque contaminate; medicazioni e farmaci (alcuni diuretici, vaccini); intossicazione congenita (metilmercurio); industrie (peltro, fungicidi, adesivi, cere per pavimenti, ammorbidenti, candeggina).

Effetti metabolici e sintomi:

Il Mercurio inibisce l’ATPasi; parestesie; disturbi visivi ed uditivi, anoressia, atassia; malformazioni congenite; vertigini; depressione del sistema immunitario; insonnia; perdita della memoria; disfunzioni tiroidee e surrenaliche.

1. Toxic Metals in Human Health and Disease – The Eck Institute of Applied nutrition and Bioenergetics, Ltd. 1989

CALENDARIO ARTICOLI

ottobre: 2017
L M M G V S D
« Ago    
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

Segui assieme ad altri 88 follower

Blog Stats

  • 166,388 hits