You are currently browsing the tag archive for the ‘vanadio’ tag.

L’obiettivo dello studio era quello di indagare i contenuti degli elementi traccia nei capelli dei bambini affetti da disturbo dello spettro autistico (ASD). Sono stati studiati 74 bambini ASD e 74 controlli, appaiati per sesso e per età, suddivisi in due gruppi di età (2-4 e 5-9 anni). Il contenuto degli elementi traccia nei capelli è stato valutato utilizzando la spettrometria di massa induttivamente accoppiata al plasma. La coorte generale di bambini ASD è stata caratterizzata dal 29%, 41% e 24% di bassi livelli nei capelli di, rispettivamente, cromo (Cr), iodio (I) e vanadio (V), mentre il livello di selenio (Se) ha superato i rispettivi valori del gruppo di controllo del 31%. Nei bambini ASD di età compresa tra 2-4 anni i valori di Cr, I e V nei capelli erano del 68%, 36% e 41% inferiori ai controlli. I bambini ASD più anziani sono stati caratterizzati da un aumento del 45% del livello di selenio nei capelli. Nella coorte generale di bambini ASD, i livelli di berillio (Be) e di stagno (Sn) nei capelli erano inferiori, rispettivamente, del  50% e 34% rispetto ai valori del gruppo di controllo. Nel primo gruppo dei bambini ASD, di età (2-4 anni), sono stati rilevati nel 34%, 42% e 73% bassi livelli di arsenico (As), boro (B) e berillio (Be). Nel secondo gruppo di età dei bambini ASD è stata rilevata solo una diminuzione appena significativa del 25% di piombo (Pb). Sorprendentemente, non è stata rilevata alcuna differenza significativa tra i gruppi per il mercurio (Hg), zinco (Zn) e rame (Cu) nei capelli . In generale, i risultati del presente studio dimostrano che i bambini con ASD sono caratterizzati da valori inferiori nei capelli di elementi non solo essenziali ma anche tossici.

Link all’articolo originale:

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/27581303

Autori:

Valentina F. Domingues 1,†, Cinzia Nasuti 2,†, Marco Piangerelli 3, Luísa Correia-Sá 1, Alessandro Ghezzo 4, Marina Marini 4, Provvidenza M. Abruzzo 4, Paola Visconti 5, Marcello Giustozzi 6, Gerardo Rossi 6 and Rosita Gabbianelli 2,*

Abstract: Il numero di bambini affetti da disturbi dello spettro autistico (ASD) è drammaticamente in aumento, così come in aumento sono gli studi volti a comprendere i fattori di rischio associati allo sviluppo di ASD. Poiché l’eziologia dell’ ASD è in parte genetica e in parte ambientale, fattori (come metalli pesanti, pesticidi) e stile di vita sembrano avere un ruolo chiave nello sviluppo della malattia. Sono stati confrontati  bambini con ASD e bambini sani come controllo (CTR), di età compresa tra 5-12 anni. La “gas-chromatography coupled with trap mass detector”  è stata utilizzata per misurare il livello di 3-PBA, il principale metabolita dei piretroidi nelle urine in un gruppo di pazienti  ASD, mentre è stata impiegata la “spettrometria ottica  ad  emissione atomica accoppiata induttivamente al plasma di argon” (ICP-OES) per valutare il livello di metalli e microelementi nei capelli di un diverso gruppo di bambini ASD e CTR. La presenza di 3-PBA nelle urine sembra essere indipendente dall’età nei bambini ASD, mentre una correlazione positiva tra 3 PBA ed età è stata osservata nel gruppo di controllo con lo stesso range di età. La concentrazione di 3-BPA nelle urine dei bambini ASD aveva valori superiori rispetto al gruppo di controllo, con risultati marginalmente significativi (p = 0,054). I livelli di Magnesio risultavano  significativamente diminuiti in ASD rispetto ai controlli, mentre Vanadio, Zolfo, Zinco ed il rapporto Ca/Mg sono stati marginalmente più alti, senza raggiungere la significatività statistica. I risultati di analisi delle componenti principali (PC) di metalli e microelementi nei capelli non avevano associazione  con l’età o lo stato di salute.  In conclusione, il 3-PBA nelle urine ed il Magnesio nei capelli presentano alterazioni  nei bambini ASD rispetto a quelli di controllo.

Link all’articolo originale:

http://www.mdpi.com/1660-4601/13/4/388/htm

 

OBIETTIVI: L’obiettivo di questo studio metallomico è quello di indagare in modo esaustivo alcune relazioni tra il rischio di cancro e i minerali, tra cui i metalli essenziali e tossici.

METODI: Ventiquattro minerali, essenziali e tossici, in campioni di capelli sono stati misurati con la spettrometria di massa induttivamente accoppiata al plasma (ICP-MS) in 124 pazienti con cancro e 86 soggetti di controllo, e l’associazione cancro-minerali analizzata con regressione logistica multipla.

RISULTATI: L’analisi di regressione logistica multipla ha dimostrato che diversi minerali sono significativamente correlati al cancro, positivamente o negativamente. Il minerale più cancro-correlata era iodio (I) con il più alto coefficiente di correlazione r = 0,301, seguito da arsenico (As; r = 0,267), zinco (Zn; r = 0,261), e sodio (Na; r = 0,190) , con p <0,01 per ogni caso. In contrasto, selenio (Se) è inversamente correlato al cancro (r = -0,161, p <0,05), seguito da vanadio (V) (r = -0,128). Regressione lineare multipla valore era altamente correlata significativamente con probabilità di cancro (R (2) = 0,437, p <0,0001), e l’area sotto la caratteristica curva operativa (ROC) è stata calcolata in 0,918. Inoltre, utilizzando tabelle di contingenza e il test chi-quadro, la precisione di discriminazione per il cancro è stato stimato a 0,871 (chi-quadrato = 99,1, p <0,0001).

CONCLUSIONI: Questi risultati suggeriscono che alcuni minerali come arsenico, selenio, e probabilmente iodio, zinco, sodio e vanadio, possano contribuire alla regolazione del cancro e anche che lo studio metallomico utilizzando l’analisi di regressione logistica multipla è un utile strumento per la stima del rischio di cancro.

Link all’articolo originale:

http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/19568830

 

CALENDARIO ARTICOLI

agosto: 2017
L M M G V S D
« Mag    
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031  

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

Segui assieme ad altri 85 follower

Blog Stats

  • 161,996 hits