Link al documento originale: http://www.reuters.com/article/2010/12/20/us-virus-chronic-fatigue-idUSTRE6BJ4B020101220

Un virus, collegato in passato ad una sconcertante condizione nota come sindrome da stanchezza cronica (CFS), non è in realtà la causa della malattia, gli scienziati hanno detto su Monday dopo il loro studio, che la ricerca è stata precedentemente contaminata in laboratorio. I ricercatori dell’University College di Londra, del Wellcome Trust Sanger Institute e dell’Università di Oxford hanno dichiarato che i campioni di cellule di pazienti negli studi precedenti, sono stati contaminati con il virus, noto come XMRV, che si trova nel DNA dei topi. Questo suggerisce che i pazienti non sono stati infettati con XMRV e che esso non poteva aver innescato la loro malattia. La scoperta, pubblicata sulla rivista Retrovirology, è l’ultima a contraddire uno studio americano del 2009 che ha suggerito un legame tra XMRV e la sindrome da stanchezza cronica (CFS), quando il virus è stato trovato nel sangue di 68 su 101 pazienti con CFS. Il virus XMRV è stato individuato anche in campioni prelevati da alcuni pazienti con il cancro della prostata. “La nostra conclusione è molto semplice: XMRV non è la causa della sindrome da stanchezza cronica”, ha dichiarato Greg Towers, della UCL, che ha lavorato allo studio più recente. “Tutti i nostri dati dimostrano che le sequenze del genoma del virus in coltura cellulare hanno contaminato i soggetti in esame”. La CFS è una condizione debilitante, che comporta stanchezza fisica e mentale che non migliora con il riposo. E ‘conosciuto anche come encefalomielite mialgica (ME) e colpisce circa 17 milioni di persone in tutto il mondo. Non esiste una cura per la CFS e gli scienziati non hanno individuato la causa, ma molti malati ritengono che la loro malattia è iniziata dopo una infezione virale.

Cell Line
Torri ha detto che è importante capire che questa recente ricerca non suggerisce che la sindrome da stanchezza cronica non è causata da un virus di qualche tipo. “Non possiamo rispondere, ancora,” ha detto. “Ma sappiamo che non è questo virus che causa la malattia.” Uno studio negli Stati Uniti del 2009, aveva alimentato le speranze che i pazienti affetti da CFS potevano trarre beneficio da una gamma di farmaci studiati per combattere l’AIDS, il cancro e l’infiammazione. Ma nel gennaio 2010, i ricercatori britannici non hanno trovato alcuna prova della presenza di XMRV in 186 pazienti con sindrome da stanchezza cronica, e due diversi studi pubblicati nel mese di febbraio non sono riusciti ad identificare il virus in gruppi di pazienti con encefalomielite mialgica (ME). Il gruppo di lavoro di Greg Towers ha detto che il loro studio ha evidenziato che il XMRV rilevato negli studi che lo associavano al CFS, ha contaminato una linea cellulare di laboratorio o il DNA di topo. Le sequenze della linea cellulare contaminata e dei campioni dei pazienti affetti fa CFS, erano molto simili e, hanno detto, ciò è contrario a quello che gli scienziati si aspettano da un virus, se esso si diffondesse negli esseri umani. Tim Peto, un consulente di malattie infettive presso l’Università di Oxford, che non è stato coinvolto nella ricerca, ha detto su Monday che “ora sembra davvero molto, molto improbabile che XMRV sia legato alla sindrome da stanchezza cronica”. “E ‘stata una sorpresa grande quando XMRV fu proposto come responsabile della sindrome da stanchezza cronica”, ha detto in un comunicato inviato via e-mail. “Ci sono stati un certo numero di esperimenti che non sono riusciti a trovare il retrovirus in altri campioni, e questa ricerca suggerisce che in realtà XMRV deriva probabilmente da una contaminazione con DNA di topo.”

Annunci