You are currently browsing the monthly archive for novembre 2012.

Riassunto

Livelli tossici di metalli pesanti e bassi livelli di minerali essenziali  sono stati indicati svolgere un ruolo importante nella patogenesi dei disturbi dello spettro autistico (ASD). Questo studio documenta i livelli di metalli pesanti e minerali essenziali in campioni di capelli di bambini con ASD a Muscat, la capitale dell’Oman urbanizzata. Lo studio ha incluso 27 bambini con ASD e 27 controlli non ASD. Si sono tenuti colloqui con i genitori e formulati questionari con la dieta alimentare completa in concomitanza con la raccolta dei campioni di capelli. L’analisi dei metalli pesanti e dei minerali essenziali è stata effettuata con spettrometria di massa induttivamente accoppiata al plasma. Analisi  del chi-quadrato e test esatti non parametrici di Fisher sono stati utilizzati per valutare la significatività statistica. I bambini con ASD avevano livelli significativamente più elevati di tutti gli 11 metalli pesanti analizzati nei loro campioni di capelli (P<0,05), che vanno da 150 a 365% più dei livelli dei controlli. I bambini con ASD inoltre avevano livelli significativamente più elevati di minerali essenziali come zolfo, sodio, magnesio, potassio, zinco e ferro, ma bassi livelli di calcio e rame nei loro campioni di capelli. Questo studio conferma i dati provenienti da studi precedenti in diverse parti del mondo, che indicano la presenza di elevati livelli di metalli pesanti e di deplezione selettiva di minerali essenziali  nei capelli dei bambini con ASD.

Link all’articolo originale:

http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/23188679

Biol Trace Res Elem.. 2012 Nov 28. [Epub ahead of print]

Al-Farsi YM , Waly MI , Al-Sharbati MM , Al-Shafaee MA , Al-Farsi OA , Al-Khaduri MM , I Gupta , Ouhtit A , Al-Adawi S , Al-Said MF , Deth RC .

Fonte: Dipartimento di Medicina di Famiglia e Sanità Pubblica, Università di Medicina e Scienze della Salute, Università di Sultan Qaboos, Al-Khoudh, Oman, ymfarsi@squ.edu.om.

Stephanie Seneff, Robert M. Davidson and Jingjing Liu

Riassunto:

L’autismo è una condizione caratterizzata da ridotta capacità cognitive e sociali, associato a compromissione della funzione immunitaria. L’incidenza è in aumento in modo allarmante, e fattori ambientali sono sempre più sospettati di avere un ruolo. Questo lavoro analizza modelli di frequenza di parole nel sistema database Vaccine Adverse Events USA System CDC (VAERS). I nostri risultati forniscono una forte evidenza a sostegno di un legame tra autismo e alluminio nei vaccini. Una revisione della letteratura che mostra tossicità di alluminio in fisiologia umana offre un ulteriore sostegno. La segnalazione di autismo in VAERS è aumentata costantemente alla fine del secolo scorso, durante il periodo in cui l’utilizzo del mercurio era in fase di esaurimento, mentre l’adiuvante carico in alluminio veniva aumentato. Utilizzando le normali tecniche di rapporto log-verosimiglianza, identifichiamo più segni e sintomi che sono significativamente più frequenti nei report di vaccino dopo il 2000, tra cui cellulite, convulsioni, depressione, stanchezza, dolore e morte, che sono anche significativamente associati con vaccini contenenti alluminio. Proponiamo che i bambini con la diagnosi di autismo sono particolarmente vulnerabili ai metalli tossici come l’alluminio e il mercurio, a causa della mancanza di solfato sierico e glutatione. Si rileva anche una forte correlazione tra l’autismo e il vaccino MMR (morbillo, parotite, rosolia, ndt), che può in parte essere spiegato con una particolare sensibilità per il paracetamolo somministrato per controllare la febbre.

Conclusioni:

In questo lavoro, abbiamo presentato alcune analisi del database VAERS USA  (Vaccine Adverse Events Reporting System), che suggeriscono con forza che l’alluminio nei vaccini è tossico per i bambini vulnerabili. Mentre non abbiamo mostrato che l’alluminio è direttamente causativo nell’autismo, la prova convincente disponibile dalla letteratura sulla tossicità di alluminio, combinato con l’evidenza che presentiamo per gravi reazioni avverse che si verificano più frequentemente dopo somministrazione di vaccini contenenti alluminio rispetto ai vaccini non contenenti alluminio, suggeriscono che i danni neuronali dovuti alla penetrazione di alluminio nel sistema nervoso possono essere un fattore significativo di autismo. La circostanza che i casi di autismo sono aumentati costantemente in concomitanza con un aumento significativo del carico di alluminio nei vaccini, è altamente suggestiva. Tuttavia, è possibile che altri fattori, come la presenza più aggressiva o il contemporaneo aumento in altre tossine ambientali, ad esempio, erbicidi o pesticidi, o l’alluminio in altri prodotti come antitraspiranti e antiacidi, può aver contribuito a questi aumenti osservati. Abbiamo anche osservato una forte correlazione tra vaccino MMR (morbillo, orecchioni, rosolia) e l’autismo, che suggeriamo potrebbe essere spiegato con gli effetti del paracetamolo. Abbiamo proposto altrove che una riduzione della sintesi del colesterolo solfato nella pelle e nel sistema vascolare può essere causativo nell’autismo, e noi qui sosteniamo che i vaccini possono agire sinergicamente con tale insufficienza nel bambino vulnerabile. Proponiamo che le semplici misure correttive, come una maggiore esposizione alla luce solare e la diminuzione dell’uso di protezione solare può aiutare a proteggere un bambino da una grave reazione da alluminio contenuto nei vaccini, ma abbiamo anche la sensazione che l’industria dei vaccini dovrebbe trovare un modo per ridurre o addirittura eliminare l’alluminio contenuto nei vaccini.

Link al lavoro originale:

http://www.mdpi.com/1099-4300/14/11/2227

 

Traduzione del’abstract: “Abbiamo intrapreso uno studio di coorte per determinare l’associazione tra contenuto minerale dei capelli e l’insorgenza della dermatite atopica (AD) nei neonati. Ottocento trentaquattro (834) coppie madre-neonato, hanno donato campioni di capelli in una fascia di età dei neonati da uno a dieci mesi  durante i controlli sanitari, e i loro campioni venivano analizzati con metodica PIXE ( Particle-Induced X-ray Emission = fascio di protoni che causano l’emissione di raggi X)  per 32  minerali, e questi dati sul livello dei minerali venivano confrontati con la loro storia familiare di AD e statisticamente esaminati per qualsiasi interrelazione. I risultati indicano che di tutti i minerali, solo selenio (Se) e stronzio (Sr) hanno mostrato associazioni statisticamente significative per i bambini, mentre gli stessi due elementi sono stati solo marginalmente significativi per le madri. Il deficit di selenio ha aumentato il rischio di AD in entrambi , bambino e madre. Una carenza Sr nei bambini aumenta il rischio di AD, mentre nelle madri diminuisce il rischio. Per prevedere la probabilità di sviluppo di AD utilizzando questi dati, abbiamo effettuato una analisi di regressione logistica, che ha fornito una sensibilità del 65,9%, una specificità del 70,5%, un valore predittivo positivo (VPP) del 10,3%, un valore predittivo negativo (VPN) del 97,6% e un rischio relativo (RR) di 4.2, tutti di gran lunga meglio di qualsiasi dato corrispondente esplicitamente menzionato nei documenti precedentemente pubblicati”.

Link al lavoro originale

http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/23103056

Di seguito due interessanti lavori di ricerca su metalli tossici e oligoelementi essenziali nei capelli e autismo.   I dati supportano l’evidenza storica che i metalli pesanti hanno un ruolo nello sviluppo dell’autismo.   In combinazione con uno stato nutrizionale inadeguato aumenta l’effetto tossico dei metalli e la gravità dei sintomi.

http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/20625937

http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/23118818

CALENDARIO ARTICOLI

novembre: 2012
L M M G V S D
« Set   Dic »
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930  

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

Segui assieme ad altri 85 follower

Blog Stats

  • 161,996 hits