You are currently browsing the monthly archive for dicembre 2012.

Migliorati i sintomi di Fatica Cronica dopo rimozione di Mercurio in paziente con maggiore concentrazione di mercurio nel test dei minerale tossici nei capelli: un caso.
Sintesi
Le manifestazioni cliniche della esposizione cronica al mercurio organico di solito hanno un inizio graduale. Poiché l’obiettivo primario è il sistema nervoso, l’esposizione cronica al mercurio può causare sintomi come stanchezza, debolezza, mal di testa, scarsa memoria e concentrazione. Nei casi più gravi l’esposizione cronica porta a deterioramento intellettivo e anormalità neurologiche. I recenti focolai di encefalopatia spongiforme bovina e patogenicità da aviaria hanno aumentato il consumo di pesce in Corea. Metilmercurio, un tipo di mercurio organico, è presente in misura superiore ai normali livelli nella popolazione generale coreana. Quando esaminiamo un paziente con fatica cronica, valutiamo la concentrazione di metilmercurio nel corpo se si sospetta l’esposizione ambientale, come ad esempio un eccessivo consumo di pesce. Nel caso attuale, abbiamo appreso che il paziente aveva consumato molte fette di tonno crudo ed è stata inizialmente diagnosticata la sindrome da stanchezza cronica…… ………  I sintomi cronici di affaticamento del nostro paziente sono migliorati dopo che è stato sottoposti a terapia di rimozione del mercurio, che indica che è stata correttamente diagnosticata una esposizione cronica al mercurio organico.

Link all’articolo originale :

http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/23115707

                   DANZA LENTA

Hai mai guardato i bambini in un girotondo?

O ascoltato il rumore della pioggia

quando cade a terra?

O seguito mai lo svolazzare

irregolare di una farfalla ?

O osservato il sole allo

svanire della notte?

Faresti meglio a rallentare.

Non danzare così veloce.

Il tempo è breve.

La musica non durerà.

Percorri ogni giorno in volo ?

Quando dici “Come stai?”

ascolti la risposta?

Quando la giornata è finita

ti stendi sul tuo letto

con centinaia di questioni successive

che ti passano per la testa ?

Faresti meglio a rallentare.

Non danzare così veloce

Il tempo è breve.

La musica non durerà.\1

Hai mai detto a tuo figlio,

“lo faremo domani?”

senza notare nella fretta,

il suo dispiacere ?

Mai perso il contatto,

con una buona amicizia

che poi finita perché

tu non avevi mai avuto tempo

di chiamare e dire “Ciao” ?

Faresti meglio a rallentare.

Non danzare così veloce

Il tempo è breve.

La musica non durerà.

Quando corri cosi veloce

per giungere da qualche parte

ti perdi la metà del piacere di andarci.

Quando ti preoccupi e corri tutto

il giorno, come un regalo mai aperto . . .

gettato via.

La vita non è una corsa.

Prendila piano.

Ascolta la musica.

 

Riassunto: La carenza di minerali provoca un’anomalia funzionale di enzimi, spesso con conseguente disturbo metabolico. Abbiamo studiato la possibile relazione tra i minerali e la sindrome metabolica mediante l’analisi minerale dei capelli. Abbiamo selezionato 848 soggetti di età superiore ai 20 anni alla Ajou University Hospital dal maggio 2004 al febbraio 2007. Sono stati esclusi dallo studio i soggetti che hanno avuto il cancro, abbiano fatto uso di steroidi e farmaci per la tiroide, e quelli con dati incompleti. Alla fine, 343 soggetti erano ammissibili. Abbiamo eseguito analisi trasversale per il rapporto tra minerali e sindrome metabolica. Il contenuto di calcio, magnesio e rame nel gruppo sindrome metabolica era significativamente inferiore a quelli del gruppo normale, mentre le quantità di sodio, potassio, e mercurio nel gruppo sindrome metabolica erano significativamente superiori a quelli del gruppo normale. Dividendo i soggetti nel quartile con il livello di calcio, magnesio, e le concentrazioni di mercurio, abbiamo effettuato un’analisi di regressione logistica per studiare isoggetti e ha scoperto che i soggetti del terzo quartile di calcio e magnesio hanno concentrazioni significativamente più bassa odds ratio (OR) della sindrome metabolica rispetto a quella del gruppo più basso quartile [OR = 0,30, intervallo di confidenza (CI) = 0,10-0,89; OR = 0,189, CI = 0,063-0,566] e che i soggetti nel quartile più alto di mercurio hanno avuto una OR della sindrome metabolica rispetto a quella del gruppo più basso quartile mercurio (OR = 7,35, CI = 1,73-31,1). Come parte della sindrome metabolica, le concentrazioni ottimali di calcio e magnesio nei capelli possono riflettere un ridotto rischio di sindrome metabolica, mentre l’alta concentrazione di mercurio nei capelli può indicare un aumento del rischio di sindrome metabolica.

Link all’articolo originale:

http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/19221698

 

 

BACKGROUND:
La fibromialgia non è una condizione rara. Poiché la sua causa deve ancora essere identificata, la terapia di tale affezione è stata empirica: spesso i risultati non sono soddisfacenti. In alcuni pazienti con fibromialgia è stata osservata la presenza di alti livelli di calcio e magnesio nei capelli  rispetto ai soggetti sani. Per questo motivo, e anche perché una integrazione di calcio e magnesio a soggetti con fibromialgia ha ridotto il numero di tender points individuati con la palpazione digitale, vale la pena indagare se i pazienti con fibromialgia abbiano livelli di calcio e magnesio nei capelli significativamente più elevati rispetto ai loro omologhi sani.
OBIETTIVI:
Per determinare il grado di differenza tra i livelli di calcio e magnesio nei capelli in pazienti con fibromialgia e nei soggetti sani.
METODI:
Lo studio è stato retrospettivo e di design contrapposto. Dodici pazienti che avevano effettuato l’analisi dei capelli e presentato i criteri di fibromialgia definiti da American College of Rheumatology (1990) sono stati selezionati in seguito da cartelle cliniche. Questi pazienti sono stati appaiati per età e sesso a 12 soggetti sani selezionati consecutivamente dai file dei pazienti stessi che avevano eseguito analisi del capello per scopi di checkup. Test non parametrico di Wilcoxon della somma dei ranghi è stato usato per determinare se i livelli di calcio e magnesio nei capelli dei pazienti con fibromialgia erano significativamente superiori a quelli dei soggetti di controllo.
RISULTATI:
Wilcoxon test della somma dei ranghi ha mostrato che i pazienti con fibromialgia hanno significativamente più elevati livelli di calcio e magnesio rispetto ai soggetti di controllo a alfa = 0,025 e 0,05, rispettivamente.
CONCLUSIONE:
In presenza di elevati livelli di calcio e magnesio nei capelli, integratori di calcio e magnesio possono essere indicati come trattamento aggiuntivo per la fibromialgia.

Link all’articolo originale:

http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/10626702

 

MINERVA MEDICA

Minerva Medica 2000 Luglio-Agosto;91(7-8):137-40

ARTICOLI ORIGINALI

Modificazioni degli ioni calcio e magnesio intracellulari nella fisiopatologia della sindrome fibromialgica

Magaldi M., Moltoni L., Biasi G., Marcolongo R.

Obiettivo. Nei soggetti con fibromialgia il dosaggio del calcio e del magnesio è risultato sempre normale, tuttavia è apparso interessante procedere al dosaggio di tali ioni a livello intracellulare, in quanto gli ioni calcio hanno una notevole importanza nella fisiologia della contrazione muscolare: alterazioni di tali ioni potrebbero quindi avere un ruolo nella patogenesi dell’ipertono muscolare presente nella sindrome. Metodi. Hanno partecipato allo studio 2 gruppi di soggetti: 100 affetti da sindrome fibromialgica e 40 soggetti sani di controllo. Risultati. In sintesi i risultati ottenuti dimostrano che nei fibromialgici sono riscontrabili valori di calcio intracellulare e di magnesio nettamente ridotti rispetto ai soggetti sani. La diminuita concentrazione di tali ioni a livello intracellulare sembrerebbe essere una caratteristica peculiare dei soggetti con fibromialgia e potrebbe rappresentare una situazione potenzialmente responsabile dell’ipertono muscolare. Conclusioni. Sono necessari ulteriori approfondimenti del problema prima di poter affermare l’esistenza di un sicuro rapporto di causa ed effetto tra riduzione del calcio intracellulare e del magnesio e sintomatologia fibromialgica. Utilissima può essere, a questo punto una valutazione elettromiografica per individuare nei soggetti fibromialgici, caratteristiche di ipereccitabilità neuromuscolare.

Link alla rivista ed all’articolo originale:

http://www.minervamedica.it/it/index.php

http://www.minervamedica.it/it/riviste/minerva-medica/articolo.php?cod=R10Y2000N07A0137

 

Traduzione dell’abstract pubblicato su PubMed

BACKGROUND:
Ioni di calcio e magnesio svolgono un ruolo chiave nella fisiologia della contrazione muscolare: variazioni della concentrazione di calcio ioni possono essere coinvolti nella patogenesi della fibromialgia. Poiché i livelli plasmatici di calcio e magnesio in pazienti fibromialgia sono sempre nell’intervallo normale, è sembrato interessante valutare la concentrazione intracellulare di calcio e magnesio.
METODI: Lo studio è stato condotto su due gruppi di soggetti: 100 affetti da fibromialgia e 40 controlli sani.
RISULTATI: I risultati ottenuti dimostrano che nei pazienti con fibromialgia la concentrazione intracellulare di calcio e magnesio sembra essere una caratteristica peculiare dei pazienti con fibromialgia e può essere potenzialmente responsabile dell’ipertono muscolare.
CONCLUSIONI:
E’ ancora da confermare il ruolo effettivo di questa anomalia nella fisiopatologia della fibromialgia e il ruolo potenziale dei farmaci attivi sulla omeostasi del calcio.

Link all’articolo originale:

http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/11155461

OBIETTIVI: Valutare i livelli intracellulari del nucleotide alta energia adenosina trifosfato ATP e cationi bivalenti essenziali, calcio e magnesio, nelle piastrine di pazienti affetti da sindrome di fibromialgia primaria (FM).
PROGETTAZIONE E METODO: ATP piastrinico e le concentrazioni di cationi sono stati misurati in 25 pazienti affetti da FM e 25 volontari sani, attraverso una chemiluminescenza e un dosaggio fluorimetrico, rispettivamente.
RISULTATI: Livelli significativamente più bassi di ATP sono stati osservati all’interno delle piastrine dei pazienti FM (fmol ATP / pal: 0,0169 + / -0,0012 vs controlli sani, fmol ATP / pal: 0,0306 + / -0,0023, media + /-SEM) (*** p <0,0001 ). Una tendenza verso concentrazioni più elevate di calcio (P = 0,06) unitamente ad un significativo aumento dei livelli di magnesio, sono anche stati segnalati nelle piastrine di pazienti rispetto ai controlli (p = 0.02).
CONCLUSIONI:
Questo studio preliminare suggerisce che disturbi nella omeostasi del metabolismo piastrinico dell’ATP e nei flussi di calcio e magnesio può avere una rilevanza nella patogenesi della FM.

link all’articolo originale:

http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/18634773

 

Riassunto: Poco si sa circa lo stato dei minerali nei capelli in pazienti con fibromialgia. Questo studio ha valutato le caratteristiche minerali dei capelli in pazienti di sesso femminile con fibromialgia rispetto ad un gruppo di riferimento sano. Quarantaquattro pazienti di sesso femminile con diagnosi di fibromialgia secondo il criteri dell’American College of Rheumatology sono stati arruolati come gruppo caso. Dati su indice di massa corporea ed età e sono stati ottenuti da 122 soggetti di controllo arruolati durante la visita per il periodico check-up. I minerali nei capelli sono stati analizzati e confrontati tra i due gruppi. L’età media era di 43,7 anni. Le caratteristiche generali non erano differenti tra i due gruppi. I Pazienti con fibromialgia hanno mostrato un livello significativamente inferiore di calcio (775 mg / g vs 1093 mcg / g), magnesio (52 mg / g vs 72 mg / g), ferro (5,9 mcg / g vs 7,1 mg / g), rame (28,3 ug / g vs 40,2 pg / g) e manganese (140 ng / g vs 190 ng / g). Calcio, magnesio, ferro e manganese sono stati caricati nello stesso fattore utilizzando l’analisi fattoriale, la media di questo fattore era significativamente più bassa nel gruppo fibromialgia in analisi multivariata, con aggiustamento per i potenziali confondenti. In conclusione, le concentrazioni di calcio, magnesio, ferro e manganese nei capelli di pazienti donne con fibromialgia sono inferiori ai controlli, anche dopo la correzione di potenziali confondenti.

Link all’articolo originale:

http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/22022174

 

OBIETTIVI: L’obiettivo di questo studio metallomico è quello di indagare in modo esaustivo alcune relazioni tra il rischio di cancro e i minerali, tra cui i metalli essenziali e tossici.

METODI: Ventiquattro minerali, essenziali e tossici, in campioni di capelli sono stati misurati con la spettrometria di massa induttivamente accoppiata al plasma (ICP-MS) in 124 pazienti con cancro e 86 soggetti di controllo, e l’associazione cancro-minerali analizzata con regressione logistica multipla.

RISULTATI: L’analisi di regressione logistica multipla ha dimostrato che diversi minerali sono significativamente correlati al cancro, positivamente o negativamente. Il minerale più cancro-correlata era iodio (I) con il più alto coefficiente di correlazione r = 0,301, seguito da arsenico (As; r = 0,267), zinco (Zn; r = 0,261), e sodio (Na; r = 0,190) , con p <0,01 per ogni caso. In contrasto, selenio (Se) è inversamente correlato al cancro (r = -0,161, p <0,05), seguito da vanadio (V) (r = -0,128). Regressione lineare multipla valore era altamente correlata significativamente con probabilità di cancro (R (2) = 0,437, p <0,0001), e l’area sotto la caratteristica curva operativa (ROC) è stata calcolata in 0,918. Inoltre, utilizzando tabelle di contingenza e il test chi-quadro, la precisione di discriminazione per il cancro è stato stimato a 0,871 (chi-quadrato = 99,1, p <0,0001).

CONCLUSIONI: Questi risultati suggeriscono che alcuni minerali come arsenico, selenio, e probabilmente iodio, zinco, sodio e vanadio, possano contribuire alla regolazione del cancro e anche che lo studio metallomico utilizzando l’analisi di regressione logistica multipla è un utile strumento per la stima del rischio di cancro.

Link all’articolo originale:

http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/19568830

 

Un insufficiente apporto di minerali, così come l’interruzione di alcuni processi metabolici in cui questi microelementi sono cofattori, sembra possa portare allo sviluppo di ipertensione. Il ruolo dei minerali nella patogenesi dell’ipertensione rimane ancora da spiegare. Nel presente studio abbiamo cercato di determinare le associazioni tra concentrazioni di minerali nel siero e nei capelli con i lipidi sierici e i livelli di glucosio. Quaranta soggetti obesi e ipertesi con resistenza all’insulina e 40 volontari sani sono stati reclutati nello studio. La pressione arteriosa, indice di massa corporea e la resistenza all’insulina, sono stati rilevati in tutti i soggetti. Livelli di lipidi, glucosio, sodio e potassio, ferro, rame, zinco, magnesio e calcio sono stati valutati nel siero. Ferro, rame, zinco, magnesio e calcio sono stati valutati nei capelli. E’ stata stimata l’assunzione dietetica dei minerali analizzati. Abbiamo trovato concentrazioni nettamente più elevate di ferro nel siero, e di calcio nel siero e capelli, nonché livelli nettamente inferiori di zinco nei capelli nei soggetti ipertesi. Il gruppo di studio manifesta anche significativamente un più basso apporto giornaliero di calcio, magnesio e ferro. Abbiamo osservato una relazione tra le alte concentrazioni di ferro, zinco e rame nel siero e capelli, e basso livello sierico di colesterolo, trigliceridi e glucosio nei pazienti studiati. Inoltre, questo studio ha dimostrato una correlazione significativa tra le concentrazioni sieriche e nei capelli dei minerali selezionati e la loro assunzione con la dieta, e livelli sierici di lipidi, della glicemia e della pressione arteriosa nello studio e i gruppi di controllo. I risultati ottenuti sembrano indicare l’associazione tra metabolismo lipidico e glucidico e ferro, rame, zinco, e le concentrazioni di calcio nel sangue e capelli di pazienti ipertesi e obesi con insulino-resistenza.

Link all’articolo originale:

http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/20195917

 

Questo modello traslazionale dimostra che l’ingestione cronica di alluminio (Al), in quantità ingerite dagli americani dal loro cibo, acqua e con additivi, è sufficiente ad indurre una malattia simile all’Alzheimer (AD) con deterioramento cognitivo negli animali anziani. Il tempo necessario per Al di accumularsi gradualmente nei neuroni ad una soglia neurotossica, può spiegare la lunga fase prodromica in questo modello animale e possibilmente pure in AD. Il lento accumulo di Al nelle cellule cerebrali può anche spiegare perché AD colpisce generalmente gli individui più anziani.
Link all’articolo originale:

CALENDARIO ARTICOLI

dicembre: 2012
L M M G V S D
« Nov   Gen »
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

Segui assieme ad altri 84 follower

Blog Stats

  • 150,467 hits