You are currently browsing the monthly archive for dicembre 2014.

La domanda di prodotti biologici è in parte guidato dalla percezioni dei consumatori sul fatto che che siano più nutrienti. Tuttavia, l’opinione scientifica è divisa sulla questione se ci sono differenze nutrizionali significative tra cibi biologici e non biologici, e due recenti recensioni hanno concluso che non ci sono differenze. Nel presente studio, abbiamo effettuato meta-analisi basate su 343 pubblicazioni peer-reviewed che indicano differenze sostanziose e statisticamente significative nella composizione tra colture/alimenti a base di colture biologiche e non biologiche. Ancora più importante, le concentrazioni di una vasta gamma di antiossidanti come polifenoli sono risultate sostanzialmente più elevate nelle colture/alimenti a base di colture biologiche, di questi, acidi fenolici, flavanoni, stilbeni, flavoni, flavonoli e antociani con una una stima superiore rispettivamente del 19 (95% CI 5, 33)%, 69 (95% CI 13, 125)%, 28 (95% CI 12, 44)%, 26 (95% CI 3, 48)%, 50 (95% CI 28, 72)% e 51 (95% CI 17, 86) %. Molti di questi composti sono stati precedentemente collegati, in intervento dietetico e studi epidemiologici, a un ridotto rischio di malattie croniche tra cui malattie cardiovascolari, malattie neurodegenerative e alcuni tipi di cancro. Inoltre, la frequenza di presenza di residui di pesticidi è risultata essere quattro volte superiore nelle colture convenzionali (non biologico), che contenevano anche concentrazioni significativamente superiori di Cadmio, metallo tossico. Differenze significative sono state rilevate anche per alcuni altri composti (ad esempio minerali e vitamine). Ci sono prove che concentrazioni più elevate di antiossidanti e concentrazioni più basse di Cadmio sono legate a pratiche agronomiche specifiche (ad esempio, il mancato uso di minerali fertilizzanti N e P, rispettivamente) prescritte in sistemi di agricoltura biologica. In conclusione, le colture biologiche, in media, hanno più alte concentrazioni di antiossidanti, più basse concentrazioni di Cadmio e una minore incidenza di residui di pesticidi rispetto alle colture comparate non biologiche, in tutte le zone di produzione e stagioni.

Link all’articolo originale:
http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/?term=Higher+antioxidant+and+lower+cadmium+concentrations+and+lower+incidence+of+pesticide+residues+in+organically+grown+crops%3A+a+systematic+literature+review+and+meta-analyses

Annunci

Sebbene l’associazione tra minerali in tracce, metalli pesanti e cancro alla prostata sia ancora in discussione, questi sono stati considerati come fattori di rischio per il cancro alla prostata. Pertanto, questo studio mirava a individuare eventuali legami tra cancro alla prostata e alcuni minerali e metalli pesanti, tra cui Se, Zn, Cu, Mn e Fe. Uno studio caso-controllo è stato condotto tra 100 soggetti (casi n = 50, controllo n = 50), abbinati per età ed etnia. Livello di metalli pesanti e oligoelementi in campioni di capelli e unghie sono stati determinati con ICP-MS. I livelli medi di selenio nei capelli e unghie dei casi con cancro erano significativamente più bassi rispetto ai controlli. Un trend simile è stato osservato per lo zinco in entrambi i campioni di capelli e unghie, mentre il livello medio del rame era significativamente più alto nei casi rispetto ai controlli. Elevazione simile è stato osservata per il ferro e manganese (p <0,05 per tutti i parametri). Bassi livelli di selenio e zinco con alti livelli di rame, ferro e manganese, sembrano essere associati con il rischio di cancro della prostata. Sono necessari ulteriori studi per chiarire i meccanismi causali e le adeguate misure di chemio-prevenzione.
Link all'articolo originale:
http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/23167323

I vapori di mercurio costituiscono un noto rischio per la salute con un livello sicuro di esposizione non chiaramente stabilito. Di conseguenza, non vi è dibattito se il livello di esposizione prolungata a vapori di mercurio dalle otturazioni dentali in amalgama, che unisce circa il 50% di mercurio con altri metalli, è sufficientemente alto da costituire un rischio per la salute. L’obiettivo del nostro studio è quello di determinare se l’esposizione al mercurio dalle otturazioni in amalgama è associato al rischio di effetti negativi sulla salute.

Metodi
In un grande campione longitudinale non cieco di partecipanti ad un programma di prevenzione sanitaria in Calgary, Canada, abbiamo confrontato il numero di otturazioni in amalgama, misurato il mercurio urinario e i cambiamenti di 14 sintomi auto-riferiti, proposti come dipendenti dal mercurio, misure sub-cliniche di salute mentale e fisica. La probabilità di cambiamento in un anno in un campione di persone che hanno rimosso le loro otturazioni è stata confrontata con un campione di persone che non hanno rimosso le otturazioni. Abbiamo usato test statistici non parametrici per determinare se le differenze di mercurio nelle urine erano statisticamente significative tra i due gruppi di campioni. Modelli di regressione logistica sono stati usati per stimare la probabilità di osservare miglioramento o peggioramento dei sintomi nei gruppi campione.

Risultati

In condizioni basali, i soggetti con otturazioni dentali in amalgama hanno misurato il doppio del mercurio urinario rispetto ad un gruppo di persone di controllo che non hanno mai avuto otturazioni in amalgama. La rimozione delle otturazioni in amalgama diminuisce il mercurio urinario ai livelli misurati in persone senza otturazioni in amalgama. Anche se i livelli di mercurio nelle urine nel nostro campione sono considerati da Health Canada essere troppo bassi per rappresentare rischi per la salute, la rimozione delle otturazioni in amalgama ha ridotto il rischio di deterioramento dei sintomi auto-riferiti e ha aumentato la probabilità di miglioramento dei sintomi rispetto alle persone che hanno conservato le loro amalgame .

Conclusioni
I nostri risultati suggeriscono che l’esposizione al mercurio delle otturazioni in amalgama ha impatto negativo sulla salute e quindi sono un rischio per la salute. L’uso di materiali alternativi più sicuri per le otturazioni dentali dovrebbe essere incoraggiato per evitare l’aumento del rischio di deterioramento della salute associato con una inutile esposizione al mercurio.
(I 14 sintomi riportati sono: mal di testa o emicrania; perdita di memoria; depressione; stanchezza o disturbi del sonno; ansia; modificazione del carattere; confusione; disturbi gastrici; esperienze di perdita del senso dell’olfatto o del gusto; tremore delle mani; parestesia; lasciar cadere involontariamente le cose; problemi di coordinamento e debolezza muscolare.)
Link all’articolo originale:
http://www.ehjournal.net/content/13/1/95/abstract#

CALENDARIO ARTICOLI

dicembre: 2014
L M M G V S D
« Nov   Gen »
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

Segui assieme ad altri 88 follower

Blog Stats

  • 166,388 hits