You are currently browsing the monthly archive for aprile 2011.

Link al documento originale: http://www.reuters.com/article/2011/01/03/us-diet-mitigate-toxic-effects-arsenic-idUSTRE7022QP20110103

Link all’Abstract: http://aje.oxfordjournals.org/content/173/3/345

Abstract
Alcuni fattori dietetici si ritiene che possano modulare la tossicità dell’arsenico, influenzando potenzialmente il rischio di lesioni cutanee da arsenico. Gli autori hanno valutato le associazioni tra abitudini alimentari, l’esposizione all’arsenico, il rischio di lesioni e i danni della pelle, usando come linea guida il questionario di frequenza sul cibo nel Health Effects of Arsenic Longitudinal Study (HEALS) in Araihazar, Bangladesh (2000-2009). Essi hanno identificato abitudini alimentari ed effettuato una stima di punteggi sul modello alimentare utilizzando l’analisi dei fattori. I punteggi sono stati testati per l’associazione con il rischio di lesione cutanea incidente e l’interazione con l’esposizione delle acque contenenti arsenico utilizzando i dati raccolti in circa 6 anni di osservazione delle persone (814 casi tra 9.677 individui) e i modelli sul rischio nel tempo (aggiustamento per le covariate chiave). Gli autori hanno identificato tre modelli alimentari: la “zucca e la radice”, “vegetale” e “proteine ​​animali”. Il punteggio di “la zucca e la radice” era inversamente associato al rischio delle lesioni cutanee (orientamento P = 0,001), con un rapporto di rischio di 0,86, 0,73, e 0,69 per il quartile più alto, secondo, terzo e quarto. Inoltre, l’associazione tra arsenico,acqua e incidenza delle lesioni cutanee è stata più forte tra le persone che seguono il modello zucca e radice (moltiplicativo Pinteraction <0,001; Pinteraction additivo = 0,05). Il modello di verdure e proteine ​​animale hanno dimostrato associazioni simili, ma più deboli. Seguire una dieta diversificata e ricca di zucche e ortaggi a radice può ridurre il rischio di lesioni cutanee da arsenico in Bangladesh.

Commento:
Le persone che bevono l’acqua naturalmente contaminata con alti livelli di arsenico, traggono benefici dal consumo di ravanelli, patate dolci e altre piante simili. Tra gli abitanti del Bangladesh, una regione altamente contaminata da arsenico, coloro che seguono diete relativamente elevate di radici e zucche, che comprendono anche papaya verde e zucca, hanno meno probabilità di sviluppare lesioni cutanee dopo essere stati esposti ad elevati livelli di arsenico. “Il loro rischio è diverso in base al consumo di prodotti alimentari diversi”, l’autore dello studio, il Dott. Habibul Ahsan dell’Università di Chicago ha dichiarato a Reuters Health. L’arsenico è un elemento che si trova naturalmente nelle rocce, nel suolo, nell’acqua, nell’aria e nel cibo. Ed è anche rilasciato nell’ambiente attraverso le attività industriali, per esempio, l’arsenico è usato come conservante per il legno e, in alcuni coloranti, vernici e fertilizzanti. L’esposizione elevata all’arsenico, può condurre al cancro, ma anche l’esposizione cronica a livelli moderatamente elevati è stata collegata alla pressione alta e al diabete di tipo 2. La US Environmental Protection Agency (EPA) (l’Agenzia per la Protezione Ambientale americana) ha fissato il livello massimo ammissibile di arsenico nell’acqua potabile a 10 parti per miliardo (10 microgrammi per litro) e sta attualmente valutando di abbassare tale limite. Secondo i Centers for Disease Control and Prevention (Centri per il Controllo e la Prevenzione delle Malattie americano), circa l’80% degli Stati Uniti, hanno un livello di arsenico nell’acqua potabile sotto le 2 parti per miliardo (ppb), ma il 2% superiore a 20 ppb. I risultati attuali, che appaiono nell’ American Journal of Epidemiology, sui residenti di una regione del Bangladesh conosciuta per i suoi alti livelli di arsenico presente naturalmente nell’acqua potabile, in alcuni casi è superiore alle 200 parti per miliardo. Precedenti ricerche hanno suggerito che alcuni nutrienti, come il selenio, la vitamina A, il ferro, l’acido folico e lo zinco, possono aiutare l’organismo a difendersi contro l’arsenico. Per indagare se le persone che bevono da pozzi contaminati da arsenico possono mitigare il rischio con la dieta, Ahsan e la sua squadra ha interrogato circa 10.000 residenti riguardo la loro dieta, ha testato i livelli di arsenico nei loro pozzi, e li ha seguiti per circa 6 anni, osservando che avevano sviluppato lesioni cutanee. Più di 800 lesioni cutanee sono state sviluppate nel corso del periodo di studio. Ahsan ha detto in un’intervista che queste lesioni sono una condizione pre-cancerosa, la pelle si ispessisce come una lentiggine. “Abbiamo utilizzato le condizioni della pelle come marker di condizioni più gravi”, ha spiegato, dato che l’evidenza suggerisce che le persone con problemi di pelle collegate all’ arsenico, hanno più probabilità di avere segni più gravi. Hanno trovato che le persone che hanno seguito una dieta relativamente ricca di radici e zucche, al contrario di carni o altri tipi di verdure, avevano meno probabilità di sviluppare lesioni cutanee correlate all’arsenico. Per esempio, tra 2.419 persone che hanno consumato la più grande quantità di radici e zucche, 156 hanno sviluppato lesioni della pelle, rispetto alle 248 lesioni riscontrate in 2.420 persone che hanno mangiato la più piccola quantità di queste piante. La dieta più ricca di radici e zucche, sembra ridurre il rischio di lesioni del 30 per cento complessivamente, e qualche effetto protettivo è stato osservato anche tra persone che hanno bevuto acqua altamente contaminata con arsenico. Non è ancora chiaro perché le radici e le zucche in particolare possono attenuare gli effetti tossici dell’arsenico. Alcuni componenti sconosciuti di queste piante possono in qualche modo aiutare l’eliminazione dell’arsenico. “Qualche combinazione di nutrienti che tendono ad essere in eccesso in questi tipi di alimenti, stanno facendo la differenza”. “Noi in realtà non sappiamo esattamente come”, ha dichiarato Ahsan. “Trovare metodi per attenuare l’impatto tossico dell’arsenico è di primaria importanza, una volta che le persone sono state esposte ad arsenico per un lungo periodo, il rischio di problemi rimane elevato, anche dopo che l’arsenico è stato rimosso”. “Così, anche se a questa popolazione venisse distribuita acqua priva di arsenico, non significherebbe che il problema è stato risolto.”

Link al documento originale: http://www.reuters.com/article/2010/12/20/us-virus-chronic-fatigue-idUSTRE6BJ4B020101220

Un virus, collegato in passato ad una sconcertante condizione nota come sindrome da stanchezza cronica (CFS), non è in realtà la causa della malattia, gli scienziati hanno detto su Monday dopo il loro studio, che la ricerca è stata precedentemente contaminata in laboratorio. I ricercatori dell’University College di Londra, del Wellcome Trust Sanger Institute e dell’Università di Oxford hanno dichiarato che i campioni di cellule di pazienti negli studi precedenti, sono stati contaminati con il virus, noto come XMRV, che si trova nel DNA dei topi. Questo suggerisce che i pazienti non sono stati infettati con XMRV e che esso non poteva aver innescato la loro malattia. La scoperta, pubblicata sulla rivista Retrovirology, è l’ultima a contraddire uno studio americano del 2009 che ha suggerito un legame tra XMRV e la sindrome da stanchezza cronica (CFS), quando il virus è stato trovato nel sangue di 68 su 101 pazienti con CFS. Il virus XMRV è stato individuato anche in campioni prelevati da alcuni pazienti con il cancro della prostata. “La nostra conclusione è molto semplice: XMRV non è la causa della sindrome da stanchezza cronica”, ha dichiarato Greg Towers, della UCL, che ha lavorato allo studio più recente. “Tutti i nostri dati dimostrano che le sequenze del genoma del virus in coltura cellulare hanno contaminato i soggetti in esame”. La CFS è una condizione debilitante, che comporta stanchezza fisica e mentale che non migliora con il riposo. E ‘conosciuto anche come encefalomielite mialgica (ME) e colpisce circa 17 milioni di persone in tutto il mondo. Non esiste una cura per la CFS e gli scienziati non hanno individuato la causa, ma molti malati ritengono che la loro malattia è iniziata dopo una infezione virale.

Cell Line
Torri ha detto che è importante capire che questa recente ricerca non suggerisce che la sindrome da stanchezza cronica non è causata da un virus di qualche tipo. “Non possiamo rispondere, ancora,” ha detto. “Ma sappiamo che non è questo virus che causa la malattia.” Uno studio negli Stati Uniti del 2009, aveva alimentato le speranze che i pazienti affetti da CFS potevano trarre beneficio da una gamma di farmaci studiati per combattere l’AIDS, il cancro e l’infiammazione. Ma nel gennaio 2010, i ricercatori britannici non hanno trovato alcuna prova della presenza di XMRV in 186 pazienti con sindrome da stanchezza cronica, e due diversi studi pubblicati nel mese di febbraio non sono riusciti ad identificare il virus in gruppi di pazienti con encefalomielite mialgica (ME). Il gruppo di lavoro di Greg Towers ha detto che il loro studio ha evidenziato che il XMRV rilevato negli studi che lo associavano al CFS, ha contaminato una linea cellulare di laboratorio o il DNA di topo. Le sequenze della linea cellulare contaminata e dei campioni dei pazienti affetti fa CFS, erano molto simili e, hanno detto, ciò è contrario a quello che gli scienziati si aspettano da un virus, se esso si diffondesse negli esseri umani. Tim Peto, un consulente di malattie infettive presso l’Università di Oxford, che non è stato coinvolto nella ricerca, ha detto su Monday che “ora sembra davvero molto, molto improbabile che XMRV sia legato alla sindrome da stanchezza cronica”. “E ‘stata una sorpresa grande quando XMRV fu proposto come responsabile della sindrome da stanchezza cronica”, ha detto in un comunicato inviato via e-mail. “Ci sono stati un certo numero di esperimenti che non sono riusciti a trovare il retrovirus in altri campioni, e questa ricerca suggerisce che in realtà XMRV deriva probabilmente da una contaminazione con DNA di topo.”

Riferimento al documento originale:
Archives of Perinatal Medicine 15(2), 67-71, 2009

Abstract
Il 21° secolo, insieme con i successi della civiltà globale, ha imposto su di noi uno stile di vita dominata dagli sviluppi della scienza e dell’industria. Ci dimentichiamo, che il corpo stesso, sa cosa è necessario per sopravvivere. Le nostre condizioni di salute e di stato d’animo sono influenzati da innumerevoli processi biochimici e fisico-chimici che hanno luogo in miliardi di cellule. Il metabolismo umano è determinato dal cibo consumato e dall’eliminazione dei prodotti di scarto. Dipende solo da noi se il cibo che forniamo al nostro organismo contiene tutti i macro e microelementi, indispensabili per il normale svolgimento del metabolismo. Durante la gravidanza, i macro, i micro e gli oligoelementi, sono indispensabili per il mantenimento della vita per le donne e per il feto. La crescita intrauterina del feto è associata con lo status materno dei macro, micro e oligoelementi. Molti studi cercato di determinare la relazione tra macro, micro elementi e lo stato degli elementi nelle donne in gravidanza, del neonato e il loro impatto sul risultato della gravidanza. Alcuni di questi studi indagano il rapporto tra lo sviluppo di IUGR, insorgenza di preeclampsia materna e neonatale e lo stato di macro, micro e oligoelementi. Ci sono stati alcuni rapporti in materia di determinazione dei macro, micro ed elementi traccia, dei livelli degli elementi nella madre, nel cordone ombelicale e nel sangue fetale. L’analisi dei campioni di sangue è spesso difficile nei neonati a causa delle piccole quantità di sangue circolante. Concentrazione di elementi in tracce nel sangue spesso non fornisce una completa immagine del contenuto di questi elementi nell’organismo. Ciò è causato dal fatto, che la composizione del plasma in larga misura dipende da meccanismi omeostatici e la concentrazione finale dei componenti è il risultato dell’equilibrio tra la loro concentrazione e da vari meccanismi omeostatici. E ‘stato dimostrato, che il metodo migliore per determinare la quantità di oligoelementi nel corpo umano sta valutando la loro concentrazione nei capelli. I metodi attualmente utilizzati per valutare la concentrazione di oltre 30 elementi in tracce, dimostra che i capelli hanno una sensibilità elevata. I capelli possono essere facilmente raccolti, conservati e costituiscono una buona fonte per la determinazione di molti elementi durante un ‘analisi. Finora, solo pochi studi si sono focalizzati sul rapporto tra madre, neonato, livelli di oligoelementi nei capelli e l’esito perinatale. I risultati di questi studi potrebbero mettere una nuova luce sulla nostra comprensione dei meccanismi patogenetici delle varie complicanze perinatali e neonatali.

COMMENTO:

Il metabolismo umano è determinato dal consumo del cibo e dall’eliminazione dei prodotti di scarto del metabolismo stesso. I composti inorganici (macro e micro elementi) contenuti nei cibi sono strettamente connessi con le reazioni enzimatiche dell’organismo. Il metabolismo dei macro e micro elementi è regolato da componenti organiche che si riassumono nell’attività del sistema nervoso e dall’efficienza ormonale. In funzione della tipologia di alimenti consumati, dall’attività fisica e dal grado di inquinamento ambientale, hanno luogo i vari processi di mineralizzazione, demineralizzazione, e transmineralizzazione (trasferimento di componenti minerali all’interno del corpo). È molto importante mantenere la corretta quantità e soprattutto il corretto equilibrio tra i singoli elementi minerali, in quanto molte condizioni patologiche sono strettamente associate a cambiamenti nella concentrazione degli elementi traccia nei tessuti. I metalli pesanti (Mercurio, Piombo, Arsenico, Cadmio, Alluminio) sono assunti tramite l’alimentazione e l’esposizione ambientale. Essi sono in grado di superare la barriera placentare arrivando quindi a danneggiare il feto in molti modi differenti. Il Mercurio, oltre al ritardo mentale, è responsabile di malformazioni fetali ed addirittura la morte dopo esposizione cronica, come quella derivante dalle amalgami dentarie. Carenze di Ferro possono causare anemie, ritardo nello sviluppo intrauterino, deficit nella crescita e nascite precoci. Carenze di Selenio sono collegate con un aumentato rischio di artrosi, cancro e malattie cardiovascolari. Inoltre esso è un cofattore della glutatione perossidasi, che protegge le cellule dai danni dei radicali. Carenze di Zinco sono motivo di anomalie congenite, displasie, dermatiti, marcata alopecia e diarrea, IUGR (ritardo di crescita intrauterino), malformazioni al sistema nervoso e alle ossa. Anche il Manganese è importante per le strutture ossee e gioca un ruolo importante nell’attivazione della superossido dismutasi che ha azione antiossidante. Un altro componente importante di quest’ultimo è il Rame, la cui carenza favorisce l’osteoporosi, l’atassia, la neutropenia, la depigmentazione dei capelli e della pelle. Inoltre il Rame è fondamentale per la produzione dei globuli rossi e la formazione dell’emoglobina. La carenza di Magnesio determina problemi nella crescita fetale. Il Cromo è importante nel metabolismo insulinico regolando i livelli di glucosio e la sua carenza può portare al diabete. Anche le Vitamine sono molti importanti. Gli eccessi e le carenze dei macro e micro elementi sono determinanti in molte patologie perinatali. L’esame del capello è efficace nel monitoraggio dei macro e micro elementi, e la loro integrazione mirata (supplementazione) può diminuire il rischio di complicanze neonatali.

Link all’articolo originale:

https://www.researchgate.net/publication/228612554_Macro-_micro-and_trace_elements_concentrations_in_mother%27s_and_newborn%27s_hair_and_its_impact_on_pregnancy_outcome_a_review

 

La “Nutraceutica” si sta sviluppando negli ultimi anni come settore complementare a quello farmaceutico, dimostrando il suo successo nell’aiutare il mantenimento della condizione fisiologica, colmando i deficit di fattori nutrizionali importanti, ed anche prevenendo degradazioni cellulari, dovuto a casi di stress radicalico e a presenza di metalli tossici.

La supplementazione nutraceutica, cioè l’assunzione di integratori alimentari, deve essere regolata da una effettiva necessità, è pertanto importante sapere di più sul fabbisogno reale del singolo individuo per poter intervenire, con le integrazioni nutraceutiche più opportune, nei diversi casi.

Un’integrazione non adeguata può non avere alcun effetto benefico e potrebbe, anzi, anche essere dannosa.

La Mineral Test®, grazie allo strumento dato dal mineralogramma che “legge” la situazione in minerali del nostro corpo umano, può studiare e mettere a punto opportune integrazioni tese a riequilibrare la condizione fisiologica a cui i minerali stessi partecipano con un ruolo determinante.

A questo, oggi, la Mineral Test® sta mettendo a punto un ulteriore supporto diagnostico dato dalla determinazione della composizione lipidica della membrana cellulare: l’analisi “Lipidomica”.

La “Lipidomica” studia le molecole note come lipidi (o grassi) sia nella loro struttura ma anche nella funzione e nelle variazioni che vengono a determinarsi in diverse situazioni fisiologiche e patologiche.

Mentre l’analisi lipidica standard (colesterolo totale; colesterolo LDL; colesterolo HDL; trigliceridi) considera solo la condizione plasmatica o sangue intero, e quindi fortemente soggetta a fluttuazioni legate all’alimentazione dei giorni precedenti l’analisi, la “Lipidomica” centra la sua analisi sulla membrana cellulare, più stabile nel tempo, che dà importanti chiavi di lettura su condizioni di stress cellulare o dieta sbilanciata.

L’allontanamento dai valori normali, per deficit enzimatico, metabolico o dietetico, può determinare una situazione di difficoltà cellulare, anche senza che siano manifesti sintomi di malattie.

La cellula che meglio esprime un quadro lipidico generale e d’importanza strategica per il ruolo che assume di scambio gassoso e nutrizionale in ogni distretto del corpo umano è proprio il globulo rosso (eritrocita).

Una condizione di stato ossidativo o mal composizione quali/quantitativa in lipidi della sua membrana compromette in modo importante le sue funzioni che si ripercuotono in tutto l’organismo e possono, inoltre, favorire condizioni infiammatorie silenti.

In collaborazione con centri studi nazionali e internazionali, la Mineral Test® può proporre la determinazione di un quadro dettagliato dei valori in acidi grassi saturi e insaturi (tra cui omega-3 e omega-6) e presenza di lipidi “trans” (ossidati: pertanto mal funzionanti e spesso dannosi) nella membrana del globulo rosso.

Il preciso inquadramento della situazione lipidica del soggetto ci permette, pertanto, secondo la Nutraceutica, di consigliare una specifica integrazione che ristabilizzi  l’ottimale composizione della membrana cellulare e pertanto del suo funzionamento.

In molti casi fisiologici, come l’attività sportiva, una vita stressante o l’impossibilità di seguire una corretta nutrizione, nello stato di gravidanza, in presenza di familiarità per alcune patologie, in casi di ipertensione e rischi cardiovascolari in genere e diabete, la “Lipidomica” può dare un ottimo contributo ad inquadrare la situazione (cosa non possibile con l’analisi standard del colesterolo e trigliceridi) e portare il soggetto a ricuperare il migliore bilancio possibile.

In associazione a un riequilibrio in minerali dell’organismo, questo obiettivo risulta essere complementare e sinergico a proporre un generale miglioramento della qualità della vita.

In questo link http://www.informasalus.it/it/articoli/ridurre-danni-tachipirina.php  è riportato un documento del Dott. Roberto Gava, laureato in Medicina, specializzato in Cardiologia, Farmacologia Clinica e Tossicologia Medica. Il medico parla dei danni del principio attivo Paracetamolo, largamente diffuso ed utilizzato sotto nomi commerciali diversi, per esempio: Tachipirina ed Efferalgan. Nei siti http://www.prontuariofarmaceutico.it/ e http://www.informatorefarmaceutico.it/ sono riportati addirittura 147 forme farmaceutiche differenti del Paracetamolo e più di 25 nomi commerciali diversi di tale sostanza (è sufficiente entrare nei suddetti siti ed effettuare una ricerca per principio attivo digitando Paracetamolo nell’apposita barra). Per sapere se un farmaco contiene il Paracetamolo è sufficiente leggere con attenzione il foglio illustrativo contenuto nelle confezioni.

Fare click per ingrandire

Interessante documento di Patrizia Gentilini Medico Oncologo ed Ematologo, Presidente ISDE Forlì 30 marzo 2011 sull’aspettativa di vita alla nascita e l’aspettativa di vita sana per uomini e donne in Italia.

il picco della salute_pdf2_

Fare click per aprire

Documento riguardo il Mercurio e la sua pericolosità
AS Mercurio
Fare click per aprire il documento in pdf

CALENDARIO ARTICOLI

aprile: 2011
L M M G V S D
« Mar   Mag »
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930  

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

Segui assieme ad altri 84 follower

Blog Stats

  • 150,467 hits