You are currently browsing the monthly archive for gennaio 2016.

Contesto: L’arsenico induce difetti del tubo neurale in diversi modelli animali, ma non è nota  la sua capacità di causare difetti del tubo neurale nell’uomo. Il nostro obiettivo è stato quello di indagare le associazioni tra l’esposizione materna all’arsenico, la supplementazione periconcezionale di acido folico e il rischio di difetto del tubo neurale (mielomeningocele) tra una popolazione altamente esposta nelle zone rurali del Bangladesh.

Metodi: Abbiamo condotto uno studio caso-controllo che ha reclutato i casi confermati clinicamente delle comunità cliniche servite dal Dhaka Community Hospital in Bangladesh, così come le strutture sanitarie locali, che trattano i bambini con mielomeningocele. I controlli sono stati selezionati dai registri di gravidanza nelle stesse aree. L’esposizione materna  all’arsenico è stata stimata dai campioni di acqua potabile prelevati da pozzi utilizzati durante il primo trimestre di gravidanza. L’uso periconcezionale di acido folico è stato accertato da self-report e lo stato materno dei folati è stato ulteriormente valutato mediante i livelli di folato plasmatico misurati al momento della visita di studio.

Risultati: Cinquantasette casi di mielomeningocele sono stati individuati insieme a 55 controlli. Un’interazione significativa è stata osservata tra l’arsenico inorganico dell’acqua potabile e l’uso periconcezionale di acido folico. All’aumentare delle concentrazioni inorganiche dell’arsenico nell’acqua potabile da 1 a 25 µg/L, l’effetto protettivo stimato di uso dell’acido folico diminuiva (OR 0,22-1,03), e non era protettivo a concentrazioni più elevate di arsenico. Non è stato identificato un effetto primario di esposizione all’arsenico sul rischio mielomeningocele.

Conclusioni: Il nostro studio ha trovato una significativa interazione tra la concentrazione di arsenico inorganico dell’acqua potabile da pozzi utilizzati durante il primo trimestre di gravidanza e l’assunzione periconcezionale di integratori di acido folico.

I risultati suggeriscono che l’esposizione all’arsenico ambientale riduce l’efficacia della supplementazione di acido folico nella prevenzione del mielomeningocele.

Link all’articolo originale:
http://www.ehjournal.net/content/14/1/34

“Il nostro studio ha lo scopo di valutare il livello di oligoelementi essenziali e metalli pesanti nei campioni di capelli  di bambini con disturbi dello spettro autistico (ASD) e di individuare i cambiamenti che sono associati con  i disturbi dello spettro autistico. Uno studio caso-controllo è stato condotto in Child Development Center del Iashvili Children’s Central Hospital (LD – Georgia). .Abbiamo studiato 60 bambini dai 4 ai 5 anni. Le concentrazioni di 28 elementi (Ca, Zn, K, Fe, Cu, Se, Mn, Cr, S, Br, Cl, Co, Ag, V, Ni, RB, Mo, ​​Sr, Ti, Ba, Pb, As , Hg, Cd, Sb, Zr, Sn, Bi) fra oligoelementi e metalli tossici, sono state determinate nei campioni di capelli  di bambini (n = 30) con disturbi dello spettro autistico  (ASD) e dal gruppo di controllo di bambini sani (n = 30) con sesso ed età abbinati.” …… “Le carenze di microelementi traccia essenziali erano presenti in entrambi i gruppi, ma c’era una differenza significativa tra gruppo di controllo e gruppo di studio. L’elemento più carente era lo zinco (92% nel target e il 20% nel controllo), quindi manganese (55% e 8%) e selenio (38% e 4%). Eccessiva concentrazione di rame veniva riscontrata solo nel gruppo bersaglio, nel 50% dei casi. Le contaminazioni da metalli pesanti sono stati rilevate nel caso del piombo (78% e 16), mercurio (43% e 10%) e cadmio (38% e 8%). I risultati statistici dello studio hanno indicato che le carenti concentrazioni nei capelli di oligoelementi come lo zinco, manganese, molibdeno e selenio, sono significativamente legate a ASD ….. Nel caso del rame abbiamo riscontrato livelli in eccesso di questo elemento e questo dato è fortemente legato con ASD. Abbiamo trovato alta associazione e valori significativi tra le concentrazioni di piombo, mercurio, cadmio e ASD. I risultati dello studio indicano che ci sono differenze significative nelle concentrazioni di oligoelementi essenziali nei capelli dei bambini con disturbi dello spettro autistico confrontati con il gruppo di bambini sani. Il risultato ottenuto ha anche mostrato elevata contaminazione da metalli pesanti quali piombo, mercurio e cadmio nei bambini con ASD rispetto a quelli sani. Quindi, il nostro studio ha dimostrato l’alterazione dei livelli di metalli pesanti tossici e degli elementi essenziali in tracce nei bambini con disturbi dello spettro autistico rispetto ai bambini sani. Ciò suggerisce un possibile ruolo fisiopatologico dei metalli pesanti e degli oligoelementi essenziali nella genesi dei sintomi dei disturbi dello spettro di autistico.”

Link all’articolo originale:
http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/26656556

BLOG___[2]

Paziente di anni 49, femmina, al terzo ciclo di cura con il metodo Mineral Test®.
Nessuna terapia farmacologica in corso o pregressa.
La risonanza magnetica del 05/01/2016 rileva la “riduzione dimensionale delle principali lesioni di nuova comparsa nel controllo del 24 novembre del 2014.
Vi sono tre erronee dichiarazioni nel referto: 1) non è stato utilizzato alcun mezzo di contrasto, per rifiuto della Paziente. 2) non vi è una diagnosi definitiva di Sclerosi Multipla. 3) si riscontrano MIGLIORAMENTI nella capacità deambulatoria!

RMOP

CALENDARIO ARTICOLI

gennaio: 2016
L M M G V S D
« Dic   Feb »
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

Segui assieme ad altri 85 follower

Blog Stats

  • 161,996 hits