You are currently browsing the category archive for the ‘Post’ category.

– Comunicato Mineral Test® –
Vaccino Meningitec 

Nel periodo dicembre 2014 – giugno 2015 alla Mineral Test® abbiamo effettuato l’analisi minerale dei capelli di bambini vaccinati con vaccini Meningitec facenti parte dei lotti poi ritirati per la presunta presenza di residui metallici. Abbiamo confrontato i risultati con quelli di un ampio numero di bambini di pari età, non vaccinati con i lotti Meningitec ritirati (gruppo di controllo).

Si sono evidenziate differenze statisticamente significative tra i 2 gruppi, bambini vaccinati con i lotti poi ritirati e bambini del gruppo di controllo. Nei vaccinati con vaccino Meningitec facente parte dei lotti poi ritirati, in tutti i casi analizzati, c’è un aumento statisticamente significativo di Ferro, Selenio, Molibdeno, Germanio, Platino, Stagno, Tungsteno, Piombo, Berillio, Alluminio, Arsenico, Uranio e Palladio.

Analisi statistica:

I dati relativi ad ogni singolo oligoelemento (su un totale di 40 elementi) sono stati analizzati confrontando quelli del gruppo dei bambini che aveva ricevuto il vaccino Meningitec dei lotti poi ritirati con quelli dei bambini del gruppo di controllo. L’analisi statistica è stata effettuata con il programma Statistica 8.0 (StatSoft Italia Srl, Vigonza, PD, 2007). Mediante il test di Shapiro-Wilk si è verificata la normalità o non normalità dei dati; dati che poi sono stati analizzati con un test parametrico (t-test) nel caso di distribuzione normale o con un test non parametrico (Mann-Whitney) nel caso di distribuzione asimmetrica. Le differenze tra i 2 gruppi che all’analisi presentavano un valore di P<0,05 sono state considerate statisticamente diverse.

 ISDE Italia ribadisce la propria netta contrarietà a provvedimenti legislativi che semplifichino le procedure per la combustione di rifiuti (in particolare CSS, combustibile solido secondario), nei cementifici del nostro Paese. L’intenzione, da parte del Governo, di voler riproporre questa cattiva pratica (bocciata nella precedente legislatura, in seguito ad approfondimenti, dalla Commissione Ambiente della Camera) è contraria alle più recenti direttive del Parlamento e della Commissione Europea, che chiedono invece agli Stati membri il completo abbandono del ricorso all’incenerimento nel prossimo decennio, favorendo il recupero spinto di materia. L’Italia, che è il Paese Europeo con il maggior numero di cementifici, diventerebbe lo Stato Europeo con la maggiore capacità di incenerimento, potendo contare su circa 120 impianti (tra inceneritori e cementifici) da utilizzare per la comb…ustione di rifiuti, con tutte le conseguenze sanitarie e ambientali che questo comporterebbe. Bruciare rifiuti nei cementifici (pratica economicamente vantaggiosa solo per i gestori di questi impianti e per i produttori di CSS) non ridurrebbe in maniera utile le loro elevatissime emissioni inquinanti: la modesta riduzione che si otterrebbemediante sostituzione dei combustibili fossili con rifiuti, sarebbe abbondantemente compensata da incrementi anche minimi della capacità produttiva, con incrementi importanti delle emissioni di microinquinanti persistenti nell’ambiente, bioaccumulabili e tossici per la salute umana,quali metalli pesanti e diossine. Il cemento prodotto, inoltre, ingloberebbe le ceneri tossiche prodotte dalla combustione dei rifiuti, incrementando il rischio professionale e sanitario legato al suo utilizzo. Sarebbe molto più utile, in termini di sostenibilità, se il Governo prendesse in considerazione per i cementifici il divieto di utilizzo di alcuni combustibili altamente inquinanti (ad es. ilpet-coke) e l’imposizione di miglioramenti tecnologici e di limiti produttivi ed emissivi in grado di garantire la tutela dell’ambiente e della salute pubblica ai residenti nelle vicinanze di questi impianti, molto spesso inseriti in pieno contesto urbano con gravi conseguenze sanitarie.

Di seguito le Risonanze Magnetiche di 5 casi di Sclerosi Multipla trattati con integrazione secondo il metodo Mineral Test.

Fare click sulle immagini per ingrandirle.

1)  Paziente di 32 anni, SM RR; EDSS 2,5. Dopo due cicli di tre mesi di integrazione Mineral Test la risonanza magnetica mostra la SCOMPARSA delle lesioni! EDSS 0 stabile dal 2007.

2)  Paziente affetto da SM PP (Sclerosi Multipla Primariamente
Progressiva) con EDSS 7,5/8 (scala di disabilità) trattato con cortisone fino
al 2005, poi con azatioprina. La RM (Risonanza Magnetica) del 30 Maggio 2005
evidenziava nuove lesioni. Dal Giugno 2005 inizia il percorso Mineral Test; il
mineralogramma dimostra una intossicazione da Mercurio, Piombo e
Alluminio. Attualmente ha concluso l’ottavo ciclo di integrazione. La
nuova RM, con e senza contrasto, del 23 Giugno 2011 (riportata di
seguito) non evidenzia lesioni attive nè nuove lesioni, confermando il
quadro delle precedenti RM. Praticamente la malattia è ferma dal 30 Maggio 2005 (ultima RM con peggioramento). Dal Giugno 2005 iniziava l’integrazione Mineral Test, con rapido e persistente beneficio, passando da un EDSS 7,5/8 (deficit deambulatorio totale) a 6/6,5 (deambulazione con doppio appoggio).

3)  Paziente affetto da SM RR (Sclerosi Multipla Recidivante Remittente) con EDSS 2,5 (scala di disabilità) trattato con cortisone fino al 2008; da allora ha interrotto tutte le cure farmacologiche. La RM (risonanza magnetica) del 2008 evidenzia nuove lesioni attive. Dal Settembre 2009 inizia il percorso Mineral Test; il mineralogramma dimostra una intossicazione da Mercurio e Alluminio. Attualmente ha concluso il terzo ciclo di integrazione. La nuova RM, con e senza contrasto, dell’Aprile 2011 (riportata di seguito) non evidenzia lesioni attive nè nuove lesioni, ma addirittura una RIDUZIONE DELLE LESIONI preesistenti sia a livello encefalico che midollare.

4)  Sclerosi multipla secondariamente progressiva; EDSS 6,5; il quadro alla risonanza magnetica risulta immodificato dal 2003.

5)  Paziente affetta da sindrome demielinizzante. Due cicli di cura Mineral Test completati; terzo ciclo in corso. EDSS 0

Questi video (prima e dopo il trattamento) mostrano l’efficacia, in diversi pazienti, del Protocollo Rossi (GR System = Global Rebalancing System ovvero “Metodo di riequilibrio globale”). I Pazienti sono affetti da sclerosi multipla (tranne all’ultimo video – deficit deambulatorio dell’anziano) ed hanno già effettuato il Mineral Test e completato almeno il primo ciclo di cura di tre mesi con integrazione minerale personalizzata. ATTENZIONE: tutti i filmati sono stati effettuati al PRIMO TRATTAMENTO!

http://www.youtube.com/user/TheGRSystem/videos

 

 

                   DANZA LENTA

Hai mai guardato i bambini in un girotondo?

O ascoltato il rumore della pioggia

quando cade a terra?

O seguito mai lo svolazzare

irregolare di una farfalla ?

O osservato il sole allo

svanire della notte?

Faresti meglio a rallentare.

Non danzare così veloce.

Il tempo è breve.

La musica non durerà.

Percorri ogni giorno in volo ?

Quando dici “Come stai?”

ascolti la risposta?

Quando la giornata è finita

ti stendi sul tuo letto

con centinaia di questioni successive

che ti passano per la testa ?

Faresti meglio a rallentare.

Non danzare così veloce

Il tempo è breve.

La musica non durerà.\1

Hai mai detto a tuo figlio,

“lo faremo domani?”

senza notare nella fretta,

il suo dispiacere ?

Mai perso il contatto,

con una buona amicizia

che poi finita perché

tu non avevi mai avuto tempo

di chiamare e dire “Ciao” ?

Faresti meglio a rallentare.

Non danzare così veloce

Il tempo è breve.

La musica non durerà.

Quando corri cosi veloce

per giungere da qualche parte

ti perdi la metà del piacere di andarci.

Quando ti preoccupi e corri tutto

il giorno, come un regalo mai aperto . . .

gettato via.

La vita non è una corsa.

Prendila piano.

Ascolta la musica.

In Italia il valore sull’aspettativa di una vita sana crolla drammaticamente:

dal 2004 al 2008 c’è stata una perdita di 10 anni nelle femmine

Nel primo grafico a sinistra si evidenzia la crescita dell’aspettativa di vita nei paesi europei (in verde chiaro i dati italiani). Nel grafico di destra invece, è rappresentato l’andamento dell’aspettativa di una vita sana nello stesso periodo (in giallo i dati italiani). Evidente il drammatico peggioramento rispetto all’andamento medio europeo.

In pratica dal 2004 al 2008 si è avuto un crollo della aspettativa di una vita sana

Dati pubblicati su:

International Journal of Pediatric endocrinology 2012, 38:19

Lettera all’editore a cura di: Valerio Gennaro, Giovanni Ghirga, Laura Corradi

Conclusioni

É legittimo chiedersi perché non ci sia stata nessuna reazione ufficiale dopo il primo anno di marcato declino in Italia del valore in anni di aspettativa di una vita sana, in contro-tendenza con i valori europei: dal 2004 al 2008 c’è una chiara evidenza di una perdita di 10 anni di aspettativa di una vita sana per i neonati femmine.

Il problema non è stato preso in considerazione neanche quando la situazione appariva chiaramente peggiorata negli anni successivi perdendo, nel 2006, più di 4 – 6 anni per i maschi e le femmine neonate; altri due anni di aspettativa di vita in buona salute sono stati persi tra il 2006 e il 2007 per entrambi i sessi.

Nel 2008 si è perso un altro anno di aspettativa di una vita sana.

I dati non sono stati più resi disponibili, da allora, in Italia.

 

 

In Italia il valore sull’aspettativa di una vita sana crolla drammaticamente:

dal 2004 al 2008 c’è stata una perdita di 10 anni nelle femmine

Titolo originale

In Italy, healthy life expectancy drop dramatically: from 2004 to 2008 there was a 10 years drop among newborn girls

International Journal of Pediatric endocrinology 2012, 38:19

Lettera all’editore a cura di: Valerio Gennaro, Giovanni Ghirga, Laura Corradi

Abstract

Introduzione

In questo breve saggio vorremmo affrontare una grave divergenza osservata in Italia tra il valore sull’aspettativa di vita (Life Expectancy: “LE”) e quello su una aspettativa di vita sana (Healthy Life Expectancy: “Healthy LE”) e considerare la tendenza marcata di peggioramento del valore sull’aspettativa di una vita sana (Life Expectancy: “LE”) rispetto agli altri paesi europei.

Entrambe le questioni emergono dai dati di un recente rapporto dell’Eurostat.

Metodi

Le analisi utilizzate dagli autori del rapporto Eurostat si basano sul metodo di Sullivan che combina due tipi di variabili: i dati sulla mortalità e la morbilità (ndr: termine statistico indicante la frequenza percentuale di una malattia in una determinata popolazione).

Risultati

Mentre diversi paesi europei hanno iniziato a considerare i dati comparabili sull’aspettativa di vita fin dal 1960, in Italia, i dati analoghi sono stati disponibili per la prima volta solo nel 1985 in una relazione dell’ EUROSTAT.

In Italia, nel periodo tra il 1985 e il 2008, c’è stato un buon incremento progressivo del valore sull’aspettativa di vita, seguendo i migliori valori europei.

Tuttavia, mentre fino al 2004 l’Italia è stata tra i paesi europei migliori sia in termini di valore sull’aspettativa di vita che su quello di una vita sana, quattro anni dopo, nel 2008, c’è stata una perdita scioccante di 10 anni del valore sull’aspettativa di una vita sana in bambine neonate.

Nel frattempo le femmine hanno perso il loro vantaggio di due anni rispetto ai maschi (quest’ultimi hanno perso solo 6 anni del valore sull’aspettativa di una vita sana nello stesso periodo di tempo).

Rispetto all’anno 2004, considerando il valore sull’aspettativa di una vita sana all’età di 65 anni, nel 2008 le donne italiane potevano aspettarsi di vivere in modo sano soli circa 7 anni (come per gli uomini) contro i quasi 15 anni dei migliori valori europei (14 anni per gli uomini).

Testo originale integrale:

Gennaro et al. International Journal of Pediatric Endocrinology 2012, 38:19

http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/?term=In+Italy%2C+healthy+life+expectancy+drop+dramatically%3A+from+2004+to+2008+there+was+a+10+years+drop+among+newborn+girls

 

http://www.youtube.com/watch?v=BNAHT3aRrMk&feature=plcp

Valutazione di cadmio, cromo, nichel e zinco in campioni biologici di pazienti affetti da psoriasi che vivono in prossimità di un cementificio in Pakistan.

Biol Trace Elem Res. 2011 Set; 142 (3) :284-301. Epub lug 2010 28.

Afridi HI, Kazi TG, Kazi N, GA Kandhro, Baig JA, AQ Shah, Khan S, Kolachi NF, Wadhwa SK, Shah F, Jamali MK, Arain MB.
Centro Nazionale di Eccellenza in Chimica Analitica, Università di Sindh, Jamshoro 76.080, Pakistan. hassanimranafridi@yahoo.com

Estratto

La psoriasi è una comune malattia cronica non contagiosa della pelle.
Lo scopo del presente studio era di confrontare il livello di cadmio (Cd), cromo (Cr), nichel (Ni) e zinco (Zn) in campioni biologici (sangue intero, urine e capelli) di 418 pazienti di entrambi i sessi, di età compresa tra i 25 e 55 anni, affetti da psoriasi in fase lieve, moderata-grave e più grave, che vivono nelle vicinanze di un cementificio. A scopo di confronto, sono stati anche selezionati 241 soggetti sani di pari età, di entrambi i sessi, residenti in zona industriale e non industriale. Le concentrazioni di elementi traccia e di elementi tossici sono state misurate mediante spettrofotometro ad assorbimento atomico previa digestione acida al microonde. La validità e l’accuratezza della metodologia è stata verificata utilizzando materiali di riferimento certificati (CRMs) e il metodo tradizionale a digestione acida umida sui CRMs stessi e i campioni reali. I risultati di questo studio hanno mostrato che i valori medi di Cd, Cr, Ni e Pb erano significativamente superiori nei capelli, sangue e urine dei pazienti affetti da psoriasi lievi e gravi rispetto ai controlli (p <0,001), mentre la concentrazione di Zn era più bassa nei capelli e sangue, ma più elevata nei campioni di urine dei pazienti affetti da psoriasi. La carenza di zinco in pazienti affetti da psoriasi può essere senza dubbio causata dalla esposizione agli elementi tossici tramite il cementificio.

Versione originale: http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/20665125

Interazione tra selenio e arsenico in campioni biologici di pazienti affetti da psoriasi.

Kolachi NF, Kazi TG, Afridi HI, Kazi N, S Khan, Wadhwa SK, Shah F.
Centro di Eccellenza in Chimica Analitica, Università di Sindh, Jamshoro 76.080, Pakistan.

Estratto
BACKGROUND:
La psoriasi è una malattia cronica della pelle, non contagiosa, che colpisce 1 persona su 50 in tutto il mondo.
METODI:
Lo scopo del presente studio era di confrontare i livelli di arsenico (As) e selenio (Se) in campioni di sangue intero, urine e capelli di 418 pazienti affetti da psoriasi di entrambi i sessi e di età compresa tra 25 – 55 anni. Tutti i pazienti psoriasici abitavano nelle vicinanze di un cementificio, e sono stati classificati come forma lieve, moderata e grave. A scopo di confronto sono stati selezionati 395 sani di pari età come soggetti di controllo, residenti in aree industriali e non industriali. Le concentrazioni di elementi essenziali in traccia ed elementi tossici sono state misurate mediante spettroscopia ad assorbimento atomico elettrotermico dopo digestione acida in microonde. La validità e l’accuratezza della metodologia è stata verificata utilizzando materiali di riferimento certificati (CRMs) e il tradizionale metodo di digestione acida umida sui CRMs stessi ed i campioni reali.

RISULTATI:

I valori medi osservati di arsenico erano significativamente superiori nel capelli, sangue e urine di pazienti affetti da psoriasi lieve e grave rispetto ai controlli (p = 0,01-0,001), mentre le concentrazioni di selenio erano basse nei capelli e sangue, ma più elevate nei campioni di urina di pazienti affetti da psoriasi di tutte le categorie.

CONCLUSIONI:

La carenza di selenio nei pazienti con psoriasi può senza dubbio essere causata da esposizione agli elementi tossici attraverso le polveri prodotte dal cementificio.

Versione originale: http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/22582496

Diverse ricerche hanno già messo in luce le correlazioni tra il mercurio e varie malattie dello sviluppo e malattie neurodegenerative tra cui l’autismo e il morbo di Alzheimer.
Questi due studi mettono in evidenza la relazione tra il mercurio (emissioni nell’ambiente associate alle centrali termoelettriche e i cementifici) e l’autismo.
È stato rilevato che i livelli più elevati di mercurio nell’ambiente, sono in relazione a sorgenti puntiformi di emissione come le centrali termoelettriche e i cementifici. Sono stati utilizzati i dati del Texas Educational Agency  e dell’ Environmental Protection Agency (Ente per la Prevenzione Ambientale americano) per determinare se la vicinanza a fonti di inquinamento da mercurio rilevate nel 1998 sono da correlare ai casi di autismo rilevati nel 2002. È stato trovato che per ogni 1000 libbre (circa 453,6 Kg) di emissioni industriali, c’è stato un corrispondente aumento di casi di autismo del 2,6% ed un aumento del 3,7% associato alle emissioni delle centrali elettriche. Per ogni 10 miglia di distanza da fonti industriali di mercurio, il rischio per l’autismo si riduce del 2%. Sempre ogni 10 miglia di distanza da centrali termoelettriche, il rischio per l’autismo si riduce del 1,4%.
Queste ricerche sono da considerarsi una sorta di campanello di allarme, sono quindi necessari ulteriori studi di approfondimento.

Di seguito le traduzioni dei due documenti.

Distanza dai punti delle fonti di emissione di mercurio ambientale come un fattore predittivo della prevalenza dell’autismo.

Abstract

L’obiettivo di questo studio era di determinare se la vicinanza a fonti di inquinamento di mercurio rilevate nel 1998, possono essere correlate alla prevalenza dell’autismo nel 2002. Sono stati utilizzati i dati sull’autismo del Texas Educational Agency e i dati sul rilascio ambientale del mercurio dalla Environmental Protection Agency. Abbiamo trovato che per ogni 1000 libbre di emissioni industriali, c’è stato un corrispondente aumento del 2,6% nei tassi di autismo (p <.05) e un aumento del 3,7% associato alle emissioni di centrali elettriche (P <.05). Le distanze da queste fonti, erano predittori indipendenti dopo l’aggiustamento delle covariate. Per ogni 10 miglia da fonti industriali e da centrali elettriche, vi era associato un ridotto rischio di incidenza di autismo del 2,0% e 1,4%, rispettivamente (p <0,05). Dato che le limitazioni di progettazione dello studio precludono l’interpretazione del rischio individuale, ulteriori indagini sui rischi ambientali per questioni relative allo sviluppo dei bambini sono necessarie.

Link al documento originale: http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/18353703

Il valore degli studi ecologici: concentrazione di mercurio nell’aria dell’ambiente e il rischio di autismo.

Abstract

Gli studi ecologici del rapporto spaziale tra la malattia e le fonti di contaminazione ambientale possono contribuire ad accertare il grado di rischio per le popolazioni di contaminazione, e di modificare la legislazione per diminuire il rischio. I rischi per la popolazione connessi con il persistente basso livello di esposizione al mercurio hanno recentemente iniziato a destare preoccupazione e le recenti ricerche che  implicano il mercurio ambientale come un fattore potenziale nell’eziologia di varie malattie dello sviluppo e neurodegenerative tra cui l’autismo e il morbo di Alzheimer. In questo resoconto dei risultati preliminari ottenuti, abbiamo dimostrato nella Contea di Bexar Texas e nella Contea di Santa Clara California, l’ipotesi che la distribuzione spaziale dei casi di autismo ha una positiva co-variazione con la distribuzione spaziale della distribuzione del mercurio nell’aria dell’ambiente. Il rischio relativo di autismo è maggiore nelle aree geografiche con più elevati livelli di mercurio ambientale. Troviamo che i livelli più elevati di mercurio ambiente geograficamente associati a sorgenti puntiformi delle emissioni di mercurio, come il carbone delle centrali termoelettriche e i cementifici con forni a carbone. Anche se questo non indica una causa, questi risultati non devono essere respinti, ma piuttosto devono essere visti come un passo preliminare per la generazione di ipotesi per ulteriori indagini.

Link al documento originale: http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/21905454

Vi invitiamo a leggere l’articolo pubblicato dalla rivista online Wise Society cliccando sul link sottostante. 

http://wisesociety.it/salute-e-benessere/sclerosi-multipla-nuove-speranze-di-cura-dal-mineral-test/#capitolo2

CALENDARIO ARTICOLI

maggio: 2017
L M M G V S D
« Mar    
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

Segui assieme ad altri 85 follower

Blog Stats

  • 152,964 hits