You are currently browsing the monthly archive for maggio 2016.

Il monitoraggio dei metalli pesanti nelle aree industrializzate per studiare la loro associazione con fattori occupazionali e ambientali avviene in modi diversi. In questo studio, l’analisi dei capelli è stata utilizzata per la valutazione dell’esposizione a questi metalli nella città industriale di Taranto, caratterizzata da un grave inquinamento ambientale. Sono stati osservati i valori medi più elevati per alluminio, bario, cadmio, piombo, mercurio e uranio. Inoltre, nella zona industriale di Taranto, si sono riscontrati elevati livelli di bario, cadmio, piombo, mercurio, nickel e argento in confronto con altre zone della Puglia. Gli odds ratio (OR) di rischio per l’osservazione dei valori al di sopra del 50 ° percentile sono stati elevati per mercurio e consumo di pesce, uranio e consumo di latte, piombo e sesso femminile e, infine, consumo di alluminio e acqua minerale. Nessun significativo aumento del rischio è stato osservato per le attività professionali. In un dendrogramma di un cluster analysis, sono stati osservati tre gruppi per le diverse aree di Taranto (Borgo, San Vito, e Statte). Una diagramma sottolinea la presenza di due componenti principali: la prima in materia di antimonio, piombo, stagno, alluminio e argento; la seconda per quanto riguarda il mercurio e l’uranio. I cluster osservati (Borgo, San Vito e Statte) hanno dimostrato che piombo, antimonio, stagno, alluminio e argento erano le componenti principali. I valori più elevati al di sopra del 50° percentile di questi minerali, in particolare piombo, sono stati osservati nella zona di Borgo. La concentrazione di metallo osservata nella zona di Borgo è compatibile con la presenza a Taranto di un arsenale militare e registra un incrementato rischio di cancro del polmone tra i residenti di quella zona.

Link all’articolo originale:

http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/27165601

 

Annunci

http://www.vetrinaservizi.it/pagina2446_ouverture.html#

 

– Comunicato Mineral Test® –
Vaccino Meningitec 

Nel periodo dicembre 2014 – giugno 2015 alla Mineral Test® abbiamo effettuato l’analisi minerale dei capelli di bambini vaccinati con vaccini Meningitec facenti parte dei lotti poi ritirati per la presunta presenza di residui metallici. Abbiamo confrontato i risultati con quelli di un ampio numero di bambini di pari età, non vaccinati con i lotti Meningitec ritirati (gruppo di controllo).

Si sono evidenziate differenze statisticamente significative tra i 2 gruppi, bambini vaccinati con i lotti poi ritirati e bambini del gruppo di controllo. Nei vaccinati con vaccino Meningitec facente parte dei lotti poi ritirati, in tutti i casi analizzati, c’è un aumento statisticamente significativo di Ferro, Selenio, Molibdeno, Germanio, Platino, Stagno, Tungsteno, Piombo, Berillio, Alluminio, Arsenico, Uranio e Palladio.

Analisi statistica:

I dati relativi ad ogni singolo oligoelemento (su un totale di 40 elementi) sono stati analizzati confrontando quelli del gruppo dei bambini che aveva ricevuto il vaccino Meningitec dei lotti poi ritirati con quelli dei bambini del gruppo di controllo. L’analisi statistica è stata effettuata con il programma Statistica 8.0 (StatSoft Italia Srl, Vigonza, PD, 2007). Mediante il test di Shapiro-Wilk si è verificata la normalità o non normalità dei dati; dati che poi sono stati analizzati con un test parametrico (t-test) nel caso di distribuzione normale o con un test non parametrico (Mann-Whitney) nel caso di distribuzione asimmetrica. Le differenze tra i 2 gruppi che all’analisi presentavano un valore di P<0,05 sono state considerate statisticamente diverse.

CALENDARIO ARTICOLI

maggio: 2016
L M M G V S D
« Apr   Ago »
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

Segui assieme ad altri 89 follower

Blog Stats

  • 168,158 hits