You are currently browsing the monthly archive for dicembre 2013.

“Una mela al giorno toglie il medico di torno” è un messaggio di salute pubblica consegnato da genitori e insegnanti dal 19° secolo; è un esempio conciso, chiaro e preciso di come la promozione della salute di epoca Vittoriana può davvero resistere alla prova del tempo.  Si stima che 5,2 milioni di persone siano deputati per il trattamento con statine nel Regno Unito, con un extra di 17,6 milioni di persone per le quali dovrebbe diventare raccomandata come misura di prevenzione primaria per  tutti gli adulti di età superiore ai 50 anni. Supponendo che il 70% di questi 17,6 milioni di adulti utilizzi le statine, ciò si tradurrebbe in una riduzione del numero annuale di decessi vascolari pari a 9400 (95% intervallo credibile 7.000-12.500). Aggiungendo alla dieta base quotidiana del Regno Unito una mela al giorno (assumendo che non vi sia nessun cambiamento al consumo di calorie) e applicando questa dieta al 70% della popolazione totale del Regno Unito di età superiore ai 50 anni (70% del 22 milioni di persone nel Regno Unito di età superiore ai 50 anni), si stima che il numero annuale di decessi vascolari evitati o ritardati possa essere di 8.500 (95% intervallo credibile 6.200-10.800). La prescrizione di statine a tutta la popolazione di età superiore ai 50 anni si prevede possa causare 1.200 casi di miopatia, 200 casi di rabdomiolisi e 12.300 casi di diabete mellito! La prescrizione di una mela al giorno o una statina al giorno per tutti gli over 50  può avere un effetto simile sulla popolazione per la mortalità per cause vascolari. La scelta di mangiare mele, piuttosto che assumere le statine, può evitare più di 1.000 casi di miopatia e più di 12.000 casi di diabete (come effetti collaterali delle statine).

Link all’articolo originale:

http://www.bmj.com/content/347/bmj.f7267

 

 

Annunci
Da ISDE: “AMBIENTE: DISCARICHE TOSSICHE ACCORCIANO VITA”
Fonte: FIMMG Notizie del 6 Maggio 2013.
I siti di rifiuti tossici con elevati livelli di piombo e cromo sono killer pericolosi che causano la perdita di numerosi anni di vita delle popolazioni circostanti. Lo dimostra un nuovo studio della Mount Sinai School of Medicine che ha valutato le aspettative di vita degli individui che vivono nei pr…essi di 373 discariche di rifiuti nocivi in India, nella Filippine e in Indonesia. La ricerca, pubblicata on-line sulla rivista Environmental Health Perspectives, è stata presentata dall’autore Kevin Chatham-Stephens al meeting annuale del PAS (Pediatric Academic Societies) a Washington. “Il piombo e il cromo esavalente – ha spiegato Chatham-Stephens – sono le sostanze chimiche risultate più nocive per la salute e le cause delle principali malattie e del numero maggiore di morti tra le persone che vivono nei pressi dei siti di rifiuti tossici”. L’indagine ha raccolto e analizzato campioni prelevati dalle discariche nel 2010 per la valutazione dei livelli di inquinamento del terreno e dell’acqua e dell’esposizione di circa 8.629.750 persone residenti nelle aree circostanti, con l’obiettivo di calcolare la corrispondente perdita di anni di vita in DALY (numero di anni di vita perso a causa della disabilità). Un DALY equivale ad un anno di vita. I ricercatori hanno calcolato che le popolazioni che vivono nelle vicinanze dei siti analizzati hanno perso in totale 828.722 DALY.
Link all’articolo originale:

Hiroshi Yasuda e Toyoharu Tsutsui

La Belle Vie Research Laboratory, 8-4 Nihonbashi-Tomizawacho, Chuo-ku, Tokyo 103-0006, Giappone

Pubblicato: 11 Novembre 2013

 Abstract: Le interazioni tra i geni e l’ambiente sono ora considerate come la spiegazione più plausibile per l’autismo. In questa recensione , riassumiamo i risultati di uno studio metallomico in cui sono state esaminate le concentrazioni di 26 oligoelementi nei capelli di 1.967 bambini autistici ( 1553 maschi e 414 femmine, di età compresa tra 0-15 anni di età ) , e discutiamo i recenti progressi nella comprensione dei ruoli che l’epigenetica ha negli squilibri minerali infantili nella patogenesi dell’autismo . Tra i 1967 soggetti , in 584 ( 29,7 % ) e 347 ( 17,6 % ) sono state trovate, rispettivamente, carenze di zinco e magnesio, e il tasso di incidenza della carenza di zinco è stata stimata al 43,5 % nei maschi e 52,5 % nei soggetti di sesso femminile di età compresa tra 0 e i 3 anni di età .

Al contrario , in 339 ( 17,2 % ) , 168 ( 8,5 % ) e 94 ( 4,8 % ) individui è stata rilevata un’elevata presenza di, rispettivamente,  alluminio, cadmio e piombo e nel 2,8 % o meno, dei casi di mercurio e arsenico . Alti livelli di metalli tossici sono stati più frequentemente osservati nei bambini di età compresa tra 0 ed i 3 anni di età , i cui tassi di incidenza sono stati del 20,6 % , 12,1 % , 7,5% , 3,2 % e 2,3 % , rispettivamente, per l’alluminio , cadmio, piombo , arsenico e mercurio.  Questi risultati suggeriscono che la carenza di zinco o magnesio e/o gli eccessi di metalli tossici possono essere critici ed indurre alterazioni epigenetiche nei geni e nei meccanismi di regolazione genetica dello sviluppo neurologico nei bambini autistici, e dimostrare che il fattore tempo ” finestra infantile ” è anch’essa fondamentale per lo sviluppo neurologico e, probabilmente, per la terapia . Per questo, l’analisi metallomica precoce può portare ad un precoce screening/valutazione ed un trattamento/ prevenzione dei disturbi dello sviluppo neurologico degli autistici.

Conclusioni

Questa panoramica dimostra come molti bambini con autismo soffrano di una carenza marginale o grave di magnesio e zinco e/o di eccessi di metalli tossici, e che questi disturbi minerali (squilibri minerali) nel corpo possono avere ruoli epigenetici importanti come i fattori ambientali nella patogenesi dei disturbi dello sviluppo neurologico. Inoltre, si suggerisce che vi è una finestra di tempo critico “finestra infantile” nello sviluppo neurologico e, probabilmente, per il trattamento e la prevenzione di tali disturbi. Nel prossimo futuro, l’introduzione di test clinici innovativi come l’analisi metabolomica e metallomica è da raccomandare per la diagnosi precoce ed il trattamento dei disturbi dello sviluppo neurologico.

Link all’articolo originale:

http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/24284360

BLOG___[2]

 

MINERAL TEST® Announcement: Fibromyalgia has an absolute UNIQUE mineral profile! We can announce, with absolute certainty, that there is a real subversion of most trace elements analyzed, about 35 on 40 minerals  have a significant different trace presence on fibromyalgia patients instead of healthy people!!. This is the unique pathology, within the many diseases that we have in charge, that has this so changed profile, independently from toxic metals that in this case work as a contributing not a causing factor! This demonstrates, with a stronger evidence, that is worthless to find other, pharmacological or less, solutions or even surgical ones. A mineral balance has to be reached! The Mineral  Test ® method can analyze 40 intercellular trace elements on hair samples and, based on the excesses and deficits resulting from the lab analysis, a galenic treatment is prescribed (and prepared by the apothecary) composed by some trace elements and vitamin C. The treatment has a duration of 3 months, followed by two months without it and then a new hair mineral analysis. The integration can be taken in conjunction with other treatments, pharmacological or less, in place. The aim is the rebalance of the essential trace elements and the removal of toxic metals. Ones we reach a good mineral balance we have the definitive, stable and permanent RECOVERY from fibromyalgia!

 ISDE Italia ribadisce la propria netta contrarietà a provvedimenti legislativi che semplifichino le procedure per la combustione di rifiuti (in particolare CSS, combustibile solido secondario), nei cementifici del nostro Paese. L’intenzione, da parte del Governo, di voler riproporre questa cattiva pratica (bocciata nella precedente legislatura, in seguito ad approfondimenti, dalla Commissione Ambiente della Camera) è contraria alle più recenti direttive del Parlamento e della Commissione Europea, che chiedono invece agli Stati membri il completo abbandono del ricorso all’incenerimento nel prossimo decennio, favorendo il recupero spinto di materia. L’Italia, che è il Paese Europeo con il maggior numero di cementifici, diventerebbe lo Stato Europeo con la maggiore capacità di incenerimento, potendo contare su circa 120 impianti (tra inceneritori e cementifici) da utilizzare per la comb…ustione di rifiuti, con tutte le conseguenze sanitarie e ambientali che questo comporterebbe. Bruciare rifiuti nei cementifici (pratica economicamente vantaggiosa solo per i gestori di questi impianti e per i produttori di CSS) non ridurrebbe in maniera utile le loro elevatissime emissioni inquinanti: la modesta riduzione che si otterrebbemediante sostituzione dei combustibili fossili con rifiuti, sarebbe abbondantemente compensata da incrementi anche minimi della capacità produttiva, con incrementi importanti delle emissioni di microinquinanti persistenti nell’ambiente, bioaccumulabili e tossici per la salute umana,quali metalli pesanti e diossine. Il cemento prodotto, inoltre, ingloberebbe le ceneri tossiche prodotte dalla combustione dei rifiuti, incrementando il rischio professionale e sanitario legato al suo utilizzo. Sarebbe molto più utile, in termini di sostenibilità, se il Governo prendesse in considerazione per i cementifici il divieto di utilizzo di alcuni combustibili altamente inquinanti (ad es. ilpet-coke) e l’imposizione di miglioramenti tecnologici e di limiti produttivi ed emissivi in grado di garantire la tutela dell’ambiente e della salute pubblica ai residenti nelle vicinanze di questi impianti, molto spesso inseriti in pieno contesto urbano con gravi conseguenze sanitarie.

CALENDARIO ARTICOLI

dicembre: 2013
L M M G V S D
« Nov   Feb »
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

Segui assieme ad altri 89 follower

Blog Stats

  • 168,158 hits