You are currently browsing the tag archive for the ‘Metalli Pesanti’ tag.

I denti da latte dei bambini con autismo contengono più piombo tossico e meno nutrienti essenziali come zinco e manganese, rispetto ai denti dei bambini senza autismo, secondo uno studio innovativo finanziato dall’Istituto nazionale di scienze della salute ambientale (NIEHS), parte del NHI. I ricercatori hanno studiato i gemelli per controllare le influenze genetiche e concentrarsi su possibili fattori ambientali che contribuiscono alla malattia. I risultati, pubblicati il ​​1 ° giugno sulla rivista Nature Communications, suggeriscono che le differenze nell’esposizione ai metalli nei primi periodi di vita o, ancora più importante, il modo in cui l’organismo di un bambino li elabora, possono influenzare il rischio di autismo.

Le differenze nell’assorbimento di metalli tra bambini con e senza autismo erano particolarmente marcate durante i mesi appena prima e dopo la nascita dei bambini. Gli scienziati hanno determinato questo utilizzando il laser per mappare gli anelli di crescita dei denti da latte generati durante diversi periodi di sviluppo.

I ricercatori hanno osservato livelli più elevati di piombo nei bambini con autismo durante lo sviluppo, con la maggiore disparità osservata nel periodo successivo alla nascita. Hanno anche osservato una minore assunzione di manganese nei bambini con autismo, sia prima che dopo la nascita. Il modello era più complesso per lo zinco. I bambini con autismo avevano livelli di zinco più bassi prima nel grembo materno, ma questi livelli sono poi aumentati dopo la nascita, rispetto ai bambini senza autismo.

I ricercatori osservano che è necessaria la replicazione in studi più ampi per confermare la connessione tra l’assorbimento del metallo e l’autismo.

“Pensiamo che l’autismo inizi molto presto, molto probabilmente nel grembo materno, e la ricerca suggerisce che il nostro ambiente può aumentare il rischio di un bambino. Ma quando i bambini vengono diagnosticati all’età di 3 o 4 anni, è difficile tornare indietro e sapere a cosa sono state esposte le mamme “, ha detto Cindy Lawler, Ph.D., responsabile del ramo NIEHS Genes, Environment and Health. “Con i denti da latte, possiamo davvero farlo.”

I modelli di assorbimento del metallo sono stati confrontati utilizzando i denti di 32 coppie di gemelli e 12 singoli gemelli. I ricercatori hanno confrontato modelli in gemelli in cui solo uno aveva autismo, così come in gemelli in cui entrambi o nessuno dei due aveva autismo. Piccole differenze nei modelli di assorbimento del metallo si sono verificati quando entrambi i gemelli hanno avuto autismo. Differenze maggiori si sono verificate nei gemelli in cui solo un fratello aveva l’autismo.

I risultati si basano su ricerche precedenti che dimostrano che l’esposizione a metalli tossici, come il piombo, e le carenze di sostanze nutritive essenziali, come il manganese, possono danneggiare lo sviluppo del cervello durante lo sviluppo nell’utero o durante la prima infanzia. Sebbene il manganese sia un nutriente essenziale, può anche essere tossico a dosi elevate. L’esposizione a piombo ed alti livelli di manganese è stata associata a tratti autistici e gravità.

Lo studio è stato condotto da Manish Arora, Ph.D., scienziato ambientale e dentista presso la Icahn School of Medicine del Monte Sinai a New York. Con il supporto di NIEHS, Arora e colleghi avevano precedentemente sviluppato un metodo che utilizzava i denti da latte naturali per misurare l’esposizione dei bambini al piombo e ad altri metalli mentre si trovavano nell’utero e durante la prima infanzia. I ricercatori usano i laser per estrarre strati precisi di dentina, la sostanza dura sotto lo smalto dei denti, per l’analisi dei metalli. Il team ha precedentemente dimostrato che la quantità di piombo in diversi strati di dentina corrisponde all’esposizione al piombo durante periodi di sviluppo diversi.

Arora ha detto che l’autismo è una condizione in cui i geni e l’ambiente giocano entrambi un ruolo, ma capire quali esposizioni ambientali possono aumentare il rischio è stato difficile.

“Ciò di cui c’è bisogno è una finestra sulla nostra vita fetale”, ha detto. “A differenza dei geni, il nostro ambiente è in continua evoluzione e la risposta del nostro organismo agli stress ambientali non dipende solo da quanto siamo stati esposti, ma dall’età in cui abbiamo vissuto quell’esposizione”.

Studi precedenti relativi ai metalli tossici e ai nutrienti essenziali per l’autismo hanno affrontato limitazioni chiave, come la stima dell’esposizione basata sui livelli ematici dopo la diagnosi di autismo piuttosto che prima, o non essere in grado di controllare le differenze che potrebbero essere dovute a fattori genetici.

“Molti studi hanno confrontato gli attuali livelli di piombo nei bambini che sono già stati diagnosticati”, ha detto Lawler. “Essere in grado di misurare qualcosa a cui i bambini sono stati esposti molto prima della diagnosi è un grande vantaggio.”

Il metodo di utilizzare i denti da latte per misurare l’esposizione passata ai metalli è promettente anche per altri disturbi, come il disturbo da deficit di attenzione e iperattività. “C’è una crescente eccitazione riguardo al potenziale dei denti da latte come una ricca registrazione dell’esposizione alla vita precoce di un bambino a fattori sia utili che dannosi nell’ambiente”, ha detto David Balshaw, Ph.D., responsabile del NIEHS.

Link all’articolo originale:

https://www.nih.gov/news-events/news-releases/baby-teeth-link-autism-heavy-metals-nih-study-suggests?utm_sq=fh43tv0mjf&utm_source=Facebook&utm_medium=social&utm_campaign=The+Curious+Coconut&utm_content=News%2FScience+articles

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/28569757

Annunci

La chiarificazione della patogenesi e del trattamento dei disturbi dello spettro autistico è una delle sfide odierne. In questo studio esaminiamo le concentrazioni di 26 elementi traccia nei capelli di 1.967 bambini con disordine autistico (1.553 maschi e 414 femmine). Sono stati osservati 584 (29,7%), 347 (17,6%) e 114 (5,8%) soggetti con bassi livelli di, rispettivamente, zinco, magnesio e calcio e nel 2,0% o meno per gli altri metalli essenziali. Il tasso di incidenza della carenza di minerali è stato osservato soprattutto nei bambini di età compresa tra 0 e 3 anni. Al contrario, 339 (17,2%), 168 (8,5%) e 94 (4,8%) soggetti mostravano un elevato carico, rispettivamente, di alluminio, cadmio e piombo e 2,8% o meno, di mercurio e arsenico. Questi risultati suggeriscono che la carenza di zinco e di magnesio e/o la presenza di elevati livelli di metallici tossici nella prima infanzia possono  giocare un ruolo epigenetico principale come fattori ambientali nei disturbi autistici e che l’approccio alla metallomica può portare ad uno screening precoce e alla prevenzione dei disordini del neurosviluppo.

Link all’articolo originale:
https://www.nature.com/articles/srep01199

“Eli, Vale, Samu, Luke, Diana e Jo sono sei ragazzi che assieme alla dottoressa Andrea, loro terapeuta, passano in un tunnel di sofferenze e di incomprensioni fino a scoprire, attraverso un percorso di trasformazione personale e professionale, che la causa dei loro problemi è un ‘veleno‘ che hanno in corpo.”

La tossicità delle amalgame al mercurio è l’argomento del libro “Il Denominatore Comune – Vite sconvolte da intossicazione di mercurio“, scritto dalla dottoressa Marilina Piscolla.

http://www.biovoma.it

 

15319261_10211800185188262_8080923121094084196_n

di VALERIA PINI su La Repubblica.it – Salute

PARTICELLA dopo particella, lentamente, si insinua nelle mucose e arriva ad avvelenarci. Non solo i polmoni, non solo nel sangue. Ma anche nel cervello. La scoperta è dei ricercatori dell’università di Lancaster che, sulla rivista scientifica Pnas, hanno dimostrato, per la prima volta, che i veleni delle città penetrano anche tra neuroni e sinapsi. Particolato ultrafine di magnetite (un ossido di ferro), prodotto dal traffico e dagli impianti di generazione di energia, responsabile di malattie polmonari e cardiocircolatorie, che questo lavoro inglese lega anche all’Alzheimer.

Lo studio. Gli studiosi hanno preso in esame il tessuto cerebrale di 37 persone.  Fra questi 29  vivevano a Città del Messico, uno dei centri urbani più inquinati al mondo, e avevano tra 3 e gli 85 anni. Le altre 8 provenivano invece da Manchester, tra i 62-92 anni. Fra loro molte erano decedute a causa di malattie neurodegenerative. Tutti contenevano grandi quantità di nano-particelle di ossidi di ferro, della stessa forma sferica di quelle che si creano con la combustione, mentre quelle derivanti dal ferro presente naturalmente nell’organismo hanno forma di cristalli. In misura minore sono state trovate tracce di altri metalli, come il platino, contenuti nelle marmitte catalitiche.

Sui capelli. In un precedente test, l’autrice della ricerca, Barbara Maher,  aveva identificato particelle inquinanti sui capelli di persone che si trovavano in strade molto trafficate di Lancaster. A quel punto ha deciso di analizzare anche il tessuto cerebrale. “E’ estremamente preoccupante – commenta Barbara Maher, l’autrice principale, alla Bbc -. Quando si studia il tessuto si vedono le particelle distribuite fra le cellule, e quando si fa un’estrazione magnetica si trovano milioni di particelle in un singolo grammo di tessuto. Sono un milione di opportunità di creare danno. Queste sostanze sono un pericolo per la salute e potrebbero favorire l’insorgenza di patologie come l’Alzheimer”.

“Si tratta di particolato ultrafine che viene prodotto dal traffico, soprattutto dai motori Diesel, dagli impianti di produzione di energia e dagli inceneritori – spiega Ernesto Burgio, presidente del Comitato Scientifico di Isde-l’Associazione medici per l’ambiente – .Queste particelle possono spostarsi per decine di chilometri. Sono talmente sottili da riuscire a superare tutte le barriere biologiche: la membrana nucleare, interferendo sull’espressione del DNA, la barriera emato-cerebrale, ma anche la placenta, influendo sulla programmazione genetica del feto e aprendo così la strada a disturbi del neurosviluppo, patologie di tipo immunologico e, secondo alcuni studi, anche a tumori”.

Nessuna certezza. Le microparticelle osservate dai ricercatori inglesi sono di diametro inferiore a 200 nanometri e possono spostarsi dall’aria alle terminazioni nervose del naso e da qui al cervello. Inoltre, nei tessuti cerebrali sono state isolate nanoparticelle di metalli presenti nei motori, ma raramente nell’organismo, come il platino. Abbastanza per ipotizzare una correlazione fra malattia e smog. Ma non c’è nessuna certezza di un rapporto diretto con l’Alzheimer. “Il legame con le malattie neurologiche è dato dal fatto che il ferro “libero”, contenuto nelle particelle inquinanti, facilita la formazione di radicali liberi che alterano tutti i componenti della cellula – spiega Massimo Tabaton, professore di Neurologia all’Università di Genova dove studia proprio le cause dell’Alzheimer – . Nella malattia di Alzheimer questo fenomeno che chiamiamo stress ossidativo è una componente importante nella degenerazione dei neuroni. Anche perché facilita la produzione della proteina beta- amiloide, associata alla malattia. Ma per ora le prove non sono sufficienti per stabilire un collegamento fra eccesso di ferro e il morbo”.

Gli altri studi. Lo studio in questione non è il primo che associa l’inquinamento atmosferico a patologie neurodegenerative come l’Alzheimer. Una ricerca dell’Università del Montana, coordinata da  Lilian Calderón-Garcidueñas, aveva già messo in evidenza il particolato ultrafine e i suoi componenti metallici che se inalati o ingeriti, passano attraverso le barriere danneggiate, comprese le vie respiratorie e gastrointestinali e la barriera emato-encefalica, provocando effetti nocivi di lunga durata e, in particolare, una maggior probabilità di ammalarsi di Alzheimer.

La ricerca sui cani. “I primi studi importanti furono condotti, una decina di anni fa, nell’area di Città del Messico, a causa del suo alto tasso di inquinamento. – aggiunge Burgio – Un gruppo di epidemiologi e pediatri, coordinato dalla dottoressa Calderón-Garcidueñas, aveva individuato la presenza della forma patologica della proteina beta-amiloide, collegata all’Alzheimer, nel lobo frontale e nell’ippocampo dei cani. Insieme a questa proteina si erano depositati anche metalli pesanti. Uno studio analogo, fu condotto successivamente su autopsie di adolescenti sani, morti a Città del Messico per incidenti stradali e anche in questo caso si trovarono i depositi cerebrali di beta-amiloide alterata. In pratica gli studi della Maher confermano, dunque, il ruolo che particolato ultrafine e metalli pesanti potrebbero svolgere nella genesi di   malattie neurodegenerative – in continuo aumento nel mondo – come l’Alzheimer”.

Link agli articoli originali:

http://www.repubblica.it/salute/ricerca/2016/09/06/news/particelle_di_inquinamento_scoperte_nel_cervello-147262925/?refresh_ce

http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/27601646

 

 

 

– Comunicato Mineral Test® –
Vaccino Meningitec 

Nel periodo dicembre 2014 – giugno 2015 alla Mineral Test® abbiamo effettuato l’analisi minerale dei capelli di bambini vaccinati con vaccini Meningitec facenti parte dei lotti poi ritirati per la presunta presenza di residui metallici. Abbiamo confrontato i risultati con quelli di un ampio numero di bambini di pari età, non vaccinati con i lotti Meningitec ritirati (gruppo di controllo).

Si sono evidenziate differenze statisticamente significative tra i 2 gruppi, bambini vaccinati con i lotti poi ritirati e bambini del gruppo di controllo. Nei vaccinati con vaccino Meningitec facente parte dei lotti poi ritirati, in tutti i casi analizzati, c’è un aumento statisticamente significativo di Ferro, Selenio, Molibdeno, Germanio, Platino, Stagno, Tungsteno, Piombo, Berillio, Alluminio, Arsenico, Uranio e Palladio.

Analisi statistica:

I dati relativi ad ogni singolo oligoelemento (su un totale di 40 elementi) sono stati analizzati confrontando quelli del gruppo dei bambini che aveva ricevuto il vaccino Meningitec dei lotti poi ritirati con quelli dei bambini del gruppo di controllo. L’analisi statistica è stata effettuata con il programma Statistica 8.0 (StatSoft Italia Srl, Vigonza, PD, 2007). Mediante il test di Shapiro-Wilk si è verificata la normalità o non normalità dei dati; dati che poi sono stati analizzati con un test parametrico (t-test) nel caso di distribuzione normale o con un test non parametrico (Mann-Whitney) nel caso di distribuzione asimmetrica. Le differenze tra i 2 gruppi che all’analisi presentavano un valore di P<0,05 sono state considerate statisticamente diverse.

Accumulo di metalli pesanti (Cu, Cr, Pb e Cd) in micro alghe di acqua dolce (Chlorella sp.).

astratto

Alcune selezionate micro alghe sono state utilizzate per la rimozione di metalli pesanti da acque reflue. Nella presente indagine è stata studiata la Chlorella sp. per l’accumulazione di metalli pesanti, in particolare rame, cromo, piombo e cadmio. I sali contenenti metalli pesanti sono stati sciolti in una soluzione di Blue Green 11 Medium  a diverse concentrazioni in vasi di vetro di 10 litri ciascuno e, successivamente, è stata fatta gorgogliare aria per 12 giorni ad una temperatura di 33 gradi C e con una intensità luminosa di 2200 lux. I tassi di rimozione dei metalli pesanti sono stati registrati ogni 4 giorni durante il periodo sperimentale. Chlorella sp. Ha rimosso il  37%, 43% e 67% di rame dopo 4, 8, 12 giorni rispettivamente. La rimozione percentuale di cromo era 34%, 43% e 50% rispettivamente dopo 4, 8 e 12 giorni. i tassi di rimozione del piombo da parte della Chlorella sp. erano 56% dopo 4 giorni, 69% dopo 8 giorni e 77% dopo 12 giorni. La riduzione del cadmio nel terreno di coltura dopo 12 giorni è stata del 93%. Dalla presente inchiesta si è concluso che la capacità della Chlorella  di rimuovere i metalli pesanti può essere sfruttata per la detossificazione dei metalli e risanamento ambientale.

Link all’articolo originale:

http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/25509955

 

“Il nostro studio ha lo scopo di valutare il livello di oligoelementi essenziali e metalli pesanti nei campioni di capelli  di bambini con disturbi dello spettro autistico (ASD) e di individuare i cambiamenti che sono associati con  i disturbi dello spettro autistico. Uno studio caso-controllo è stato condotto in Child Development Center del Iashvili Children’s Central Hospital (LD – Georgia). .Abbiamo studiato 60 bambini dai 4 ai 5 anni. Le concentrazioni di 28 elementi (Ca, Zn, K, Fe, Cu, Se, Mn, Cr, S, Br, Cl, Co, Ag, V, Ni, RB, Mo, ​​Sr, Ti, Ba, Pb, As , Hg, Cd, Sb, Zr, Sn, Bi) fra oligoelementi e metalli tossici, sono state determinate nei campioni di capelli  di bambini (n = 30) con disturbi dello spettro autistico  (ASD) e dal gruppo di controllo di bambini sani (n = 30) con sesso ed età abbinati.” …… “Le carenze di microelementi traccia essenziali erano presenti in entrambi i gruppi, ma c’era una differenza significativa tra gruppo di controllo e gruppo di studio. L’elemento più carente era lo zinco (92% nel target e il 20% nel controllo), quindi manganese (55% e 8%) e selenio (38% e 4%). Eccessiva concentrazione di rame veniva riscontrata solo nel gruppo bersaglio, nel 50% dei casi. Le contaminazioni da metalli pesanti sono stati rilevate nel caso del piombo (78% e 16), mercurio (43% e 10%) e cadmio (38% e 8%). I risultati statistici dello studio hanno indicato che le carenti concentrazioni nei capelli di oligoelementi come lo zinco, manganese, molibdeno e selenio, sono significativamente legate a ASD ….. Nel caso del rame abbiamo riscontrato livelli in eccesso di questo elemento e questo dato è fortemente legato con ASD. Abbiamo trovato alta associazione e valori significativi tra le concentrazioni di piombo, mercurio, cadmio e ASD. I risultati dello studio indicano che ci sono differenze significative nelle concentrazioni di oligoelementi essenziali nei capelli dei bambini con disturbi dello spettro autistico confrontati con il gruppo di bambini sani. Il risultato ottenuto ha anche mostrato elevata contaminazione da metalli pesanti quali piombo, mercurio e cadmio nei bambini con ASD rispetto a quelli sani. Quindi, il nostro studio ha dimostrato l’alterazione dei livelli di metalli pesanti tossici e degli elementi essenziali in tracce nei bambini con disturbi dello spettro autistico rispetto ai bambini sani. Ciò suggerisce un possibile ruolo fisiopatologico dei metalli pesanti e degli oligoelementi essenziali nella genesi dei sintomi dei disturbi dello spettro di autistico.”

Link all’articolo originale:
http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/26656556

BLOG___[2]

Contesto: La continua esposizione della popolazione a xenobiotici porta inevitabilmente ad un accumulo con il conseguente aumento della infiammazione, malattie croniche connesse e rischio di cancro. Gli autori intendono studiare fattori dietetici che modulano gli effetti di tossicità ambientale legati alla presenza di “metalli pesanti” al fine di minimizzare il rischio di danno cronico in soggetti che sono esposti a zone ad elevato rischio di tossicità.

Pazienti e Metodi: Sono stati reclutati sedici soggetti che vivono in aree ad alto rischio di inquinamento tra Caserta e Napoli, che avevano avuto per ragioni diverse, una diagnosi di avvelenamento da metalli pesanti. Sono stati effettuati i seguenti esami: i) Analisi della composizione dei lipidi di membrana, come biomarker di squilibrio metabolico cellulare; ii) analisi dell’impedenza bioelettrica per la valutazione dell’angolo di fase e del rapporto intercambiabile sodio/potassio, come marcatori di alterazioni infiammatorie e metaboliche; iii) mineralogramma per valutare i livelli di metalli pesanti accumulati nei capelli.

Risultati: Dopo 90 giorni di dieta e integrazione, c’era una significativa riduzione dei livelli medi dei metalli tossici. In particolare, l’81% dei partecipanti ha riportato una diminuzione del valore di piombo, il 69% del valore di cadmio, il 44% del valore di alluminio e il 31,3% ha mostrato una diminuzione nel normale range di mercurio conseguente al piano alimentare. In aggiunta, sono state eseguite analisi statistiche.

Conclusioni: I risultati mostrano che una corretta igiene alimentare che porta a cambiamenti fondamentali nello stile di vita può contrastare efficacemente il bioaccumulo, rappresentando in tal modo non solo una strategia di prevenzione primaria, ma anche l’acquisizione di una reale valenza farmacologica visti gli effetti terapeutici che essa produce nei casi presentati di patologia conclamata.

Link all’articolo originale:
http://www.wcrj.net/article/411

La Mineral Test® ha partecipato a questa interessante iniziativa fornendo l’analisi minerale dei capelli. http://www.video.mediaset.it/video/iene/puntata/toffa-con-una-dieta-ci-si-puo-disintossicare-dai-metalli-pesanti_519780.html

ABSTRACT
CONTESTO: Il cancro rappresenta un grave problema di salute in tutto il mondo. Per questo, la ricerca di marcatori affidabili e pratici del meccanismo di malattia resta la questione chiave del processo diagnostico. OBIETTIVI: Lo studio mira a collegare lo stato in oligoelementi di un organismo, valutato con l’analisi dei capelli, con l’insorgenza di malattie tumorali. MATERIALI E METODI: Campioni di capelli sono stati prelevati da 299 pazienti malati di cancro, confermato da un test istopatologico, e da 100 controlli sani. I malati di cancro sono stati divisi in tre gruppi, a seconda del tipo di cancro: cancro ormone-dipendente, cancro del tubo digerente e cancro con elevata attività glicolitica. L’analisi degli elementi minerali dei capelli è stata effettuata utilizzando uno spettrofotometro ad emissione atomica induttivamente accoppiato al plasma (ICP OES) e spettrometria di massa induttivamente accoppiata al plasma (ICP-MS). RISULTATI: Nei tre gruppi di pazienti affetti da cancro sono state osservate minori concentrazioni, statisticamente significative, di selenio, zinco, rame, germanio, boro, ferro, e magnesio. Sono state inoltre osservate anomalie nell’asse glucosio-insulina e cambiamenti nella concentrazione di metalli pesanti e di elementi tossici. CONCLUSIONI: Sembra lecito concludere che i nostri risultati hanno confermato l’utilità dell’analisi minerale dei capelli in test di screening per la valutazione di biomarker di varie malattie tumorali nella popolazione femminile.

Link all’articolo originale:
http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/25580464

CALENDARIO ARTICOLI

luglio: 2018
L M M G V S D
« Mar    
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

Segui assieme ad altri 100 follower

Blog Stats

  • 187,115 hits
Annunci